Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

MEDEM Compagnia teatrale

Sede: Città di Castello
Sito internet: http://www.medem.it
Telefono sede: 3404752041
Referente: Mauro Silvestrini Enrico Paci
Telefono referente: 3404752041
Email referente: info@medem.it

La compagnia teatrale MEDEM si costituisce nel 2003. Opera a livello locale (Umbria-Toscana) e nazionale.
La produzione si caratterizza per essere particolarmente eclettica spaziando dal teatro di prosa alle performances artistiche, passando per il teatro ragazzi, eventi a tema, fino alla realizzazione di cortometraggi coinvolgendo professionalità sia interne alla compagnia stessa che esterne.
TEATRO DI PROSA: Tra le ultime produzioni si ricorda “Alarms!” di Michael Frayn per la regia di Enzo Aronica, “Il matrimonio perfetto”, regia di Enzo Aronica, “Donne in stile” a cura di Claudio Bellanti, “Dramma inconsistente” di Achille Campanile, regia di Massimo Boncompagni. Nel 2012, per il festival delle Nazioni di Città di Castello, “Stasera recita al Campo Pal”, omaggio all’Ungheria, regia di Enrico Paci e Mauro Silvestrini; nel 2013 veniva realizzato lo spettacolo tratto da “La biblioteca di Babele” di J. L. Borges, nel 2015 “Buongiorno signor Gauguin!”, CaLibro festival, regia di Enrico Paci. Nel 2017 ha debuttato “L’Italia s’è desta” di Stefano Massini, regia di Ciro Masella, mentre nel 2019 va in scena il nuovo lavoro "Barbara non è qui".
TEATRO RAGAZZI: Il filone del teatro per ragazzi è particolarmente attivo con almeno una produzione all’anno ed interventi in biblioteche e manifestazioni dedicate ai più piccoli. Tra gli ultimi allestimenti: “Tacco e punta l’avventura è pronta” di Irene Bistarelli; “MITICO! Lo spettacolo.” spettacolo varietà sui miti greci, di Enrico Paci.
TEATRO PER LA MEMORIA: Una attenzione particolare è stata sempre data dalla compagnia al tema della memoria, anche in virtù di una stretta collaborazione con enti pubblici locali per celebrazioni e commemorazioni storiche. Ricordiamo: “Il Cilindro, poesie dal ghetto di Varsavia”, percorso sull’opera di W. Szlengel; “Era un bel mattino dell’8 maggio 1944”, tratto dal diario di un deportato in un campo nazista; “Dentro il lager, fuori dal lager”, il rastrellamento nazista dal punto di vista di due bambini; “In viaggio verso Aushwitz”, 4 storie di deportazione.
READING: Le frequenti collaborazioni con librerie, biblioteche e scuole ci hanno portato a produzioni ispirate al mondo della letteratura, spettacoli teatrali omaggio ad autori e letture drammatizzate.
PERFORMANCE: Nel 2013 abbiamo realizzato per la fondazione “Josef Albers” lo spettacolo-performance “Ricomposizioni”, evento collaterale alle mostre dedicate al maestro del Bauhaus presso l’Accademia del Brera di Milano. Nel 2014 una nuova sperimentazione, stavolta per CaLibro festival, ha riguardato una videoinstallazione performativa ispirata a Farheneit 451 dal titolo “La Grande Famiglia”.
PROGETTO SCUOTILANCIA: Spettacoli itineranti a tema shakespeariano ispirati, in forma demenziale-parodica, alle opere del grande William. Una compagnia (quella degli artigiani del “Sogno di una notte di mezza estate”) propone versioni naïf e strampalate di drammi e commedie su ambientazione bucolica di parchi e gi

Spettacoli caricati