Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

C'era una volta una bambina. Cappuccetto Rosso

Once danzateatro
Regia: Sara Due Torri
Drammaturgia: GiovannaZoboli/Sara Due Torri
Attori: Maria Francesca Guerra, Filippo Serra, Irene Villa
Trailer: Link
Anno: 2018

Produzione di teatro danza per ragazzi, adatto e apprezzabile anche da un pubblico adulto.

Lo spettacolo è ispirato all'omonimo libro della casa editrice Topipittori: una versione nuova e diversa di Cappuccetto Rosso. Questa storia parla dell'incontro tra la bambina e il lupo come di un atto di fiducia e di amore tra due creature di regni differenti. I temi dello spettacolo sono infatti: l'ascolto autentico e il non avere pregiudizi nell'incontro con l'altro; il contrasto tra la tradizione che ci impone sentieri già battuti (la versione della fiaba che tutti conosciamo) e la creazione di una strada personale ed originale (perdersi nel bosco e fare amicizie inaspettate, creare una nuova storia); tutto questo narrato con l'attenzione e l'ironia, delicata e profonda, che l'autrice del testo, Giovanna Zoboli, mostra nell'approcciarsi alle questioni di genere (Cappuccetto Rosso è una bambina e in quanto tale è immersa in una costellazione di doveri e aspettative che definiscono il suo ruolo sociale).

"Quando la bambina vestita di rosso si inoltrò nel bosco per andare a trovare la nonna, il bosco le chiese di fermarsi ed ascoltare. Era un bosco bello, un bosco solo e cieco, con un milione di occhi. La bambina si fermò ed ascoltò. I due fecero silenzio e in mezzo crebbe il lupo. Era il regalo del bosco alla bambina, era il pegno della bambina al bosco. Il lupo e la bambina giocarono e corsero, poi si giurarono fedeltà e proseguirono ognuno sulla propria strada, ma...toc toc... irruppero nella storia quelli che la fiaba la conoscevano da sempre. L’avevano ascoltata raccontare tante volte, la storia. La sapevano a memoria, quella storia antichissima e non era così che doveva andare…"

Lo spettacolo racconta l'amore tra una bambina e un lupo, può accadere quando si ascolta il bosco! Tra una bambina e un lupo i linguaggi si intrecciano, si disfano, si annullano e si imparano, per poter comunicare, per stare insieme. E in questo incontro avviene un rito antico: nel bosco Cappuccetto Rosso compie un viaggio di iniziazione per diventare grande, percorre un sentiero...un filo rosso teso tra obbedienza e scoperta, tra cultura e natura, tra la casa della nonna e il bosco del lupo, tra la fiaba tradizionale e la sua propria storia.

Spettacolo di teatro danza, con due artisti in scena (lupo, cappuccetto, nonna, cacciatore) e una narratrice. L'allestimento minimalista , in cui dal bianco emergono i personaggi, vuole rimandare alla dimensione libresca, a quel momento quotidiano e sacro che è per i bambini la lettura della buonanotte.


Altri crediti: C'ERA UNA VOLTA UNA BAMBINA

Uno spettacolo ispirato all’omonimo libro “C’era una volta una bambina” di Giovanna Zoboli, illustrato da Joanna Concejo © Topipittori 2015 / tutti i diritti riservati/ www.topipittori.it.


Testo: Giovanna Zoboli
Regia: Sara Due Torri
Aiuto regia/ Acting coach: Alessandra Caviglia
Con: Maria Francesca Guerra e Filippo Serra
Narratrice: Irene Villa
Coreografie: Sara Due Torri, Maria Francesca Guerra, Davide Parodi
Scene e costumi: Francesca Traverso
Aiuto scene: Valentina Albino
Direzione Tecnica e Disegno luci: Federico Canibus
Tema musicale di M. F. Guerra, cantato da Eugenia Amisano
Consulenza tecnico musicale e arrangiamenti Andrea Anzaldi - Studio Apollo

Una coproduzione Once danzateatro e Fondazione Luzzati -Teatro della Tosse
con il sostegno del Goethe-Institut Genua

Spettacolo di teatrodanza per bambini dai sei anni e adulti.

www.oncedanzateatro.com

Produzione: ONCE danzateatro, Teatro della Tosse/Fondazione Luzzati Onlus

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Dimensioni utili scena 8x8m. (minime larghezza 6m. Profondità 8m.)
Tappeto da danza bianco già montato 8X8m.
Quadratura nera all'italiana GIA' MONTATA


Impianto luci
Luci

24 KW assorbimento massimo ( in caso di necessità assorbimento min 16KW )
30 Canali dimmer
1 diretta Cee a sinistra del palco
12 ETC Zoom 25/50° + portagel
8 portagobos
16 PC 1 KW + bandiere + portagel
9 basette da terra
20 ganci
8 DOMINO 1 KW + portagel
1 piantana x tagli
1 rotolo GEL 202
1 consolle ETC Smartfade 48/96
cavo dmx
luce di servizio dietro le quinte a destra



Impianto audio
Audio

1 impianto LR adeguato alla sala
2 monitor audio su fondo palco
1 riverbero per voce
1 ciabatta audio 4 mandate 4 ritorni
1 mixer analogico professionale di buona qualità
2 cavetti minijack ST / 2 Jack mono
1 microfono SHURE Beta 58
1 asta micro completa NERA
cavi XLR vari
cavi potenza vari (distanza casse 10m.)


Tempo montaggio

Generali

8 ore di montaggio
2 ore di smontaggio
2 tecnici audio/luci
1 macchinista
1 sgabello nero alto
1 leggio nero
1 luce leggio


Referente tecnico
Federico Canibus 349 577 2082
Once nasce nel 2009 a Siena in Toscana da un gruppo di danzatrici di nazionalità differenti (Italia, Palestina, Usa, Francia).
In principio, l’interesse della compagnia si è concentrato sull’esplorazione del movimento – nella sua dimensione fisiologica, antropologica e filosofica – e nell’esplorazione delle differenti pratiche d’improvvisazione. In seguito sono nati il desiderio e la necessità di imparare ciò che costituisce l’“artigianato” dello spettacolo. Così abbiamo iniziato a narrare storie. Storie per l’infanzia e storie per adulti. Per Once, i corpi, i colori e lo spazio sono la grammatica di un linguaggio che ha la sua forza comunicativa nelle immagini proposte, nei delicati equilibri che si creano sulla scena tra corpi in ascolto, ritmi registici, e amore per il dettaglio.
Nel 2012 l'associazione si è spostata a Genova e sono entrati a far parte del collettivo nuovi artisti (attori, musicisti, disegnatori del suono e delle luci, costumisti e scenografi).
I principali campi in cui Once opera sono: la ricerca e la produzione di spettacoli nell’ambito delle arti performative e l’organizzazione di eventi legati alla danza e alle arti contemporanee, la formazione e la promozione sociale in contesti di disagio.
.