Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Sutta Scupa

Sede: Palermo
Sito internet: swite.com/suttascupa acsuttascupa.blogspot.it
Telefono sede: 091 6812738
Referente: Giuseppe Massa Elena Amato
Telefono referente: 328 4748653
Email referente: giumas1978@libero.it

La compagnia ha esordito con lo spettacolo omonimo Sutta Scupa che debutta nel 2006 al Rialto
Sant’Ambrogio di Roma. La piéce ottiene un grande successo di pubblico e di critica nel corso di
una lunga tournèe nella quale attraversa prestigiose vetrine del teatro italiano e internazionale,
tra le quali il Festival Premières (Théatre National de Strasbourg). Due momenti di Sutta Scupa
vengono inseriti da Wim Wenders nel film “The Palermo Shooting”. Il testo riceve una
segnalazione al Premio Ubu 2006 alla voce “Nuovo testo italiano” e il gruppo viene selezionato tra
le migliori 8 compagnie emergenti italiane per l'iniziativa Carta Bianca (rapporti ETI-ONDA) svoltasi
a Chambery (Fr) l’anno successivo. Nel 2008 debutta al Festival delle Colline Torinesi, Rintra 'U
Cùori(a Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti). Lo spettacolo, coprodotto dal Teatro Garibaldi alla
Kalsa, viene inserito all’interno del Festival dell’Unione dei Teatri d’Europa. Nel 2011, dopo la
presentazione dello studio al Teatro Out Off di Milano, debutta al Teatro Nuovo di Napoli Nudo
Ultras. Successivamente la compagnia collabora insieme all’UTE alla produzione di Chi ha paura
delle badanti che debutta alla Schauspielhaus di Graz e vince il premio come miglior spettacolo al
festival del Museo Fratelli Cervi di Gattatico (Reggio Emilia); e produce all’interno dell’esperienza
del Teatro Garibaldi Aperto Buttitta Dreaming, un omaggio al poeta Ignazio Buttitta. Nel giugno
del 2014 presenta Richard III(straggi-luttu) alle Orestiadi nel Segno del Contemporaneo di
Gibellina (Tp), e nel settembre dello stesso anno Nel fuoco (a Noureddine Adnane) al Festival 50+1
di Piacenza. Quest’ultimo lavoro è inserito nella trilogia Chi ha paura di migrare presentata nel
gennaio del 2015 al Teatro Libero di Palermo. Nello stesso anno coproduce insieme al Napoli
Fringe Festival Scùossa, che debutta al Ridotto del Teatro Mercadante. Nel 2016, al Teatro
Patafisico di Palermo, presenta Sono venuto sull’onda rovesciata con delle perle sulla fronte, un
primo studio sull’opera poetica “Le pareti della solitudine” di Tahar Ben Jelloun. Nel 2017 vince
il bando “MigrArti” indetto dal MiBACT e attraverso un laboratorio rivolto ai migranti, sviluppa
dal punto di vista drammaturgico, Nel fuoco. L’anno scorso collabora con l’associazione CO2 di
Roma alla realizzazione di un laboratorio di drammaturgia coi detenuti del carcere minorile
Malaspina che sfocia nello spettacolo Fìesta; e presenta Orli di Tino Caspanello per la regia di
Giuseppe Massa, spettacolo nato in seno al progetto “Babilonie” vincitore del bando MigrArti
2017” indetto dal MiBACT. Quest’anno realizza, attraverso un laboratorio con gli studenti
del Liceo Artistico Almeyda di Palermo, una riscrittura del Pinocchio di Collodi; mette in
scena per la rassegna “Interludi Silenziosi” un primo studio sul testo di Giuseppe Massa
Miracolo; produce, dopo aver vinto il bando “MigrArti –spettacolo 2018”, Antigone Power
di Cristina Ali Farah per la regia di Giuseppe Massa.

Spettacoli caricati