Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Doppia Visione

Teatro del Silenzio
Regia: Federica Sansevero
Drammaturgia: Federica Sansevero
Attori: Federica Sansevero Agata Garbuio Elias Faccio al sax Annamaria Viciguerra al pianoforte Figuranti vari
Anno: 2017

DOPPIA VISIONE
Teatro interattivo per 2 attrici, maschere, pianoforte, sax
Di e con Federica Sansevero e con Agata Garbuio
Al pianoforte Anna Maria Vinciguerra
Al sax Elias Faccio

Lo spettacolo prende il titolo da un romanzo incompiuto di Sylvia Plath e andato perduto dopo la morte: un vero e proprio giallo editoriale. Chi vede doppio? Soprattutto i poeti, la cui visione deformata spesso dice la verità e catalizza la violenza e la stupidità intrinseche alle società di tutti i tempi.

C’è chi dice che si possa conoscere lo svolgimento di una vita solo individuandone il mito di riferimento.
Ted Hughes, Sylvia Plath e Assia Wevill: la storia pop di un triangolo,ma anche il destino di chi segue il Mito della Grande Dea, i cui cultori sono amanti della completezza, della pluridimensionalità, della verità e animati da un’ incessante sete di giustizia e crescita.

Ma racconteremo soprattutto la storia di due donne che hanno cercato di definire la propria identità con la maggior precisione possibile, apparentemente prive di buon senso in una società come la nostra che ha sostituito la cultura del Viaggio tipica degli anni Sessanta con quella della Sicurezza.

Vedremo inoltre come le milioni di morti anonime, frutto dell’irrazionalità delle guerre, dei genocidi, delle armi chimiche e atomiche... abbia scatenato negli animi più sensibili un forte desiderio di distinzione e di autodeterminazione.

Si cercherà poi di ricordare che la cura dei figli, l’educazione dei giovani, l’arte e le attività culturali, le relazioni interpersonali positive, l’associazionismo,l’alimentazione, e tutti gli spazi che l’essere umano si prende per migliorarsi e star bene devono entrare a far parte a pieno titolo dell’economia.

Sono temi molto seri che noi affronteremo in modo giocoso come sarebbe tanto piaciuto a Sylvia!

Ted Hughes e Sylvia Plath, la coppia di poeti più famosa degli anni Sessanta, è tristemente nota per la catena di suicidi che la relazione illecita di Ted con la copy writer Assia Wevill ha scatenato. Invece di fare del gossip, parleremo della natura profonda dell’essere umano.
BIBLIOGRAFIA
Poesie di Sylvia Plath estrapolate da varie raccolte
Sylvia Plath, La campana di vetro.
Sylvia Plath,Diari.
Sylvia Plath, Lettere alla madre.
Sylvia Plath, Fiabe.
Ted Hughes ,Lettere di compleanno e altre poesie
Ted Hughes, Shakespeare and the Goddess of complete being.
Otto Rank ,Il doppio.
Giorgio Van Straten,Storie di libri perduti.
Robert Graves, La Dea bianca.
A.Alvarez,Il Dio selvaggio. Saggio sul suicidio.
Y. Koren and Eilat Negev Lover of unreason, una biografia di Assia Wevill.
Riane Eisler,Il calice e la spade. La civiltà della Grande Dea dal Neolitico ad Oggi, Udine, Forum,2012.
Riane Eisler,La vera ricchezza delle nazioni. Creare un’economia di cura,Udine, Forum,2015.

Altri crediti: Spettacolo inserito nel progetto regionale Arteinvilla, nato per portare il teatro nelle ville storiche della bassa friulana ha coinvolto in parternariato numerose associazioni: Teatro del Silenzio, Brat Teatro, La que sabe, Accademia Musicale Città di Palmanova, Cervignano Nostra, Associazione degli studi Storici della bassa friulana, Terza Armata Friuli.

Le maschere sono state costruite da Brat Teatro

Produzione: Accademia Musicale Città di Palmanova

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Minimo 4m per 5m. Lo spettacolo nasce per adattarsi a spazi non teatrali

    Impianto luci
    12 PC 1000 Kw con ali

    Impianto audio
    Musica dal vivo

    Tempo montaggio
    2 ore

    Referente tecnico
    Stefano Podrecca 3339066811
    L'associazione giovanile Teatro del Silenzio si è da poco costituita (2016) sotto la guida della presidente e regista Federica Sansevero allo scopo di creare nuova drammaturgia sostenuta da un condiviso lavoro sulle idee e un costate studio tecnico. L'associazione è formata da attori e cantanti lirici.
    I soci si sono conusciuti lavorando al progetto "Mora d'Armenia", un monologo sugli stereotipi femminili (donna di casa, donna manager, donna straniera), scritto e interpretato dalla giovanissima Natascia Hagopian.