Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

PIANI IN BILICO

Compagnia Quattrox4
Regia: Clara Storti e Filippo Malerba
Drammaturgia:
Attori: Clara Storti e Filippo Malerba
Trailer: Link
Anno: 2017

È possibile stare seduti in aria?
Ci si può sdraiare a 5 metri d’altezza?
Cosa significa abitare uno spazio verticale?

Sinossi
Come coinquilini, i due performer condividono luoghi e abitudini quotidiane, in uno spazio che si compone su fragili coordinate, architettoniche e relazionali, in continuo mutamento. La casa è il tema fondante dello spettacolo, ossia la ricerca di uno spazio da riconoscere e in cui riconoscersi. Si attraversano tante case, si costruiscono, si vivono, si abbandonano, per poi rimettersi in cerca. I luoghi con le loro caratteristiche strutturali condizionano il percorso e la relazione tra i due performer.

Nota d’intenzione
Lo spettacolo PIANI IN BILICO nasce dal desiderio di Clara Storti e Filippo Malerba di portare avanti una ricerca sulla condizione del proprio corpo in sospensione. Partendo da una solida preparazione circense, l’intento del progetto è di esplorare lo spazio aereo, senza ricadere nella condizione di essere leggeri e eterei.
La peculiarità di questo lavoro risiede nel disegnare uno spazio tridimensionale in continuo mutamento usando semplici corde che permettono ai due performer di identificare delle coordinate e muoversi al loro interno, come nelle stanze di un’abitazione comune.
Alla base vi è l’idea di condividere con il pubblico una situazione assolutamente quotidiana, ma extra-ordinaria, in quanto sospesa. L’area d’azione è un palcoscenico al cubo, dove il pubblico si sente subito accolto, come se fosse ospitato a casa dei due coinquilini.

Disciplina circense
Lo spettacolo si articola attorno alla disciplina della corda aerea, esplorata nelle sue molteplici potenzialità tecniche ed espressive, attraverso un’approfondita ricerca sulle qualità di movimento e i diversi stili, che emergono dalla relazione con l’attrezzo.
La scena è costituita da 7 corde, che caratterizzano l’intero spettacolo e ne determinano lo sviluppo. Nella prima parte queste corde annodate insieme creano un groviglio, un nodo, un nido che occupa lo spazio scenico, trasformandolo in un palcoscenico praticabile, sospeso da terra. Nella seconda parte invece le corde sono sciolte, singole e verticali. Queste linee mettono in connessione lo spazio aereo con quello terreno, creando dei ponti che vengono continuamente attraversati dai due performer.

Altri crediti: supervisione artistica: Alessandro Maida
musiche: Andrea Ferrario
costumi: Gabriella Campagna

Produzione: Quattrox4_Laboratorio di Circo; con il sostegno di Ass. Teatro Granara, Amici di Duccio, Casa del Circo Contemporaneo

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Dimensione minima 7m X 8m
    Altezza minima per appendimento 6,30m
    Necessaria graticcia o punti di ancoraggio accessibili per il montaggio delle corde
    Necessario linoleum

    Impianto luci
    1 DOMINO 1000 W
    6 PAR 56 CP 61
    6 PC 500 W
    3 PC 1000 W

    Impianto audio
    Supporto per riprodurre tracce audio in formato Mp3 con impianto audio adeguato alla sala

    Tempo montaggio
    1 giornata per il montaggio prima del giorno di replica
    2 ore per lo smontaggio

    Referente tecnico
    Clara Storti 389 3310605
    direzione@quattrox4
    Quattrox4_Laboratorio di Circo
    Associazione fondata nel 2011 da Clara Storti, Elisa Angioni, Filippo Malerba e Marco Dellabianca, per promuovere a Milano le nuove declinazioni del circo, proponendone la pratica e incoraggiandone la visione. Il programma delle attività comprende corsi amatoriali per bambini e adulti, progetti di circo nelle scuole elementari e un calendario di seminari di approfondimento tecnico, tenuti da professionisti provenienti da tutta Europa. Oltre alla parte di formazione si da spazio a residenze artistiche e a una stagione di spettacoli e incontri, che contribuiscono a sensibilizzare il pubblico. L’Associazione ha l’obbiettivo di collaborare allo sviluppo del circo contemporaneo italiano, con il ruolo di mediatori tra artisti-pubblici-istituzioni, nell’ottica di un riconoscimento di questo linguaggio artistico.
    La compagnia Quattrox4 attualmente porta avanti la creazione di due spettacoli: PIANI IN BILICO per la sala teatrale e Flock per gli spazi urbani.

    Clara Storti
    Dopo aver praticato ginnastica artistica, all’età di 16 anni intraprende un percorso di formazione circense. Si specializza nell’acrobatica aerea seguendo stage intensivi in Italia e all’estero; approfondisce il lavoro sulla qualità del movimento in aria con Elodie Donaque e prosegue il perfezionamento tecnico con Roman Fedin e Leo Hedman. Continua a integrare nel suo lavoro sugli attrezzi aerei una ricerca sul movimento e sulla fisicità attoriale, partecipando a seminari di approfondimento con Roberto Magro, Shai Faran, David Zambrano, Martin Kilvady e seguendo un lungo percorso laboratoriale sull’ “autorialità dell’attore” con Sabino Civilleri e Manuela Lo Sicco. Lavora tra gli altri con Dario Fo, Arturo Brachetti, Massimo Navone, Angelo Pisani e Civilleri/Lo Sicco. Vanta un’esperienza pluriennale di insegnamento di circo e attrezzi aerei. Parallelamente si forma come scenografa a Milano all’Accademia di Belle Arti di Brera.

    Filippo Malerba
    All'età di 11 anni inizia a praticare le discipline circensi e si specializza negli attrezzi aerei, frequentando seminari con Roman Fendin, Terry Crane, Ana Perez De Manuel, Stevie Boyd, Leo Hedman. Viene selezionato per uno stage intensivo all’Ecole Nationale de Cirque di Montreal. Molto influenti nel suo percorso risultano gli incontri con Roberto Magro ed Elodie Donaque che lo indirizzano nell’ambito della sperimentazione circense. Nel 2010 prede parte a una tournée in Germania con un programma dell’Unione Europea. Dal 2011 partecipa agli spettacoli Solomon, Burn, QuiXote e Fellini, diretti da Firenza Guidi, e nel 2013 realizza un progetto di ricerca personale dal titolo You and Your Army sotto la sua direzione. Insegna regolarmente discipline aree. Parallelamente si laurea in Lettere Moderne e in seguito in Scienze dello spettacolo, con tesi di argomento circense: Il ruolo della regia nelle declinazioni del nuovo circo e Il circo contemporaneo in Italia: analisi e confronti sui linguaggi della corporeità.