Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

DAMMI LA TUA FINE

CampoverdeOttolini
Regia: Elisa Campoverde e Marco Ottolini
Drammaturgia: Elisa Campoverde e Marco Ottolini
Attori: Elisa Campoverde Marco Ottolini
Anno: 2013

DAMMI LA TUA FINE è un’esortazione alla rivoluzione, un urlo amorevole contro le villette e le loro staccionate, le otto ore sul posto di lavoro, le file, in macchina come al bancomat.

DAMMI LA TUA FINE è ricordarsi di dover trovare qualcosa da fare prima che Signora Morte sopraggiunga.
Un promemoria di autodeterminazione.

Una notte al Barfly.
Hank e Gin, avventore e poeta il primo, barista il secondo, quel bar lo vivono come una casa.
Il pubblico, avventore anch’esso del Barfly e Gin, vengono interrotti da Hank, il cui arrivo cambierà le sorti dell’intera serata.
Nato su palco, DAMMI LA TUA FINE ha trovato il suo ambiente naturale nel site specific, creando un rapporto unico tra spettatore e scena. Il pubblico diventa visitatore, presenza da contendersi e in fine confidente di questi due pezzi di vita che in una sera come tante, mettono a nudo se stessi, i propri sogni e il proprio passato.


Hank, poeta operaio che usa la sua arte per fuggire dalla banalità della ripetizione, perde il suo posto di lavoro, sprofondando ancora di più nel senso di precarietà che il lavoro riusciva a mitigare. Le sue giornate allora diventano camminate errabonde che sempre più spesso finiscono al bar.
Il B a r f l y è un luogo di incontro e scontro, anche per Hank e Gin. Il primo, un perdigiorno, uno spiantato, poeta e sognatore ormai vive il locale come una casa. La seconda, Gin, la barista, di quella casa ne ha fatto il posto di lavoro . Questi due pezzi di vita iniziano così a conoscersi, a confrontarsi, a parlare . In una sera , come tante altre. Hank addormentato tra le bottiglie e Gin intenta a riordinare ciò che altri disordinano. E tra una discussione sulla vita, episodi di infanzia e grida di protesta, si trovano a dover ammettere a se stessi che è giunto il momento di scegliere. Scegliere cosa fare, dove andare e perché.

Produzione: compagnia CampoverdeOttolini

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Lo spazio scenico di questa performance site-specific sono i locali, pub, ristoranti, foyer dei locali.
    Non necessita di particolari spazi scenici ma di una qualità di convivialità

    Impianto luci
    Impianto luci già presente all'interno dello spazio

    Impianto audio
    altoparlanti conformi allo spazio

    Tempo montaggio
    4 ore di montaggio
    1 ora di smontaggio

    Referente tecnico
    Marco Ottolini
    marco.carlo.ottolini@gmail.com
    COMPAGNIA CAMPOVERDEOTTOLINI
    La compagnia teatrale CampoverdeOttolini produce, organizza e progetta spettacoli e interventi culturali di drammaturgia contemporanea, con un occhio particolare alla partecipazione del pubblico, tramite l’utilizzo dei nuovi linguaggi della scena.

    Dal 2014 segue la direzione artistica della programmazione di spettacoli dal vivo del CineTeatroAgorà di Robecco sul Naviglio (MI).
    La compagnia nasce nel 2013 dalla volontà di Elisa Campoverde e Marco Ottolini e con l’intento di produrre progetti artistici che portino i due artisti a un confronto schietto con il pubblico, rendendo collettive riflessioni e domande personali.
    Con gli anni, la voglia di approfondire il relazione con il pubblico ha portato le attività della compagnia ad intensificarsi nell’organizzazione di rassegne e piccole stagioni, soprattutto nell’hinterland milanese, tutte caratterizzate dalla presenza proposte di drammaturgia contemporanea che utilizzino i nuovi linguaggi della scena.
    Le produzioni della compagnia si alternano tra spettacoli di drammaturgia contemporanea e progetti site specific che hanno portato alla fondazione di OPPURE, progetto collaterale della compagnia.
    Il team di OPPURE, composto da artisti e game designer, crea su misura storie inaspettate che aiutano gli enti sociali, che si rivolgono a comunità disgregate e poco informate, a realizzare esperienze culturali ibride, per rafforzare il loro impatto sulla comunità stessa.