Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Amalia - Una storia di balie, madre e giustizia

I LUNATICI
Regia: Cristiano Falcomer
Drammaturgia: Mirella Mastronardi
Attori: Mirella Mastronardi
Anno: 2014

Amalia Bagnacavalli in Migliorini è una delle tante figlie della montagna italiana, nata nella seconda metà del 1800, e per lungo tempo, più di un secolo, dimenticata.
La sua storia inizia nel 1890 a Oreglia, una piccola frazione sull’Appennino Tosco Emiliano, in provincia di Bologna. A Oreglia, Amalia vive con il marito Luigi Migliorini, la loro piccola figlia Adele e i suoceri; una delle tante famiglie dignitose e umili della campagna di quei tempi. Entrambi analfabeti, Amalia e Luigi si barcamenano tra la tranquillità della vita famigliare e l’inverno di quell’anno, in un’Italia governata dai Liberali di Francesco Crispi, fatta di tante “Italie” coesistenti e inconciliabili: nobili e borghesi da una parte, poveri e analfabeti dall’altra.

Era abitudine, per le donne dell’Appennino, della campagna e delle zone montane italiane, prendere a balia dalle città un bambino abbandonato. Un “bastardino”, così si chiamavano i bambini capitati, in parte per sventura e tanto per volontà storica e politica, nelle stanze gelide degli orfanotrofi sparsi al tempo in Europa. Bambini destinati a morte certa, senza il seno accogliente di una delle tante contadine che facevano della loro maternità un mestiere.
Così, Amalia prese a balia da Bologna una bambina: Paola Olivelli, un piccolo corpo sofferente. Cieca, fragilissima, una “neonata” che a dispetto dell’apparenza, di mesi ne aveva quasi tre. C'era qualcosa che le diceva di non prenderla con sé. Chiese al medico dell’Ospizio degli Esposti di darle un altro bambino, uno sano. Ma il medico disse di no. Era una bambina malata di sifilide, Paola, ed era contagiosa: Amalia si ammalò, contagiò a sua volta Luigi e la piccola Adele.

Amalia intentò causa contro gli Ospedali Riuniti di Bologna; divenne famosa in tutta Italia per la battaglia che il suo avvocato affrontò per dare voce a un’umile contagiata per negligenza da un ente potentissimo; vinse e fu frodata dalla persona a cui si era affidata; trascinò infine nel silenzio questa storia. Una vicenda incredibile e densa, che sarebbe stata determinante per la stesura dell’articolo 32 della Costituzione italiana, quasi un cinquantennio dopo.
Attraverso la storia di Amalia, troviamo tuttavia anche il racconto di un’epoca, di un’Italia che seppur lontana è purtroppo attuale: ne emerge una riflessione sui rischi, le conseguenze e le ribellioni a cui erano – e sono – esposti donne e minori, e si rendono vividi e attualissimi gli effetti sulla salute fisica, psicologica e sociale che la violenza della negligenza produce sulla vita di donne e bambini. Amalia è il simbolo del riscatto al sopruso, la voce degli oppressi del mondo campagnolo e montanaro.

Accanto alla storia di Amalia scorre la vita silenziosa di Gustavina, la mamma della piccola esposta. Suicida perché costretta a rinunciaealla possibilità di vivere la sua maternità, in un'epoca in cui mettere al mondo un figlio da nubile era un oltraggio intollerabile, perseguito dalla morale corrente. E dalla legge.

Altri crediti: Scene: Yasmin Pochat
Costumi: Roberta Vacchetta

Produzione: I LUNATICI

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Palco: Larghezza 6,00 mt., profondità 6,00 mt., piano palco 0,3/1,00 mt.
    Luce libera sopra il palco: 4,00 mt.
    N° 1 tavolo
    N° 1 sedia
    Presa 380 V - pentapolare 32 Amp.
    Presa 220 monofase linea separata 2 KW - 16 Amp.
    Le alimentazioni su indicate devono essere collocate nelle immediate vicinanze della cabina regia. (Se questo non fosse possibile, si prega di comunicarlo preventivamente alla Compagnia).

    Impianto luci
    •N°20 PC 1000 Watt con bandiera e porta gelatina
    •N°2 sagomatori Spotlight Combi 12 ZS - 1000W
    •N°2 Dimmer 6 canali (2 KW ogni canale)
    •N°1 mixer 24 canali programmabile
    •N°1 americana di sala
    •N°2 americane in palco
    •N°6 basette da terra
    •N°2 gabbie per proiettori di taglio h. 2 mt.
    •N°10 sdoppi 16A
    •N°16 ganci di appendimento
    •Caveria necessaria per il cablaggio dell’impianto

    Carico luci: 25 KW

    Impianto audio
    •N°1 mixer audio 4 canali con due uscite ausiliarie
    •N°2 Diffusori audio
    •N°1 lettore CD
    •N°1 radio-microfoni ad archetto - DPA 4061 Carne Omni

    Tempo montaggio
    Tempo di montaggio: 6 ore
    Tempo di smontaggio: 2 ore

    Referente tecnico
    Cristiano Falcomer 3474165480
    La compagnia nasce nel 2001. Aggregazione e condivisione di intenti sono alla base della compagnia; grazie alla passione di artisti di diversa formazione (attori, musicisti, ballerini), realizza, nell’ambito del Teatro Ragazzi, una serie di spettacoli programmati nelle più importanti rassegne e festival per le nuove generazioni (285 repliche, 46780 spettatori) Gli spettacoli sono concepiti nello stile francese “tout public”, surreali e fantasiosi, comunicano in modo semplice e diretto, pur avvalendosi di un linguaggio teatrale articolato. Negli ultimi anni invece le produzioni si rivolgono a un pubblico adulto, prediligendo la drammaturgia contemporanea.
    Collabora con Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani, Sistema Teatro Torino, Regione Piemonte, Provincia di Torino.
    Svolge un capillare lavoro sul territorio conducendo laboratori per bambini e ragazzi, organizzando corsi e seminari per gli adulti (negli anni: 80 laboratori, 1680 ragazzi, 150 insegnanti, 3360 genitori/spettatori)

    I Lunatici sono anche gli ideatori e gli organizzatori di:
    LUNATHICA, Festival di Teatro Ragazzi e Circense, adatto a tutte le età, giunto ormai alla sua decima edizione. Il Festival è finanziato dalla Regione Piemonte, Provincia di Torino, Comune di Nole, Comune di Ciriè, Fondazione CRT e Progetto Teatro Ragazzi e Giovani.
    TRA TERRA E MARE, Festival Internazionale delle Arti di Strada della Riviera Friulana. III edizione. Si tiene in Agosto da Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Palazzolo dello Stella, Precenicco e Ronchis (Udine).
    Finanziato da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Lignano Sabbiadoro Gestioni Spa, BCC - Credito Cooperativo di Basiliano e Aspiag Service Spa.