Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

KNOTS - Regole per essere felicemente infelici

Itinera - Arte en Expansion
Regia: Else Marie Laukvik
Drammaturgia: Julia Filippo
Attori: Julia Filippo
Trailer: Link
Anno: 2015

SINOSSI:
Secondo il “United Nation Commition on Human Rights” ci sono circa 100 milioni di persone che vivono per strada nel mondo. L’ infelicità è dolorosamente necessaria… Ma cosa è l’ infelicità? Possiamo essere sicuri della felicità o infelicità di qualcun altro?
Nello spettacolo “KNOTS - regole per essere felicemente infelici”, confrontiamo le nostre vite con quella di Nina, una donna italiana che passò più della metà della sua vita a vivere per strada, guardando gli occhi delle persone che distrattamente le camminavano addosso.
Lungo il percorso di Nina, conosceremo i ricordi di un' infanzia spensierata, ed i suoi tormenti che la legano al passato attraverso quelli che in psicologia vengono chiamati "nodi" .
Lo spettacolo è lo spazio di un ricordo, di un momento che ha cambiato la direzione di una vita, trasportata su di un letto nuovo ogni notte. E‘ l’ essere libero, vivo, e presente in tutti gli angoli oscuri della città come trasparente fantasma. Attraverso la profonda conoscenza di sè ed una folle auto ironia Nina giungerà alla mediazione tra questi due opposti sentimenti.
Ad una vita felicemente infelice...
PAROLE DELLA REGISTA:
“Lo spettacolo presenta domande alle quali ogni spettatore troverà personali risposte. Seduta tutta sola sulla spiaggia, ascoltando il canto del mare che le onde hanno creato in secoli di movimento, Nina aspetta il ritorno del passato e non si domanda se è felice o no, non le importa. Le balene fanno un lungo viaggio dal sud fino a nord del nostro pianeta. A metà del viaggio si incontrano e cantano ispirate da quanto successo nelle loro traversate. Non solo le balene sentono l'esigenza di comunicare le loro vite, anche noi. Felice o no, solamente con la relatività del tempo potremo giudicare. La strada, direzione o percorso che sia, segue sempre correnti predefinite, ma a volte dei nodi possono creare deviazioni. La traversata nella creazione di questo spettacolo è stata bella. Le onde erano forti ma non troppo violente e questo mare in cui ci siamo tuffate ha presentato tante sorprese delicate. Ogni tanto eravamo confuse e felicemente infelici, altre volte fiere ed infelicemente felici.”
ELSE MARIE LAUKVIK

ELSE MARIE LAUKVIK
Nata nel 1944, a Oslo, è membro fondatore dell’ Odin Teatret creato in Norvegia nel 1964. Partecipa al lavoro pedagogico e attoriale della compagnia e fa parte di tutti gli spettacoli tra i quali “Ornitofilene”, “Ferai”, “The book of Dances” e “Come! And the day will be ours” fino al 1987. Parallelamente al suo lavoro di attrice nel teatro, Else Marie lavora anche come regista della compagnia “Teatret Marquez” di Aarhus, Danimarca dal 1981 al 1991. Lavora come regista freelance con Munin Teatret (Danimarca) nel 1997, Teatro Actores Alidos (Italia) nel 1999, Rogo Teatro (Italia) nel 2002, Associazione Culturale Teatro dell'Albero (Italia) nel 2003. In turnèe in Australia e Nuova Zelanda nel 2004 come regista della performance “Ingebor Stuckenberg" ed in molte altre.

Altri crediti: Presentato al Festival Mujeres en Escena 2015
Invitato Internazionale al Teatro Casa de Artistas
Finalista nel contest Teatro Senza Filo
Invitato al Festival Internazionale di Colombo, Sri Lanka
Invitato al Festival Internazionale organizzato dalla Biblioteca Alessandrina - Alessandria d' Egitto

Produzione: co - produzione: Itìnera - Nordisk Teater Laboratorium

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Lo spettacolo non richiede spazi scenici particolareggiati. Preferibile a terra legno o tappeto da danza.

    Impianto luci
    6 luci per 64 con possibilità
    di posizionarle a terra
    4 luci per 64 (due frontali
    e due laterali)
    1 controluce

    Impianto audio
    NON è necessario impianto audio poichè la musica verrà suonata dal vivo con fisarmonica e ukulele.

    Tempo montaggio
    Due ore per il montaggio e 30 minuti per lo smontaggio

    Referente tecnico
    Stephane Ferreira
    steferreira@hotmail.fr
    ITÍNERA, ARTE EN EXPANSIÓN è una compagnia internazionale italo-colombiana con sede a Bogotà, Colombia e che si appoggia per progetti italiani all' associazione culturale "Il Centro" con sede a Rimini. E' un progetto culturale ideato da artisti, pedagoghi e gestori culturali con il proposito di promuovere il benessere e lo sviluppo degli esseri umani, e l' ambiente attraverso beni e servizi culturali incentrati sull' arte, l' esperienza estetica di qualità e la trasmissione di una rete a livello internazionale.

    Fondata nell' anno 2009 in Danimarca, nel 2010 stabilisce la sua sede principale a Bogotà, Colombia. Nel 2013 apre una sede a Barcelona, Spagna.La sua prima produzione scenica, "metaMORPHEOsis" è stata creata nel 2010-11 e appoggiata dal bando "Giovani Talenti 2009 // ICETEX" e dal "Fondo Iberoamericano para las Artes Escénicas IBERESCENA 2011 (Spagna)". Lo spettacolo si fece in Danimarca, e Itìnera fu compagnia ospite del Nordisk Teater Laboratorium, con la regia di Else Marie Laukvik La prima dello spettacolo avvenne al Teatro Lux di Pisa – Italia, con repliche a Pontedera e Pistoia. Durante il processo di creazione fu anche presentata nel carcere minorile di Bogotá e con i collettivi giovanili della "Fundación Funámbulos" a San Luis de la Calera - Bogotá. Participa al Festival Alternativo 2010 e riceve il "Premio Nuevo Teatro del Festival Arteusaquillo 2011".

    Durante tutto il 2012 realizza una tournée in tutta l' America Latina, presentandosi nel Teatro Maguey di Lima e nell' "Instituto Peruano Norteamericano de Cusco" in Perú. In Bolivia: nella "Comunidad de Productores de Arte - COMPA" del Teatro Trono. In Paraguay: nel Teatro Municipal Ignacio A. Pane e nel "Planta Alta Galería". Realizzò a Montevideo (Uruguay), spettacoli nello spazio Urbano Cultural, che si occupa di lavorare con senzatetto attraverso l' arte. In Argentina si realizzarono presentazioni a Córdoba nel Teatro Quinto Deva, a Jujuy nel Teatro de la Vuelta del Siglo, ed altri. In Colombia nel Teatro La Guagua di Pasto, Teatro La Reculá del Ovejo di Cartagena, Teatro Bernardo Romero Lozano, ed altri.

    I seminari diretti a performers professionali o a comunità di bambini e adolescenti si realizzarono in Perú, con la associazione Cultural Puckllay, in Bolivia con "Alto Teatro", in Jujuy con Estación Perico, in Uruguay con Urbano Espacio Cultural. In Paraguay con il corpo di ballo del Teatro Municipal Ignacio A. Pane.

    In Agosto de 2012 Itínera è selezionata come gruppo residente nella Casona de la Danza con come risultato la produzione scenica "Culpable", presentata per la prima volta nell' agosto del 2013 nel Teatro García Márquez, invitata poi al Festival Alternativo 2014, al Teatro Tecal e al Festival Movimiento Continuo 2014.

    Nel 2015 la nuova produzione "KNOTS - Regole per essere felicemente infelici" viene invitata al "Festival de las mujeres en escena 2015", al Teatro Casa de Artistas" e al Teatro Rossi di Pisa.