Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Amore Ricucito

Carichi Sospesi
Regia: Marco Caldiron
Drammaturgia: Anthony Neilson
Attori: Anna Benico, Marco Tizianel
Trailer: Link
Anno: 2015

Amore Ricucito è il tentativo di mantenere in vita un legame inesorabilmente predestinato: due amanti si accaniscono crudelmente tra loro, in una sorta di gioco senza scampo, un gioco che sembra essere stato progettato da un dio spietato e lontano che tesse i fili di un destino già cucito.
Tutto ruota attorno ad un Prima e ad un Dopo, che si intrecciano senza un chiaro ordine cronologico, lasciando allo spettatore il compito di ricomporre l'intera trama.

Dialoghi serrati, giochi erotici, test inconcludenti, cambi di ruolo sono gli elementi utili a sviscerare questa disperata storia d'amore.

Note di regia

La scelta di lavorare su "Amore Ricucito" di Anthony Neilson, riflette l'attuale posizione che sentiamo di aver raggiunto nel nostro percorso. Si tratta infatti di un lavoro che utilizza un linguaggio apparentemente quotidiano ma in cui si insinuano tra le parole, attimi e respiri che raccontano un'altra storia, una storia fatta di perdita e della disperata, fragile, violenta, ricerca di un senso nello sopravvivere l'uno accanto all'altra.
Anche la scelta della luce denota una scelta narrativa e non illustrativa, ridefinendo continuamente lo spazio scenico e permettendo all'attore di utilizzare dinamicamente le fonti luminose in una sorta di partitura che fa da contrappunto alla scrittura drammaturgia facendo sì che lo spazio acquisti non solo una sua specificità fisica ma anche emotiva.
L'attore deve avere piena consapevolezza di quale corpo abita, segnalando la presenza in scena in modo definitivo. Evitando di cadere nella trappola del 'psicologismo', si attiva un lavoro in cui l'attore viene condotto verso la costruzione di un corpo specifico, fisico, fisiologico (tensioni, leve, resistenze) raggiungendo così un corpo narrante, consapevole e capace di avere un senso in scena per il solo fatto di essere.
Lì ora.
Prima di raccontare, siamo.

Altri crediti: costumi Francesca Imoli

Produzione: Carichi Sospesi

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Spazio di rappresentazione minimo 6m x 4m;
    Richiesta, preferibilmente, l'oscurabilità totale della sala.

    Impianto luci
    4 QPS 1000w per piazzato sul palco + bandiere;
    1 QPS 1000w per pioggia;
    1 lucciola per speciale su palco (procurabile dalla compagnia);
    2 dimmer 6 canali;
    1 mixer luci.

    Impianto audio
    Impianto audio adeguato allo spazio;
    3 mic gelato tipo SM58 Shure (procurabile dalla compagnia);
    1 mixer audio;
    ciabatta audio su palco o eventualmente avere la possibilità di 3 ritorni cannon su palco.

    Tempo montaggio
    Montaggio 3 h
    Smontaggio 1 h

    Referente tecnico
    Marco Caldiron 347 4214400
    L’associazione culturale Carichi Sospesi nasce a Padova alla fine del 1998 con l’intento di promuovere laboratori di animazione teatrale nel disagio psichico e fisico, produrre spettacoli teatrali, sperimentare nuovi linguaggi e nuove tecniche. Nel 2003 viene aperto il circolo culturale, un luogo di incontro e di confronto che nasce dal bisogno di creare un teatro aperto che possa accogliere oltre agli spettacoli ed ai corsi anche una forma di socialità, di scambio, di contaminazione in cui le idee siano circolari e non debbano trovare terreno di confronto solo attraverso momenti di spettacolarità. Un luogo teatrale in cui diverse forme di espressione si incontrano, si contaminano, un luogo in cui si può continuare a parlare, a discutere, ad ascoltare. Uno spazio in cui imparare, approfondire tecniche, accrescere le nostre conoscenze, uno spazio in cui accogliere corsi, stage, laboratori, dimostrazioni di lavoro.
    L’associazione Carichi Sospesi cura da ormai 20 anni la Direzione Artistica del Festival Internazionale del Teatro in Strada di Caorle “LA LUNA NEL POZZO”, evento tra i più importanti in Italia di questo genere che conta ogni anno più di 150.000 presenze e più di 100 artisti. L’associazione organizza inoltre il festival “I GIARDINI SOSPESI – immagini & suoni” un festival di immagini e di suoni, un viaggio attraverso il teatro, la musica e le parole. La manifestazione, giunta alla sua ottava edizione, si propone di offrire un’ampia panoramica artistica delle realtà culturalmente attive nel territorio e di ospitare importanti artisti di fama nazionale e internazionale che qualificano, arricchiscono in un’ottica di scambio culturale, il festival.

    PRODUZIONI TEATRALI

    1999 / 2000 “Santiago” liberamente tratto da Il vecchio e il mare di E. Hemingway.
    2001 / 2002 “Pensi mai a me?” liberamente ispirato a Giorni felici di Samuel Beckett.
    2003 “Il gatto” liberamente tratto da L’inventore di sogni di Ian McEwan.
    2004 “In vino veritas” racconto di fantasmi per chitarra e voce
    2005 “Assedio” liberamente tratto da Il deserto dei tartari di Dino Buzzati.
    2005 /2006 “eMMe” da Macbeth di William Shakespeare - Selezione Premio Scenario 2005
    2006 “MLK” liberamente tratto da Martin Luter King di Tom Benetollo.
    2006 “Che io sia dannato!”
    2006 “North B-east”
    2008 “Undici del mattino” da Perversioni sessuali a Chicago di David Mamet e dai quadri di Edward Hopper
    2010 “Mechanicae” installazione di teatro danza
    2011 “Groppi d'amore nella scuraglia” di Tiziano Scarpa
    2015 “Amore Ricucito” di Anthony Neilson
    2015 “Gli Snicci” liberamente ispirato al libro omonimo del Dr.Seuss