Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

I Pazzi

Carmentalia
Regia: Jacqueline Bulnes
Drammaturgia: Jacqueline Bulnes (testo di Edgar Allen Poe)
Attori: Jacqueline Bulnes (coreografa/danzatrice) Stefano Vona Bianchini (assistente coreografa/attore/danzatore) Elisa Lucarelli (attrice) Andrea Trovato (attore) Margherita Massicci (attrice) Giuseppe Sangiorgi (attore/danzatore) Alessandro di Murro (attore/danzatore) Michele Degirolamo (attore/danzatore)
Trailer: Link
Anno: 2015

“I Pazzi” è ispirato al capolavoro di Edgar Allan Poe, "Il Sistema del Dottor Catrame e del Professor Piuma" -1978. E la storia del viaggio di un uomo che si reca in visita ad un manicomimo privato, nascosto tra le province del sud della Francia, dove viene a conoscenza del “Sistema della dolcezza”, metodo che si dimostrerà troppo dolce. “Non credere a niente di cio che senti e solo alla metà di quel che vedi”. Dal primo ingresso in mancomio, un uomo di nome Monsieur Maillard si presenta come il sovrintendente, informando il giovane visitatore che il manicomio non applica ormai piu il sistema della dolcezza come una volta. Precedentemente il sistema della dolcezza prevedeva una completa libertà da parte dei pazienti del manicomio. Col tempo questa pratica si dimostrò pericolosa da gestire, quindi Maillard promette al visitatore una dimostrazione del nuovo sistema dopo cena. Incuriosito dalla storia di Maillard il giovane visitatore lo segue in una lussuosissima sala da pranzo affollata di ospiti e colma di cibo. Uno alla volta I commensali cominciano a condividere le loro storie riguardo i pazienti del manicomio, la conversazione dopo poco sfocia in comportamenti estremamenti infantili da parte degli ospiti. Nel frattempo Maillard rassicura il visitatore che I pazienti sono stati rinchiusi per ragioni di sicurezza mentre, per quanto riguarda I commensali, si tratta semplicemente di un colorito gruppo di persone. Maillard spiega che il nuovo metodo fu inventato dai dottori Catrame e Piuma e rimane scioccato nell'apprendere che il giovane visitatore non ha mai sentito parlare di loro. Quindi egli insistette sull'importanza del nuovo metodo spiegando come una volta I pazienti provocarono una rivolta, imprigionando I loro custodi (tutto il personale ospedaliero), per poi cosi godere del vino, della bellezza e della terra circostante. Tutto d'un tratto le finestre della sala da pranzo si rompono in mille pezzi accompagnate dal suono di urla umane. Irrompono cosi nella sala i veri custodi del manicomio, precedentemente inprigionati dai loro pazienti, quegli stessi schizzofrenici ora seduti al tavolo con il visitatore.
Il sistema del dott. Catrame e del dott. Piuma, esposto precedentemete da Maillard al visitatore, consisteva nel ricoprire i pazienti, ovvero il reale personale ospesaliero, col catrame rivestendoli poi con piume. Molti anni prima Maillard era stato sovrintendente del manicomio, motivo per il quale impazzi. Fu infatti lui ad organizzare, da paziente, la ribellione riimpossessandosi della carica di sovrintendente.
“I Pazzi” esplora la sottile linea di confine tra pazzia e sanità, mantenendola del tutto sfocata.

Produzione: Q Academy (Teatro Quirinetta-Roma), Fondazione di Roma

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Durata dello spettacolo: 45 minuti
Carico elettrico: 200KW
Dimensione dello spazio scenico:
larghezza minima: 11m
profondità minima: 9m
Scena:
7 sedie nere/scure di legno
quinte nere

Impianto luci
Luci:
Attrezzatura:
LED PAR 120W (20)
Fresnel 8" 1000W (8)
P.C. 500W (10)
ETC Source four 19° 575W (8)
ETC Source four 26° 575W (12)
ETC Source four 36° 575W (18)
ETC Source four 50° 575W (8)
Accessori:
doppiatore (10)
porta gobo (8)
iride (4)
Cavo :
3M (20)
5M (30)
10M (20)
20M (15)
Consolle DMX512 (1 96 canale. memorabile)
Dimmer (96 2.5KW/canale)

Si richiede a carico del teatro personale per aiuto smontaggio e montaggio
scene (un elettricista e un macchinista).

Impianto audio
Fonica:
6 diffusori
1 amplificatore
1 mixer audio
2 lettore cd

Tempo montaggio
Tempo di scarico e montaggio: 2 ore
Tempo di smontaggio e carico: 1 ora

Referente tecnico
Raffaella Vitiello
3398277473
Nasce nel 2007 dalla passione per il teatro di tre giovani attori neo-diplomati all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”: Andrea Trovato, Giulio Forges Davanzati e Stefano Vona Bianchini.
I Carmentalia erano giorni di festeggiamenti in onore delle partorienti e della ninfa Carmenta, loro protettrice, la quale profetizzò ad Enea la grandezza di Roma. I fondatori dell'Associazione scelgono questo nome come augurio per la nascita di sempre nuovi progetti insieme.
L’obiettivo dell’Associazione è quello di promuovere attività culturali che valorizzino i percorsi individuali ma che creino al contempo sempre nuove collaborazioni con realtà nazionali ed internazionali, al fine di realizzare valide e professionali proposte artistiche. Carmentalia organizza, produce e promuove la crescita e lo sviluppo di forme di spettacolo sempre diverse sperimentando la commistione tra i diversi generi con particolare attenzione alla nuova drammaturgia, ai giovani artisti e alle nuove realtà culturali.
Dal 2014 sono entrate a far parte di Carmentalia: Alessia Sorbello, attrice ed organizzatrice teatrale, diplomata all’Accademia d’Arte Drammatica “U. Spadaro” del Teatro Stabile di Catania e Jacqueline Bulnes, danzatrice statunitense solista presso la prestigiosa Martha Graham Dance Company.

PRODUZIONI:

Teatro di Prosa
2020: "EsseRemme" di Stefano Vona Bianchini. Con Stefano Vona Bianchini, Simone Corbisiero, Valeria Romanelli e Giorgio Squilloni.
2018: “Incognito” di Nick Payne con Graziano Piazza, Anna Cianca, Giulio Forges Davanzati, Désirée Giorgetti, regia Andrea Trovato. Coproduzione con Gli Ipocriti di Melina Balsamo.
2017: “Il Gioco” di Franca De Angelis con Anna Cianca, Alessia Sorbello e Andrea Trovato, regia di Christian Angeli. Coproduzione Fattore K.
2015: “On The Revolutionary Road” di Samuele Chiovoloni (tratto dal romanzo “Revolutionary Road” di Richard Yates) con Giulio Forges Davanzati e Elisa Menchicchi, regia Samuele Chiovoloni.
2012: “Qui” di Michael Frayn, con Anna Cianca, Alessia Sorbello e Andrea Trovato, regia A. Trovato.
2011: “Allarmi & Doppioni” di Michael Frayn, con Marius Bizau, Giulio Forges Davanzati, Valeria Panepinto e Alessia Sorbello, regia A. Trovato.
2007: “Dio” di Woody Allen, con gli attori neo-diplomati dell’Accademia Silvio d’Amico, regia Andrea Trovato.

Teatro di Figura

2013: “Il Viaggio” di e con Andrea Trovato e Alessia Sorbello, regia A. Trovato.

Teatro Ragazzi
2019: "Marco nel Pianeta degli Alberi di Natale" di e con Alessia Sorbello, Antonio Randazzo e Andrea Trovato.
2016: “Alice nel Paese dei Burattini”, testo e regia di Alessia Sorbello, con Viviana Picariello e Alessia Sorbello. Burattini di Daniela Remiddi e Andrea Trovato.
2015: “Erbamatta”, testo e burattini di Daniela Remiddi, con Alessia Sorbello e Viviana Picariello. Regia di Alessia Sorbello.
2013: “Burattin Bum Bum”, testo e regia di Alessia Sorbello, con Alessia Sorbello e Andrea Trovato. Burattini di Daniela Remiddi.

Teatro Danza

2014: “Moon Motel” con la Compagnia Twistinkers, regia di Jacqueline Bulnes.