Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

ERO DI - Studio -

EXIT
Regia: Deborah De Bernardi e Pasquale Passaretti
Drammaturgia: Deborah De Bernardi
Attori: Deborah De Bernardi, Pasquale Passaretti
Anno: 2018

Lo studio prende avvio da Erodiade di Testori per ridare voce a ciò che è rimasto ai margini, alla necessità di reinventare, per frammentazione e distorsione, una scrittura per dirlo. ERO DI, come una frase, una storia da completare, una materia aperta che riflette questa figura che assume valore nel passato imperfetto, non per quello che è, ma in ciò che ha perso. ERO DI è tutto ciò che Erodiade non è più. Una regina che perde pezzi, fragile, mutilata, in una solitudine senza più aspettativa. ERO DI è il corpo, fisico e psichico, di una donna nell’istante in cui tenta di uscire, non senza violenza, dalla cornice culturale nella quale era stato confinato. Un corpo sempre DI qualcun altro, formato e modellato, rappresentato, idealizzato, reso conforme ai canoni estetici ed etici che ora diventa pura materia sulla quale, la memoria, il dolore, gli affetti, sono iscritti come segni indelebili, gravi, profondi. Una ricerca che vuole ridare a questo corpo di donna un non genere, un non sesso, una fisicità, che trascenda e trasgredisca i codici ad oggi adottati, al limite di una dimensione pre-verbale, perché in scena la parola, come il costume, e la scena stessa è una prigionia. Donna non più condiscendente, che ha terminato la guerra agli altri e che inizia una lotta, come un canto, con se stessa, fuori da quei canoni sempre riconoscibili e tranquillizzanti per il mondo in cui siamo abituati a vivere.

Altri crediti: musiche e suoni: Michele Sorvillo
luci: Alberto Sala
con la collaborazione di: Valentina Ciardi
foto: Sabrina Casiroli
si ringrazia: Videozone, Macao, Associazione Etérnit

Produzione: Collettivo EXIT

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Preferibile un minimo di 6x6 e bianco.

    Impianto luci
    N° 12 canali dimmer
    N° 01 banco
    N° 03 QS 1000W conversione fredda ( due su basetta uno di contro da americana o stativo)
    N° 01 ETC 575 W conversione fredda (di taglio da americana o stativo)
    N° 05 DOMINO (unico canale a terra)
    N° 01 MINI PC/FRESNELL 300w (su basetta)
    N° 02 SUPERLUCCIOLA 75w 24° conversione fredda (su basetta)
    N° 01 SUPERLUCCIOLA 75w 8° (su basetta)
    N° 01 NEON T5 54W freddo (appeso da americana o stativo)
    N° 01 STROBO ( CANALE BANCO se non dmx prevedere 01 mini pc come “zavorra”)

    Impianto audio
    1 impianto audioadeguato allo spazio
    1 microfono dinamico Shure SM-58
    1 cavo microfonico adeguato alla distanza scena/regia
    1 asta microfonica
    1 mixer audio di linea con almeno:
    • 1 canale microfonico con ingresso XLR
    • 5 canali mono con ingresso di linea TRS
    • 3 mandate ausiliarie mono

    Tempo montaggio
    50 min

    Referente tecnico
    Alberto Sala 348 6522573
    a.saladesign@gmail.com
    La compagnia EXIT, nasce nel 2010 con il nome di MaisonFou . Siamo cinque artisti, ognuno con un esperienza differente alle spalle, che da cinque anni lavorano insieme mossi da una medesima esigenza. Non volendo entrare a far parte dei circuiti teatrali già esistenti e convinti della possibilità di una possibile “rivoluzione” del sistema teatrale odierno, che NON funziona, stiamo cercando di trovare collaborazioni con le molte e giovani realtà che condividono il nostro stesso progetto. Le finalità artistiche che si pone la nostra compagnia EXIT è una continua ricerca sulle possibilità dell’arte, non puramente teatrale, ma performativa in genere. Una ricerca che mira nel tempo, attraverso una forte interdisciplinarietà, a recuperare un significato di vera esperienza. Siamo convinti che lo spettacolo debba essere qualcosa in grado di interagire profondamente, anche a distanza, sull’intelligenza, sulle emozioni e sul vissuto dell’individuo, che parli del contemporaneo al contemporaneo, che debba intervenire con modalità che vanno dal propositivo al provocatorio rispetto al contesto della vita sociale e culturale in cui si trova a sperimentarsi, e che si riveli sempre portatore di elementi e valori nuovi.
    2010 - Produzione: Exit_La tentazione di esistere
    2012 - Produzione : ANACRONIA
    2015- Produzione: ERO DI (primo studio)