Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

ZELDA / Vita e Morte di Zelda Fitzgerald

Piccola Compagnia della Magnolia
Regia: Giorgia Cerruti e Davide Giglio
Drammaturgia: Giorgia Cerruti e Davide Giglio
Attori: Giorgia Cerruti
Trailer: Link
Anno: 2014

Zelda Sayre Fitzgerald: artista eccentrica poliedrica, moglie dello scrittore Francis Scott Fitzgerald. Autrice nel 1932 del meraviglioso romanzo autobiografico “Lasciami l'ultimo valzer”. Morì all'età di quarantotto anni in circostanze oscure nell'incendio dell'ospedale psichiatrico in cui era ricoverata a causa della sua instabilità mentale dovuta ad una grave forma di schizofrenia. Una donna dagli atteggiamenti anticonvenzionali e spregiudicati considerata una proto-femminista. Zelda e Fitzgerald, uniti da una straziante e struggente storia d’amore, sono stati un'icona della nuova Età del jazz in America e successivamente sono diventati negli anni ’20 un modello per l’Europa, attraversata dalla coppia durante i lunghi ed estenuanti ricoveri di Zelda.

Sull'ultimo giaciglio dell’artista, sola e convalescente per congestione d'idee in un letto di un oscuro ospedale psichiatrico della provincia americana, si ripropongono le parole di una Zelda già in attesa della morte otto anni dopo il compagno. E da sotto il lenzuolo vengono estratti come rigurgiti dell'anima i simboli di una vita: un pegno d'amore di Scott, carte, lettere, giornali, fotografie.

Al pari della Winnie beckettiana, Zelda sopravvive in un atollo di detriti di vita, tenacemente spolverati per inseguire l’ombra di un’ipotetica felicità: entrambe metafora di un mondo che le ha partorite e che ora le inghiotte. E poco importa è che quel mondo sia specchio del banale o del sublime quotidiano: un solo brivido di felicità, qualunque esso sia, vale l’intero arco di un’esistenza.
Con questo lavoro Piccola Compagnia della Magnolia approfondisce ulteriormente la propria ricerca teatrale nella sintesi tra ricerca formale e densità emotiva, affidando alla figura emblematica di Zelda la metafora di un’inesausta ricerca del sublime.
Un lavoro intimo, poetico e vivo, avvolto da un nauseabondo odore di rose rosa.

Produzione: Piccola Compagnia della Magnolia

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
minimo 3 x 3
Lo spettacolo è adatto a spazi piccoli, in prossimità col pubblico; adatto anche a spazi non convenzionali

Impianto luci
LUCI:
- mixer luci manuale
- 1 par
- 4-6 Pc da 1000 W con bandiere e porta gelatine

Impianto audio
AUDIO:
- 1 piastra cd
- Microfono archetto, color carne (in dotazione alla nostra compagnia)
- Mixer audio

Tempo montaggio
montaggio 1 h 30
smontaggio 30 mn

Referente tecnico
davide Giglio
tel. 339 8232634
info@piccolamagnolia.it
PICCOLA COMPAGNIA DELLA MAGNOLIA
Direzione Giorgia Cerruti

Piccola Compagnia della Magnolia si identifica nella ricerca condotta da Giorgia Cerruti e Davide Giglio, che fondano la Compagnia nel 2004 e da allora se ne prendono cura.
Giorgia Cerruti si forma dal 1999 al 2001 presso il Théatre de l’Epée de Bois/Cartoucherie de Vincennes di Parigi con il maestro Antonio Diaz – Floriàn, costante punto di riferimento. Giorgia Cerruti (attrice e regista) e Davide Giglio (attore) attraversano momenti di studio e ricerca con Michele Di Mauro, Judith Malina, Eugenio Allegri, Danio Manfredini, Linda Wise, Enrique Pardo, Philippe Hottier, Gabriele Vacis, Oskaras Korsunovas, Declan Donnellan, Jean-Jacques Lemetre, Ellen Stewart, Claudio Collovà, Elena Bucci, Tomi Janezic.

La Compagnia, in comunione con una fraterna cerchia di artisti con cui da anni collabora, realizza ad oggi circa tredici spettacoli, distribuiti in Italia e all’estero presso numerosi festival e stagioni legati al contemporaneo. La Compagnia ha portato i propri lavori in Francia, Svizzera, Ungheria, Macedonia, Polonia, Russia, Italia.

Molti negli anni si sono riconosciuti nell’identità della Compagnia, tanto nelle creazioni artistiche quanto sul piano organizzativo, valorizzando il percorso di Magnolia con il proprio bagaglio o alle volte avviando la propria carriera. Oggi questi sono i compagni che lavorano - alcuni stabilmente, altri occasionalmente - con Magnolia: Fabricija Gariglio, Camilla Sandri, Federica Carra, Alessia Massai, Lucio Diana, Guglielmo Diana, Riccardo Polignieri, Ksenija Martinovic, Pierpaolo Congiu, Luca Busnengo, Giorgia Cipolla, Alice Conti.

CHI SIAMO
Piccola Compagnia della Magnolia è un gruppo di ricerca permanente e indipendente riconosciuto per l'identità artistica potente e appartata. L’ensemble compie una rigorosa indagine a cavallo tra codici teatrali e ricerca, affrontando la scena con sguardo contemporaneo, attraversando principalmente i classici o sperimentando negli ultimi lavori scritture originali e drammaturgie contemporanee, inseguendo una sintesi tra ricerca formale e densità emotiva, mettendo al centro del lavoro un tempo sacro attento alla composizione dell'immagine, dominato da una lunga ricerca vocale e abitato da figure poetiche. La Compagnia basa l'indagine sull'attore e sulla cura del bagaglio tecnico specifico, attingendo alle cognizioni del teatro orientale, della biomeccanica e delle tecniche vocali. Accanto al lavoro di creazione, la Compagnia si occupa anche di pedagogia teatrale conducendo stages per attori in Italia e all’estero e organizzando inoltre campus di alta formazione con maestri della scena internazionale (tra questi Declan Donnellan, Jean-Jacques Lemêtre, Oskaras Korsunovas, Sergio Canto Sabido, Duccio Bellugi Vannuccini, Tomi Janezic, Jan Klata, Enrique Pardo, Linda Wise, Philippe Hottier, ...).

WWW.PICCOLAMAGNOLIA.IT