Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

METAmORFOSI - soliloquio dell'identità sociale, del diverso e delle sue vittime

OP.S. Officina Per la Scena
Regia: Luca Busnengo
Drammaturgia: LUCA BUSNENGO
Attori: Luca Busnengo
Trailer: Link
Anno: 2014

Sono sempre più numerose le vittime di un sistema sociale che tende a far sentire emarginati e “diversi”; la storia del ciccione o del gay presi di mira sul web, a scuola o in qualunque altro luogo di incontro tra esseri umani è talmente frequente che rischia di diventare un noioso luogo comune e a scomparire tra le tonnellate di notizie che ci vengono proposte ogni giorno. Sulla scena un attore comune, un personaggio anonimo, uno scarafaggio come tanti, che racconta storie, storie di disagi, storie personali, individuali o collettive, storie di suicidi, di cambiamento e di trasformazione, insomma di metamorfosi per dar voce ad una problematica che affligge un’ intera generazione.

Produzione: O.P.S. OFFICINA PER LA SCENA

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Spazio oscurabile con quadratura nera di minimo 4X4m h 3 m

VIDEOPROIETTORE E SCHERMO dove possibile

Impianto luci
12 pc 1000watt
Portagelatine su ogni pezzo, Bandiere Consolle 16 canali
Una presa diretta sul palco per TV e Abat-jour

Impianto audio
Mixer audio Lettore CD

Tempo montaggio
Tempo di allestimento
illuminotecnica e scenografia: 2h
Tempo di smontaggio
illuminotecnica e scenografia: 30’ N° di tecnici: 2

Referente tecnico
luca busnengo 3476718310
O.P.S. Officina Per la Scena dal 2002 è una realtà professionale e gruppo di ricerca che utilizza il teatro come strumento per sviluppare una comunicazione diretta e semplice con l’individuo. Da questi presupposti prende forma l’idea dell’officina come metafora che sta a metà tra il lavoro certosino dell’artigiano, carico di tradizione e di lento sudore, e il lavoro d’équipe, veloce e dinamico, capace di utilizzare nuovi linguaggi e forme espressive, ed è per questo che gli spettacoli sono sempre il risultato di un processo creativo collettivo. La Compagnia effettua repliche dei propri spettacoli in Italia ed in Europa ed ha partecipato al BITEI International Theatre Festival a Chişinău, Moldavia e nella rassegna teatrale di Izmir tiyairo gunleri (Turchia). Gli spettacoli prodotti dall’O.P.S. sono presenti nel catalogo di distribuzione della Fondazione Piemonte Live e della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte. La Compagnia è inserita, inoltre, nel progetto “RIgenerazione” rivolto alle giovani realtà torinesi ed organizzato dal Sistema Teatro Torino. Gli attori della Compagnia hanno approfondito ed arricchito il loro bagaglio artistico collaborando con altre compagnie nazionali ed internazionali (Teatro delle Radici – Lugano; Compagnie de Menteurs – Tolone; Karl’s Kühne Gassenschau – Zurigo; Kultur & Art Initiative E.V. - Detmold; Hayat Sanattan Ogrenir Projesi Sokak Tiyatrosu – Izmir; Brouhaha International – Liverpool; Shademakers -Germania). Dal 2004 si impegna anche nell’attività formativa, prevalentemente su tematiche sociali, avvalendosi della collaborazione di figure competenti in ambito educativo come educatrici sociali, assistenti sociali, psicologi, professori,… Nel 2007 debutta con DISAMISTADE all’interno delle residenze creative del Teatro Garybaldi di Settimo Torinese, curate da Santibriganti teatro. Vince Rigenerazione della Fondazione Teatro Stabile Di Torino E Sistema Teatro Torino con EDIPO O’RRE Nel 2009 è semifinalista al Premio Scenario con APPESI A UN FILO. Dal 2010 approfondisce il rapporto con l’infanzia e il teatro ragazzi, facendo nascere il progetto OPSINFANZIA, laboratori e spettacoli per i più piccoli, diretto da Paola Raho e Valentina Volpatto. Attiva una diretta collaborazione con teatri, scuole e biblioteche, producendo spettacoli e letture animate. Gli spettacoli e le letture proposti prendono spunto da una specifica tematica sociale o letteraria che viene sviscerata attraverso il gioco e la complicità teatrale. Nel 2010 l’O.P.S. cura, una residenza creativa all'interno della stagione del Garybaldi Teatro di Settimo Torinese.