Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Buon Natale, Signor Lupo!

Garraffo TeatroTerra
Regia: Flavia Gallo e Dario Garofalo
Drammaturgia: Flavia Gallo
Attori: Dario Garofalo
Trailer: Link
Anno: 2019
La “vittoria della luce sull’oscurità” è il fatto antico attorno a cui si modella la nostra storia teatrale il cui protagonista è un astronomo dai tratti magici, impegnato in una divertente avventura della memoria. Franco dimentica di fare il regalo al nonno, dimentica di prendere il tacchino per la cena della vigilia, ma cosa è che ha più dimenticato? Franco è un amante delle stelle e dei movimenti celesti, capace addirittura di individuare la posizione delle costellazioni in piena luce del giorno. Ama molto fare i regali di Natale, disporli ritualmente sotto l’albero, occuparsi della sua famiglia. Ma da quando la nonna Felicia se ne è andata il Natale per Franco non è più come quello di una volta: sente di voler dire qualcosa, ma non sa bene cosa, non sa bene qual è il suo posto a tavola e non riesce a evitare che la confusione della tavola natalizia confonda le menti e i cuori dei partecipanti.
Nel cuore Franco Lupo riecheggia la voce del nonno Rocco che con il suo amore per il cielo ha sempre spinto il nipote a sentire il Natale come ciò che veramente è: il momento in cui la luce comincia a durare di più dell’oscurità nell’arco della giornata. Ma il suo amore per la scienza non è il solo a generare dentro lo studioso romantico una strana nostalgia: c’era qualcosa che lui e la nonna erano soliti fare la notte della vigilia, qualcosa che aveva a che fare con una favola di Lupi e di stelle, una capanna e un bambino splendente, appena nato. Riuscirà Franco a ricordare cosa? Grazie al simpatico tacchino di plastica americano conservato nel suo ripostiglio ritroverà la favola perduta della famiglia Lupo.


Altri crediti: Scene Stefania Frasca
Costumi Monica Mancini

Produzione: Garraffo Teatro Terra

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Garraffo è un luogo fisico, una lunga striscia di terra ancora selvatica a sud ovest della Sicilia.
    Garraffo Teatro Terra è, di contro, un'utopia, un luogo che (ancora) non esiste.
    A Garraffo non c'è acqua. Ma acqua affiora dal suo stesso nome: gharraf, abbondante d'acqua.
    Teatro Terra è il connubio fertile di artisti che hanno scelto una modalità di produzione in rapporto armonico con tempi, competenze, aspirazioni.
    In Teatro Terra non si può fare a meno del sole e dell'acqua per crescere.
    Garraffo è il non luogo selvatico che il Teatro di questi artisti ha eletto 
    a specchio di sé e della propria condizione: Terra fertile e incolta, senz'acqua che affiori ma ricca nelle vene profonde.
    In Garraffo Teatro Terra si sono incontrati  Dario Garofalo (per dieci anni attore e co-autore degli spettacoli del Teatro delle Apparizioni) e Rossella Marchi (organizzatrice teatrale); e poi Serena Di Blasio, Simona Gambaro, Antonio Tancredi (attori e registi), Simone Memè (vj),  Armando Calabrese e Valeria Mineo (pianisti), Stefania Frasca (scenografa), Aurora Damanti (costumista).
    "Pierino e il Lupo" è la prima vena d'acqua emersa da questo incontro.
    I membri di Garraffo Teatro Terra sono associati a SMartIt soc. coop. (via Casoretto 41/a, 20131 Milano -  P.IVA 08394320967) che ne gestisce le attività amministrative.
    "Pierino e il Lupo" ha debuttato nella stagione 2015/2016 presso il Teatro Brancaccino di Roma e ha partecipato al Fit Festival di Lugano (ottobre 2016). Da gennaio a maggio 2017 è in tournée nazionale.