Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Il pasticcere Zitti... e i suoi segreti

IdeaChiara Comitato ONLUS
Regia: Michele Tarallo
Drammaturgia: Michele Tarallo
Attori: Michele Tarallo Nicola d'Angelo Valentina Piscopo
Trailer: Link
Anno: 2019

Il lupo è stato rapito; da tempo era diventato intimo amico della sua rivale di sempre, ovvero Cappuccetto rosso, ma la "famelica fama" lo precedeva e in tanti non vedevano di buon occhio la stravagante amicizia.
Le indagini della polizia vengono affidate ad un detective in incognito, che travestito da finto apprendista pasticciere, ipotizzerà soluzioni sempre più assurde e articolate.
Non senza qualche difficoltà, verrà quindi svelato il volto del rapitore; ma c’è di più, scopriremo anche l’incredibile passato della pasticceria Zitti. In una città dove la gente è sempre indaffarata e procede sempre di corsa, c’è un luogo in cui si trova riparo dal mal tempo e da qualsiasi tempesta dell’umore: la pasticceria Zitti. I dolci preparati dal Signor Zitti non appena gustati regalano una sana dose di calma e stimolano il conversare. E ciò grazie ad un ingrediente segreto, ma quale sarà?

Altri crediti: Costumi e pupazzi Emilio Bianconi
Musiche Guglielmo Grillo
Scenografia Ilaria Paduano
Coreograie Natasha d'Andrea
Attrezzeria Linda Santonicola
tecnico audio luci Yasmine Ferretto
foto e video Michele Flaminio

Produzione: IdeaChiara ONLUS - Teatro Sociale e oltre

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    6 mt larghezza x 5 mt profondità x 4 mt altezza

    Impianto luci
    Una dotazione di PC per un piazzato ambra.
    3 PC per coni a piombo prima americana
    1 PC centrale seconda americana per cono
    3 PC per controluce
    consolle luci minimo 8 canali

    Impianto audio
    1 mixer
    casse per la diffusione adeguate alla sala
    microfoni crown adeguati al palco


    Tempo montaggio
    1 h per il montaggio e 1 h per lo smontaggio

    Referente tecnico
    Yasmine Ferretto 389 66 80 193
    Il Comitato Ideachiara Onlus nasce per atto notarile nell’anno 2013 e nel 2014 l’Agenzia delle Entrate ne riconosce l’acronimo Onlus. La sua costituzione si ispira a Chiara Tarallo, bambina disabile con patologia rara, figlia dell’attuale presidente Michele Tarallo. Quest’ultimo, attore, regista, docente di teatro e autore professionista da più di vent’anni, costituita Ideachiara decide di avviare una serie di progetti teatrali di tipo sociale, in modo specifico trattando il tema della disabilità. Sensibilizzare alla tematica, informare sulle dinamiche familiari laddove sia presente un disabile, incentivare la ricerca e divulgare la conoscenza di forme comunicative tra disabili e non disabili, sono solo alcuni degli obiettivi di Ideachiara.
    Grazie al desiderio di far vivere l’esperienza teatrale alle nuove generazioni, nel corso degli anni hanno preso forma e stile una serie di spettacoli e di laboratori teatrali incentrati sulla tematica della disabilità e della diversità in genere. Spettacoli, avvalorati da drammaturgie originali, per trattare tematiche difficili utilizzando leggerezza, ironia e divertimento; offrono spunti di riflessione sulle dinamiche quotidiane laddove in famiglia sia presente un disabile; valorizzano le capacità e le opportunità celate; regalano preziose informazioni che insegnano l’abc per entrare in punta di piedi nel mondo disabile. Ma la disabilità non è l’unica tematica trattata. Tra le altre: la tutela ambientale, l’integrazione degli immigrati, il disagio familiare. Idem dicasi per i laboratori. Percorsi teatrali in cui le differenze fisiche, mentali, culturali e sociali si annullano e ne favoriscono l’inclusione a 360 gradi. Un percorso in compartecipazione di disabili con i non disabili, di disagiati con i non disagiati, di età che siano, per il solo fine di giocare al teatro e migliorare la qualità della vita sia dei partecipanti, sia delle persone del contesto sociale in cui il gruppo è inserito.