Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

IdeaChiara Comitato ONLUS

Sede: Caserta
Sito internet: http://www.micheletarallo.it
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Il Comitato Ideachiara Onlus nasce per atto notarile nell’anno 2013 e nel 2014 l’Agenzia delle Entrate ne riconosce l’acronimo Onlus. La sua costituzione si ispira a Chiara Tarallo, bambina disabile con patologia rara, figlia dell’attuale presidente Michele Tarallo. Quest’ultimo, attore, regista, docente di teatro e autore professionista da più di vent’anni, costituita Ideachiara decide di avviare una serie di progetti teatrali di tipo sociale, in modo specifico trattando il tema della disabilità. Sensibilizzare alla tematica, informare sulle dinamiche familiari laddove sia presente un disabile, incentivare la ricerca e divulgare la conoscenza di forme comunicative tra disabili e non disabili, sono solo alcuni degli obiettivi di Ideachiara.
Grazie al desiderio di far vivere l’esperienza teatrale alle nuove generazioni, nel corso degli anni hanno preso forma e stile una serie di spettacoli e di laboratori teatrali incentrati sulla tematica della disabilità e della diversità in genere. Spettacoli, avvalorati da drammaturgie originali, per trattare tematiche difficili utilizzando leggerezza, ironia e divertimento; offrono spunti di riflessione sulle dinamiche quotidiane laddove in famiglia sia presente un disabile; valorizzano le capacità e le opportunità celate; regalano preziose informazioni che insegnano l’abc per entrare in punta di piedi nel mondo disabile. Ma la disabilità non è l’unica tematica trattata. Tra le altre: la tutela ambientale, l’integrazione degli immigrati, il disagio familiare. Idem dicasi per i laboratori. Percorsi teatrali in cui le differenze fisiche, mentali, culturali e sociali si annullano e ne favoriscono l’inclusione a 360 gradi. Un percorso in compartecipazione di disabili con i non disabili, di disagiati con i non disagiati, di età che siano, per il solo fine di giocare al teatro e migliorare la qualità della vita sia dei partecipanti, sia delle persone del contesto sociale in cui il gruppo è inserito.

Spettacoli caricati