Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

ANCHE I CORI RUSSI MI CONSOLANO

Alluma
Regia: Mariagiulia Colace
Drammaturgia: Mariagiulia Colace
Attori: Mariagiulia Colace, Mariasilvia Greco, Alessandro Cosentini
Trailer: Link
Anno: 2019

Quanto pesa il fallimento dei padri sui figli? Due sorelle si preparano al lutto. La sensazione di vuoto che le accompagna si traduce in una scena nuda, dove gli unici oggetti (scrivania e sedia da cui il padre non si stacca mai) scivolano nello spazio muovendosi su ruote.
In che consiste la sua eredità? Cosa resta dopo la morte di un padre militante?
Pur rappresentando due generazioni, l’una figlia dell’altra, gli attori non sono anagraficamente “corretti”, bensì coetanei poiché “il dispiacersi di non bastare” e la responsabilità del passaggio di testimone non hanno età. Il tempo presente condiviso diventa tragicomico: le figlie cercano disperatamente di recuperare il passato, e il padre di concretizzare un futuro.
Alle eredi non resta che assecondare, come farebbero due valide Sancho Panza, il loro Don Quijote.
Si alternano due dimensioni. La prima intima e familiare, dà voce alla paura infantile che si scatena davanti la perdita di un genitore. La seconda, pubblica e sociale, da voce al padre. Un uomo che vuole servire a qualcosa, e che sogna, proprio come avviene in un coro, di non essere solo.

Il disimpegno politico è un dato di fatto. Lo esprime la percentuale di italiani che ad ogni votazione si presenta alle urne. Parlare di politica ormai (per quanto riguarda la mia generazione) spesso coincide con una serie di ragionamenti che si possono sintetizzare in due frasi tormentoni: 1. Sono tutti uguali (parlando di partiti e politici), 2. No, no… per carità la politica non mi interessa.

Rimane però una certa nostalgia nel vedere vecchi documentari. Oppure nel guardare su Youtube i vecchi discorsi di Capodanno di Sandro Pertini. Quel “piccolo mondo antico” sembra così lontano.
Qualcuno però ci crede ancora, ci credevano a trent’anni e ci credono ancora adesso a quella cosa chiamata “politica”, ma stanno assistendo a qualcosa che non avevano previsto: il disinteresse.

Sono i nostri padri sono i testimoni con cui fare i conti.

Può sembrare anacronistico un uomo appassionato di politica, di buona politica?
Quanto può essere ingenuo, oggi, credere e divulgare il concetto di “partecipazione” cantato pure da Gaber?
Credere e spendersi per quel vecchio modello o seguire il nuovo flusso?
Da disimpegnata quale sono vivo solo con la consapevolezza di una grande inettitudine.

I fronti sono due: da una parte i nostalgici del passato, dall’altra i preoccupati del futuro. In entrambi i casi è difficile riconoscersi in un presente.


Altri crediti: Il testo è andato in scena in occasione del Festival "SCRITTURE" al Teatro India di Roma. Evento curato da Lucia Calamaro, e nato dalla collaborazione di Carrozzerie n.o.t, Fivizzano 27 e Teatro di Roma.

Produzione: -

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    minimo 8metri x 8metri
    Attrezzeria della compagnia:
    1 scrivania su ruote
    1 sedia su ruote
    pattini
    Personale richiesto :1 tecnico elettricista per montaggio proiettori e puntamenti.
    Spazio scenico min. 8mx8m
    Materiale richiesto:
    Fondale nero con aperture laterali. Larghezza minima 4 m.


    Impianto luci
    PIAZZATO
    2 sago + 2pc su americana 1°palco + 2 contro laterali
    PIAZZATO STRETTO
    1sago + 1 pc su americana 1°sala

    CONTRO SINGOLO centrale su ultima americana di palco
    CONTRO LARGO 6 pc (?) più quello centrale

    N.B.: il disegno luci è soggetto a modifiche in base allo spazio scenico


    Impianto audio
    Impianto audio adeguato al luogo per riproduzione di file audio da pc+ 2 monitor min 250 W, no microfoni

    Tempo montaggio
    Montaggio 20 min.
    Smontaggio 20 min.

    Referente tecnico
    Aurora Bozzetti 333 238 4973
    La compagnia ALLUMA inizia il suo percorso con la collaborazione tra Mariagiulia Colace e Mariasilvia Greco . “Odisseo che fai? Adesso piangi?” è il primo progetto originale realizzato ( menzione speciale al Premio Giovani Realtà di Udine 2014). Nel 2018 coinvolgendo gli altri membri della compagnia vengono realizzati due progetti di drammaturgia ( “ Anche i cori russi mi consolano”, di Mariagiulia Colace,; “ Amo i paragrafi corti”, di Mariasilvia Greco) che vanno in scena in forma di primo studio nel maggio 2019 all'interno della rassegna Scritture, curata da Lucia Calamaro, al Teatro India di Roma.