Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Futuro Anteriore

Ferrara Off
Regia: Giulio Costa
Drammaturgia: Margherita Mauro
Attori: Matilde Vigna Gloria Giacopini Antonio De Nitto Matilde Buzzoni
Trailer: Link
Anno: 2018

FUTURO ANTERIORE è uno spettacolo sul futuro. Un futuro senza spade laser, alieni e tute spaziali, ma con girelli, apparecchi acustici e reumatismi. Partendo dall’idea che una vecchiaia diversa è possibile, il progetto si propone di immaginare prospettive di terza età alternative, con anziani fuori dalle case di riposo, non più ai margini della società, né ai confini con la realtà. Il progetto nasce dall’idea che con il progressivo innalzamento dell’aspettativa di vita, un giovane di oggi si troverà verosimilmente a trascorrere quasi metà della propria esistenza nella cosiddetta età avanzata. Infatti, grazie alle continue scoperte e progressi in campo medico, scientifico e tecnologico, nel corso dell’ultimo secolo la speranza di vita è più che raddoppiata, passando da 31 anni di media a inizio Novecento a 71 anni nel 2014 – e si prevede che nel 2030 in alcuni paesi si arriverà addirittura a superare i 90 anni. Ecco, per quanto per secoli l’uomo abbia inseguito la chimera dell’eterna giovinezza, è evidente che questa crescente longevità rappresenti un serio problema per gli equilibri economici e sociali delle società contemporanee, tanto da aver iniziato a destare la preoccupazione di non pochi esperti. È da questo contesto di progressivo invecchiamento demografico che prende le mosse FUTURO ANTERIORE: alla base del progetto c’è proprio l’urgenza di riformulare il rapporto tra società e popolazione di anziani, e di farlo prima che sia troppo tardi e tocchi alla nostra generazione andare in pensione. Lo spettacolo si propone quindi come indagine collettiva sul futuro, dove un gruppo di giovani attori esplora in scena nuovi possibili scenari di invecchiamento, formulando strategie creative per il proprio geriatrico sopravvivere futuro. La domanda a cui si cerca di dare risposta non è più “cosa voglio fare da grande?”, ma “come voglio vivere da vecchio?”.

Produzione: Ferrara Off con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina - Copia privata per i giov

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Spazio scenico minimo - 6x8m

Impianto luci
Illuminazione - piazzato caldo con 10 PC da 1000watt + piazzato freddo con 10 PC da 1000watt (gelatina 201)

Impianto audio
Impianto di amplificazione - per musica; se necessari, microfoni ambientali oppure 4 microfoni ad archetto color carne. Si richiede una presa di corrente domestica sul palcoscenico

Tempo montaggio
2 ore montaggio/1 ora smontaggio

Referente tecnico
Giulio Costa, giulio.costa@ferraraoff.it - 3283674327
Ferrara Off è un progetto. Un progetto immateriale, in continuo divenire, che si arricchisce giorno dopo giorno di idee, stimoli, proposte. Ed è un progetto reale, fatto di muri, di porte e di cemento, che nei prossimi mesi porterà lo spazio a raddoppiare di superficie, per poter ospitare ancora più attività.
Ferrara Off è il nome dell'associazione culturale che è custode di questo spazio, dato in concessione dal Comune di Ferrara. Dal 2014 è guidata da un direttivo di persone provenienti da esperienze diverse, che hanno scelto di unire le proprie professionalità al servizio di una visione condivisa.
Ha prodotto fino ad ora gli spettacoli "Micol e le altre" (2014),"Tranne che il buio"(2014), "Ci si vede ancora" (2015), "3 Regine, 2 Re, 1 Trono" (2015).