Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Sandokan

Zaches Teatro
Regia: Luana Gramegna
Drammaturgia: Simone Faloppa, Luana Gramegna
Attori: Aboubacar Sadio, Alex Santos, Assane Diallo, Bacary Sonko, Ebrima Saidy, Fakeba Djite, Malick Khan, Mouhamed Diallo, Mohammad Tofik, Moussa Kebe, Oumar Traore, Tairon Sadisson Olicgoun
Anno: 2017


Generi: Teatroragazzi (10-100), Teatro-danza, Figura

Tags: Sandokan, Salgari, viaggio, accoglienza

“Sandokan è un capo. Con lui, dieci uomini sono un esercito. Dove si arriva dopo giorni di ragionamento, lui arriva in un attimo. Lo uccidete... e lo rivedete vivo. Riuscite a prenderlo, ma è già scappato. Non combattete solo un uomo, ma una leggenda”.
James Brooke, nel film “La tigre è ancora viva: Sandokan alla riscossa!”

Un’isola di uomini liberi, Mompracem, ripopolata da superstiti a violenze, schiavitù e dolore. Una comunità di rifugiati, in attesa di documenti, lavoro, futuro. E un simbolo di riscatto per entrambi: Sandokan. Una delle massime espressioni della letteratura italiana per ragazzi “Le Tigri di Mompracem” incrocia le storie, l'orgoglio e le voci di chi attende… davanti al mare.
Spettacolo realizzato nell'ambito del progetto MigrAzioni#Scandicci, insieme a 12 ragazzi richiedenti asilo politico e accolti nel territorio di Scandicci.

Altri crediti: ideazione, scene, luci e costumi Francesco Givone
progetto sonoro e musiche originali Stefano Ciardi
assistenti alla regia e coreografia Gianluca Gabriele, Simone Faloppa, Amalia Ruocco
assistente alla scenografia Alessia Castellano
realizzazioni costumi Aboubacar Sadio
realizzazione scene e oggetti di scena Bacary Sonko, Oumar Traore, Aboubacar Sadio, Fakeba Djite
tecnico del suono Dylan Lorimer
progetto fotografico Sara Barbieri
progetto grafico e campagna di comunicazione Ingrid Lamminpää con Carine Habib, Kathia Duran, Linus Biederman, Robban Larsson, Tasha Tokar
promozione e organizzazione Isabella Cordioli

Produzione: Zaches Teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

La compagnia Zaches Teatro nasce a Scandicci (FI) nel 2007. Lavora sul connubio tra vari linguaggi artistici: la danza contemporanea, i mezzi espressivi del teatro di figura, l’uso della maschera, il rapporto tra movimenti plastici e musica/suono elettronico dal vivo.
La prima creazione della compagnia è One reel, spettacolo nato dall’incontro con l’attore e regista Aleksej Merkushev (della compagnia russa DEREVO), che ne cura la regia insieme a Luana Gramegna.
Nel 2008 viene presentato Faustus!Faustus, ispirato al mito del Faust e del Golem. Vincitore dei premi per Miglior Spettacolo d’Innovazione e Miglior Musica Originale all’International Puppet Theatre Festival di Ekaterininburg 2010 (Russia). Vincitore dello Special Prize for the original expression and fantasy all’International Festival of Children’s Theatres 2011 di Subotica (Serbia). Vince inoltre il Movin’Up indetto dal GAI di Torino per partecipare al Festival Man In Fest 2008 in Romania.
Nel 2009 prende corpo la Trilogia della Visione, progetto che affronta l’opera pittorica di tre differenti artisti indagando l’atto del vedere come forma articolata di percezione. Prima tappa è Il Fascino dell’Idiozia, lavoro ispirato alle Pitture Nere di Goya. Lo spettacolo è selezionato tra i progetti finalisti del Premio Equilibrio Roma 2009 diretto da Giorgio Barberio Corsetti, successivamente vince il premio come Miglior Spettacolo del TeatarFest 2010 di Sarajevo (Bosnia); inoltre è finalista all’AICC 2010 (Aarhus International Choreography Competition) in Danimarca, ed è inserito nella selezione EXPLO’ 2009/2010 della Giovane Danza d’Autore.
Nel 2011 debutta Mal Bianco, seconda tappa della Trilogia, ispirato ai Manga del maestro giapponese Hokusai. Lo spettacolo vince il premio di produzione Prospettiva Danza Teatro 2010 di Padova ed è selezionato tra i finalisti del Premio Equilibrio Roma 2010, diretto da Sidi Larbi Cherkaoui, all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Ha ricevuto inoltre il Quality Label della rete di circuitazione europea e-MIX. Nel 2013 Mal Bianco è stato selezionato dal progetto Teatri del Tempo Presente.
L’ultima tappa della Trilogia, ispirata all’opera di Francis Bacon, si è articolata nel 2012 in diverse tappe/studi, Lost in Time #1 presentato al Festival Inequilibrio di Castiglioncello e Lost in Time #2 al Festival Mercantia di Certaldo.
Nel settembre 2013 la compagnia è a Ekaterinburg (Russia) per la nuova creazione di teatro ragazzi ispirata a Pinocchio di Collodi, in co-produzione con il Teatro delle Marionette di Ekaterinburg.
In seguito all'esperienza russa, la compagnia torna a confrontarsi con il testo di Collodi per una creazione italiana ispirata a Pinocchio, che ha debuttato a La Citta del Teatro di Cascina (PI) nel maggio 2014.
A luglio 2014 la compagnia ha partecipato al Progetto speciale “Pinocchio XII” per il festival Mercantia 2014 a cura di I Macelli No Theatre realizzando la performance site specific Pinocchio-un capriccio giapponese.