Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Medea

Teatro Bresci
Regia: Stefano Scandaletti
Drammaturgia: Alessandro Cinqugrani
Attori: Anna Tringali, Giacomo Rossetto
Trailer: Link
Anno: 2015


Generi: Prosa

Tags: medea, euripide, seneca, coppia, teatro bresci

Proporre nuovamente la tragedia di Euripide, di Seneca, senza interrogarci su chi potrebbe essere Medea oggi sarebbe un’impresa poco utile. Perciò, lasciandoci ispirare dai fatti di cronaca, si analizzano le cause, le dinamiche famigliari ricorrenti — abbandoni, tradimenti, separazioni — nelle quali i figli diventano oggetti da contendersi per ottenere vendetta. Ci si domanda quali forze portano una donna a ricorrere alla collera violenta o al calcolo cinico, e quali sono quelle intime e lente macerazioni che la spingono verso l’orrore. La “tragedia d’amore” raccontata a due voci — lei e lui, Medea e Giasone, in tempi che mai coincidono tra loro — recita il linguaggio del passato attraverso gli altoparlanti di un’emittente radio. Un radiodramma. Ad ascoltarlo c’è una donna che, travagliata dal dolore, trascorre uno dei suoi tanti giorni, in solitudine. In un intreccio di linguaggi e di epoche, gli attori si muovono sulla scena replicando dal vivo i suoni, amplificati e non, e dando vita alle ombre presenti nella mente della nostra Medea; una madre alla ricerca di una verità che vuol essere coinvolgimento e formazione della coscienza degli spettatori di oggi. Infanticida? Sta a noi abbandonarla, eliminarla, nasconderla oppure arrischiarci a penetrare nel suo cuore per comprendere che quel picco di violenza è un processo doloroso che tutta la società dovrebbe scontare.

Altri crediti: Elementi scenici Ilaria Magrin
Assistente alla regia Mario Scerbo
Direttore di scena Davide Baba Babolin
Falegname Antonio Zonta

Produzione: Teatro Bresci

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

TEATRO BRESCI nasce nel 2009 dall’incontro di Anna Tringali, Giacomo Rossetto e Giorgio Sangati, tre giovani teatranti veneti provenienti dal Teatro Stabile del Veneto e dal Piccolo Teatro di Milano. Collaborano con la Compagnia attori di diversa formazione e provenienza, e varie maestranze di riconosciuta professionalità.Nel 2011 lo spettacolo “Malabrenta” vince il II Premio come Miglior Spettacolo al Premio OFF del Teatro Stabile del Veneto diretto da A. Gassmann.
Nel 2012 lo spettacolo “Arbeit” vince la terza edizione dello stesso premio, e Anna Tringali il Premio Miglior Attrice. Inoltre nel 2013 “Arbeit” viene selezionato dal Piccolo Teatro di Milano in collaborazione con Outis al prestigioso Festival internazionale di drammaturgia contemporanea Tramedautore.
Nel 2012 il Teatro Stabile del Veneto produce, in collaborazione con Teatro Bresci, “Buco”, che nel 2013 è finalista al concorso Playfestival organizzato dal Piccolo Teatro di Milano e dalla Compagnia ATIR.
Nel 2012 con “Il berretto a sonagli” di L. Pirandello Teatro Bresci ottiene il Patrocinio della Regione Veneto per l’alta qualità dello spettacolo, mentre per “Fango e Cognac – La Guerra in Altipiano” ne riceve anche il contributo alla produzione.
Sempre all’interno delle Celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra, Teatro Bresci, con la lezione-spettacolo “Uomini in trincea” ha circuitato in oltre cinquanta Istituti Scolastici della Regione. Progetto nato dalla collaborazione tra la Regione Veneto e Arteven.
Nel 2014 Teatro Bresci idea e organizza la prima edizione di “Antiche Mura Teatro Festival” a Cittadella (PD), con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e il Patrocinio di Regione Veneto e Comune di Cittadella (www.antichemurateatrofestival.com).
In 5 anni di attività TEATRO BRESCI ha circuitato in quasi tutta Italia.
Ecco gli spettacoli portati in scena fino ad oggi: Prosa:“ Ione”, “Le regole del saper vivere nella società moderna”, “Lunga notte di Medea”, “Piccoli Crimini Coniugali”, “La signorina Julie”, “Il catalogo”, “Malabrenta”, “Buco”, “Il berretto a sonagli”, “Arbeit”, “Fango e Cognac – La guerra in Altipiano”, “Gli innamorati”, “Medea” Commemorativi: “MORO. Da via Fani a via Caetani”, “Questo è stato. Voci sulla Shoah”, “Liberi! Racconti di Resistenza” Teatro Bambini: “Cappuccetto Rosso e Gennaro il lupo mannaro” Lezioni spettacolo: “Uomini in trincea – La Grande Guerra”
Non meno importante dell’attività di spettacolo dal vivo è il settore della formazione in ambito teatrale: Teatro Bresci organizza e conduce Corsi di Teatro per adulti e bambini, Seminari intensivi per attori, Corsi di dizione e comunicazione, Conferenze e incontri sulla Storia del Teatro, collaborando con Enti pubblici e privati, associazioni, Comuni e Istituti scolastici. Dal 2009 ad oggi i laboratori organizzati da Teatro Bresci hanno visto la partecipazione di circa 1600 persone dai 7 agli 80 anni.