Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Atti di Guerra

Guinea Pigs
Regia: Riccardo Mallus
Drammaturgia: Giulia Tollis
Attori: Letizia Bravi Marco De Francesca Francesco Martucci Federico Meccoli
Trailer: Link
Anno: 2016
Lo spettacolo è composto da due atti unici originali, frutto di un lavoro corale di scrittura scenica: Un angolo di buio e La regola del branco.
Due quadri accomunati da una visione scenica estremamente fluida fondata sullo stretto rapporto tra recitazione, composizione sonora, drammaturgia e movimento.

Due quadri per indagare le guerre contemporanee nascoste e invisibili che la nostra società non vede o non riconosce come tali. La violenza gratuita di un episodio di bullismo e il corpo della donna come territorio di conquista sono i temi d’indagine di questo dittico contemporaneo.

QUADRO I - UN ANGOLO DI BUIO 
I protagonisti del primo quadro sono due adolescenti che si frequentano di nascosto perché nessuno deve sapere che stanno insieme. Si danno appuntamento in un parchetto dove, tra giochi e baci, si fa buio.
Con il buio però il parco diventa territorio di una gang del luogo. Il capo e i suoi ragazzi si divertono con la coppia di giovani e quello che inizia come un gioco diventa ben presto un ultimatum: “con noi, o contro di noi”.

QUADRO II - LA REGOLA DEL BRANCO 
Il secondo quadro è ambientato nella cucina di un appartamento in affitto. Tre anonimi trentenni per passare il tempo ordinano su internet una escort a domicilio per un’orgia low cost.
Lei però ha un protocollo da seguire e nasconde un segreto che i tre sperimenteranno sulla loro pelle. Così, amplesso dopo amplesso, il corpo di questa lei, senza nome né storia, diventa territorio di battaglia di fantasmi, paure, ossessioni e desideri.

NOTE DI REGIA

Quattro attori in scena, i loro corpi, il suono, la luce e la parola: sono questi gli elementi che compongono Atti di Guerra.

Due tensioni diverse. Da una parte la volontà di rimanere aderenti, nella narrazione, agli atti di violenza che evochiamo in scena, senza abbellimenti e senza effetti speciali. Dall’altra la tensione a un linguaggio teatrale lontano dal realismo della rappresentazione, che renda possibile osservare quegli stessi atti di violenza non come se fossero veri, bensì attraverso una sorta di lente d’ingrandimento, che isoli i dettagli con sguardo chirurgico. 

Il risultato di questa ricerca è uno spettacolo in cui narrazione e rappresentazione percorrono due binari paralleli in costante dialogo fra loro. La narrazione è affidata alla parola: iperrealista, particolareggiata, spesso in soggettiva. La rappresentazione è affidata ai corpi, ai suoni e alla luce: metaforica e a tratti meta-teatrale.
L’obiettivo non dichiarato è la creazione di un prisma che possa avvicinare lo sguardo dello spettatore a quelle schegge di violenza immotivate e gratuite che, come dimostra la realtà, oggi possono esplodere ovunque.

Altri crediti: Gianluca Agostini (composizione sonora)
Betti Rollo (movimento scenico)
Laura Dondi (costumi)

Produzione: Guinea Pigs in collaborazione con ERT, con il sostegno di Armunia, Manifattura K e Garybaldi/Santibriganti Teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

La compagnia nasce nel 2014, a Milano. Il gruppo è costituito da artisti in maggioranza under 35: Letizia Bravi, Marco De Francesca, Francesco Martucci, attori; Riccardo Mallus, regista; Giulia Tollis, drammaturga; Gianluca Agostini, sound designer; Betti Rollo, danzatrice e coreografa. Lo spettacolo Atti di Guerra, primo progetto artistico della compagnia, debutta nel 2016 al Festival Primavera dei Teatri e replica in alcuni dei principali festival dedicati alla scena contemporanea nazionale, tra cui Festival Inequilibrio di Castiglioncello e Zoom Festival di Scandicci, arrivando in Finale al Premio Cassino Off 2017 per l’impegno civile e le arti sceniche. Atti di Guerra ottiene, inoltre, il Premio Residenze Creative @ Garybaldi/Santibriganti Teatro (Settimo Torinese), il Premio Giuria Giornalisti @ Giovani Realtà del Teatro e il Premio Miglior Perfomance Teatrale @ Festival Young Station. Nel corso della stagione teatrale 2018 lo spettacolo della compagnia viene scelto dalla direzione artistica di Zona K di Milano nel Focus People che vede gli artisti dei Guinea Pigs programmati accanto a collettivi della scena internazionale come le berlinesi She She Pop e i canadesi Mammalian Diving Reflex.

Nel corso del 2017 la compagnia avvia il percorso di ricerca e creazione per progetti site specific tra installazione e performance In lotta con la realtà, sperimentando la collaborazione con Anelo1997, laboratorio di scultura e architettura romano. La prima tappa del progetto viene presenta al pubblico di IT Festival, Festival del Teatro Indipendente di Milano: Sovra/Esposizioni, un’opera site specific e una performance live per e con gli spettatori. La seconda tappa del progetto, dal titolo Il futuro è una trappola?, viene presentata al Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria e coinvolge quattro danzatrici di Equilibrio Dinamico Dance Company.

Sempre nel 2017, in collaborazione con il Teatro Out Off di Milano, i Guinea Pigs vincono il Bando SIAE SILLUMINA - copia privata per i giovani e la cultura 2016, per la produzione del nuovo spettacolo Casca la terra di Fabio Chiriatti che debutta a dicembre 2017 nella storica sala di via Mac Mahon a Milano.

I Guinea Pigs hanno iniziato un nuovo progetto di ricerca #nuovi poveri, che li porterà nel corso della stagione 2019 a ideare e realizzare uno spettacolo, performance estemporanee e incontri di teatro partecipato con territori, organizzazioni e comunità. Al centro di questa ricerca un processo creativo che procede per azioni artistiche e riflessioni sul rapporto tra società ed economia, privilegi e produttività, autopercezione, rappresentazione e narrazione di sé.