Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Hombre Collettivo

Sede: Parma
Sito internet:
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Hombre Collettivo nasce nell’ambito del progetto di formazione professionale Animateria, promosso da Teatro Gioco Vita – Teatro delle Briciole – Teatro del Drago. Il gruppo si forma intorno al progetto performativo per teatro d’ombre e teatro d’oggetti Le città indicibili, liberamente ispirato a Le città invisibili di Italo Calvino.

Agata Garbuio, di Palmanova (Udine), 1988. Dopo la laurea in Arti Visive e dello Spettacolo e il diploma all'Accademia Teatrale Veneta, fonda la compagnia di teatro popolare BRAT. Crea maschere e burattini. È attrice per le compagnie BRAT, Pantakin da Venezia, Secret Ministry (Scozia), Stiching Musica in Scena (Olanda), Teatro del Silenzio.

Angela Forti, di La Spezia, 1998. Studia Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza Università di Roma, con particolare attenzione al teatro contemporaneo e agli studi performativi. Principalmente si occupa di critica teatrale: si è formata con Teatro e Critica, con cui attualmente scrive, ha fondato e diretto la rivista di dipartimento “Le Nottole” in Sapienza e ha collaborato con PAC-Paneacquaculture.

Aron Tewelde, di Roma, 1996. Dopo gli studi al liceo classico, nel novembre 2018 si diploma presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Ha lavorato, tra gli altri, con i registi Danilo Zuliani (Kirikù un eroe piccolo piccolo), Giorgina Pi (Non normale, non rassicurante. Il Teatro di Caryl Churchill), Giorgio Barberio Corsetti (Tiranno Edipo) e Michele Monetta (Mask 3).

Riccardo Reina, di Parma, 1986. Dopo la laurea in Filosofia all'Università Statale degli Studi di Milano, dal 2009 inizia a collaborare stabilmente con il Teatro delle Briciole, partecipando a svariati progetti in differenti ruoli (animatore, attore, tecnico, assistente alla drammaturgia, regista etc.) e cercando di dare continuità alla ricerca e alla sperimentazione sui linguaggi del teatro di figura che caratterizza tale centro di produzione. All'interno di questo percorso si inserisce (2014-2016) la collaborazione con la compagnia DispensaBarzotti, con la quale vince la Segnalazione Speciale del Premio Scenario 2015 per lo spettacolo Homologia, di cui è autore e interprete.

Spettacoli caricati