Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Danilo Giuva

Sede: Bari
Sito internet: http://danilogiuva.com
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Danilo Giuva nasce a Foggia nel 1978, abbandona presto la chimica per dedicarsi completamente al teatro. Sviluppa la sua formazione attoriale con i laboratori del Teatro Kismet di Bari e i corsi intensivi della New York Film Academy (NYC).
Inizia a lavorare come attore e contemporaneamente continua a formarsi attraverso la partecipazione a workshop tenuti da importanti figure del panorama teatrale contemporaneo. Frequenta i corsi estivi di formazione intensiva presso l’Odin Teatret di Holstebro (Danimarca), diretto da Eugenio Barba.
Nel 2011 segue i laboratori della compagnia Fibre Parallele e prende parte ad uno studio su Shopping and Fucking di Mark Ravenhill; l’incontro con Licia Lanera si dimostra per lui decisivo. Nel 2013 lavora a Palermo con Emma Dante, nel 2014 inizia una collaborazione con Fibre Parallele entrando nel cast di Duramadre e La beatitudine; è assistente alla regia di Orgia e The Black’s Tales Tour. Ad oggi è impegnato con la compagnia per progetti artistici e come formatore per diversi laboratori.
A Gennaio 2018 debutta come regista con lo spettacolo Mamma di Annibale Ruccello, di cui è anche l’unico interprete, e a Giugno 2018 lavora, come regista assistente, per il Teatro Stabile di Torino alla produzione di Roberto Zucco di Bernard-Marie Koltès per la regia di Licia Lanera.
Attualmente è impegnato nella prossima produzione dei Teatri di Bari de Il principino – breve cronaca familiare da un trivani vista ciminiere di Damiano Nirchio dove è in scena con Vito Signorile e Anna de Giorgio.

Spettacoli caricati