Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Libero Teatro

Sede: Rende
Sito internet: http://
Telefono sede: Informazione riservata agli utenti registrati
Referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Telefono referente: Informazione riservata agli utenti registrati
Email referente: Informazione riservata agli utenti registrati

Fondato nel 1997 dall'attore-regista Maxmilian Mazzotta* , Libero Teatro è composto da diverse figure professionali, provenienti da tutte le provincie della Calabria, che da oltre dieci anni operano insieme all'interno dell'UNICAL (Università della Calabria) Da 15 anni il progetto di Libero Teatro è sempre lo stesso: investire sulle energie creative del territorio, creando opportunità di lavoro in un settore, quello culturale e teatrale di cui la Calabria vanta una grande tradizione. Non a caso molti degli spettacoli messi in scena dalla compagnia vengono fuori da esperienze di ricerca antropologica e linguistica, nel tentativo di valorizzare, attraverso l'uso dei dialetti calabresi (parola / epòs) e la gestualità, la tradizione teatrale di cui è ricca la nostra regione. Così, allontanandosi dal vernacolo, la lingua diventa strumento di comunicazione poetica e identità culturale di una terra, che nulla ha da invidiare ai grandi drammaturghi e teatranti siciliani o campani. Infatti alcune peculiarità del lavoro del Libero Teatro che ritornano in molti spettacoli sono: un interesse a rielaborare opere di grandi maestri del teatro classico e moderno come W. Shakespeare, S. Beckett, B. Brecht, C. Marlowe, L. Pirandello e altri ancora; l'utilizzo dei dialetti calabresi sia come traduzione di testi conosciuti che come costruzione ex novo di scrittura teatrale, Ci
ò che accompagna in maniera costante la poetica delle produzioni è il lavoro sullo spazio scenico, inteso non come luogo fisico, ma come spazio ideale: una zona franca in cui l'attore-alchimista può trasformarsi, spogliarsi, giocare con la verità e la finzione per essere contemporaneamente se stesso ed altro da sé.

*Allievo del regista Giorgio Strehler, diplomato nel 1995 alla scuola di recitazione del Piccolo Teatro di Milano.

Spettacoli caricati