Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Gorsciaskji CMA (Compagnia Mentale Autogestita)

Sede: Milano
Sito internet: http://http://www.facebook.com/IngoiaEFaiFintaDiNiente
Telefono sede:
Referente: Anna Schirru
Telefono referente: 3404731066
Email referente: anninamiau@hotmail.it

La Compagnia Mentale Autogestita Gorsciaskji nasce con De André nelle orecchie, lungo la strada Genova-Milano, in una sera dello scorso settembre, che sembra ieri ma potrebbe anche essere un secolo fa. Una milanese, una romana, una sarda e un piacentino che tornavano stremati dai provini dello Stabile di Genova. Pieni di speranze, ma in fondo tutti sapevano come sarebbe finita. Ci siamo detti: “Mettiamo in scena i Ragazzi terribili di Cocteau”, perché noi il teatro lo volevamo fare a tutti i costi.
Purtroppo avevamo ragione sui provini, ma non su Cocteau. Il piacentino ha preso un’altra strada. Così ci siamo trovate in tre, tutte donne e tutte del segno dello scorpione. Forse sarebbe stato il caso di abbandonare il progetto. Io, la sarda, sarei ritornata a lavorare in libreria, la milanese avrebbe tentato un dottorato in antropologia e la romana sarebbe tornata nella capitale a cercare altre strade. Ma forse no.
L’urgenza di trasformare quell’energia messa nei provini e poi tristemente delusa in qualcosa che ci avrebbe fatto stare bene era forte.
Abbiamo affittato una stanza, perché definirla sala teatrale sarebbe troppo, che per noi è diventata familiare e rassicurante più delle nostre rispettive case. Un luogo dove lasciarsi andare senza paura, dove sbagliare e ricominciare, senza giudizio. Ci siamo sentite libere di creare, di sudare, ridere, piangere, ritrovare un passato doloroso da rivivere e immaginare un futuro oltre ogni aspettativa. Abbiamo scatenato sogni, fantasie e incubi inconsci. Abbiamo lavorato ad occhi chiusi, tanto, lasciando a briglia sciolta la bellezza dei nostri mondi interiori, ripescando ricordi dimenticati, suoni dell’infanzia, pulsioni represse, vestendo i panni di chi, solo un po’, ci ha resi quello che siamo oggi.
Abbiamo lavorato tanto e sempre in profondità, consce dell’importanza del tempo per la maturazione di un progetto comune. La condivisione di capacità e insicurezze ci ha salvate tante di quelle volte che è impossibile non credere fortemente al gruppo come fonte inesauribile di energia.
Ora, dopo mesi di indagine e studio, sentiamo l’esigenza di condividere questo lavoro. Il teatro lo facciamo perché ci fa stare bene, ci rende vive e vorremmo portare fuori questa necessità, sperando che chi ci vede non dia solo un giudizio positivo o negativo, ma vi si riconosca così come ci siamo riconosciute noi.

Spettacoli caricati