Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Youtube, Vimeo e Bunny.net per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

La vice che annuncia i treni

Alice Corni
Regia: Alice Corni, Emanuele Umberto Salvatore
Drammaturgia: Alice Corni
Attori: Alice Corni Alessandro Dichirico, Giada Pasquali Al pianoforte Emanuele Umberto Salvatore
Trailer: Link
Anno: 2023
Adatto a: per tutti


Generi: Performance

Tags: Musica, teatro, poesia, viaggio, armonia

Il tratto distintivo dello spettacolo La voce che annuncia i treni è il dialogo tra poesia, teatro e musica: ciascuna disciplina conserva il proprio spazio ponendosi in relazione con le altre nella creazione di un viaggio comune. Le storie tratteggiate non seguono una trama unitaria, ma sono in comunicazione tra loro attraverso un arco emotivo coerente che oscilla tra leggerezza e drammaticità, tra comicità e tragicità, secondo una logica narrativa di tipo emozionale. A partire dalle immagini evocate dalle poesie nascono gli sketch teatrali nei quali i paradossi poetici evocati dalle letture si incarnano in situazioni reali, in circostanze soggette a rapidi sviluppi e direzioni inaspettate. Il pianoforte sostiene la narrazione emotiva dello spettacolo attraverso l’esecuzione dal vivo di alcuni brani di J.S. Bach, nel segno della sua ricerca artistica sulla versatilità e universalità delle musiche del compositore tedesco, capaci di accogliere, anche nello stesso brano, una pluralità di emozioni senza mai indulgere nel patetismo. Tali musiche, lungi dall’essere “colonna sonora”, ricoprono un ruolo strutturale all’interno dello spettacolo ed entrano in relazione dialogica con le poesie e le scene adiacenti. Lo spazio sonoro è arricchito anche da un lavoro di design sonoro che avvolge alcuni segmenti delle scene teatrali: suoni e rumori tratti dalla vita quotidiana delle stazioni e dei treni, accuratamente selezionati e parzialmente rielaborati, vengono riproposti in un contesto nuovo,
apparentemente con correlato, catapultando lo spettatore in un'atmosfera dagli esiti onirici. La vocazione multidisciplinare dello spettacolo va dunque sottolineata nel fatto che ciascuna arte (poesia, teatro e musica) concorre a livello strutturale e paritario alla creazione dello spettacolo su un piano
di scrittura, secondo il principio dell’interpenetrazione nell’autonomia.


Altri crediti: Poesie di Francesco Nugnes tratte dall'omonima
raccolta edita da PAV Edizioni (2023)
Design sonoro di Emanuele Umberto Salvatore
Tecnico audio e luci: Chiara Biancardi
Fotografie di Ana Maria Dinu

Produzione: Spettacolo prodotto dall' associazione "Avvenimenti" di Torino

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Alice Corni si diploma nel 2008 come attrice alla Paolo Grassi di Milano, In seguito grazie, al progetto L’sola della pedagogia, vincitore del premio ubu sezione premi speciali del 2010, Incontra e lavora con il maestro Anatolij Vassiliev per diversi anni. In quell’ambiente incontra Giacomo Veronesi e il gruppo “Fuoco alla paglia”, movimento artistico indipendente ed internazionale con il quale collabora tutt’ora dall’Estonia a Tel Aviv. Dal 2017 scrive diversi lavori per il teatro e per il web come In difesa del fratello Caino, toccata e figa, Love me Tinder, A te e Famiglia, La morte e la moda 300 anni dopo.
Condividi