Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Youtube, Vimeo e Bunny.net per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

KEVIN

LAR - Le Api Randagie
Regia: Davide e Mattia Bonetti
Drammaturgia: Davide Bonetti, Mattia Bonetti e Carlo Cerato
Attori: Davide Bonetti - Acrodanzatore Mattia Bonetti - Musicista
Trailer: Link
Anno: 2024
Adatto a: per tutti


Generi: Danza, Performance

Tags: circo, acrodanza, ghiaccio, contemporaneo, musica

KEVIN è un mix di circo contemporaneo, danza e musica.
KEVIN non è adatto a un pubblico che mangia popcorn.
KEVIN ha a che fare con delle scarpe di ghiaccio da 6 kg l'una.
KEVIN non ha a che fare con la musica folk irlandese.
KEVIN è una riflessione sui limiti umani.
KEVIN non è una risposta.

C’è chi ha la presunzione di non averne, chi vede solo quelli davanti a sè. Chi investe la sua vita nel superarli, chi prudentemente non fa un passo oltre. C’è chi sa riconoscerli quando gli si parano davanti, chi non li vede finchè non ci sbatte la testa.
Chi ha limiti visibili, chi invisibili, chi entrambi. Chi è affezionato ai propri e chi ne è terrorizzato.
Ma qual è il limite dei limiti? Probabilmente le opportunità.
Vogliamo ricercare sul concetto di limite applicato alle nostre discipline. Cosa possono diventare musica e acrodanza se “illimitate”? Come si possono, invece, limitare all’estremo e cosa diventerebbero?

Musica
Una chitarra classica crossover. Una penna. Una loop station multieffetto. Cos’è che rende illimitata la musica? Forse l’insieme di tutti i suoni possibili nello stesso momento, il rumore bianco. E l’estrema limitazione? Probabilmente il silenzio.
Ma ci sono varie limitazioni intermedie che portano a diverse opportunità di produrre suoni, come l’uso dei feedback (i fastidiosissimi fischi dell’effetto Larsen) per creare il panorama sonoro, oppure trovare il modo di suonare una chitarra con le corde tagliate. Si seguirà durante lo spettacolo una destrutturazione della chitarra, per esplorare tutta la gamma sonora che ogni sua parte può produrre.

Acrodanza
L’acrodanza è una disciplina circense ancora difficile da definire perchè piuttosto recente e “ibrida” dal momento che è contaminata non solo dalla danza contemporanea e dalla tecnica acrobatica ma anche da capoeira, arti marziali, floorwork, break dance ecc…
Abbiamo riflettuto su come ostacolare una disciplina così libera: Scarpe di ghiaccio da 6 kg l’una, braccia lunghe il doppio, uno spazio circoscritto da una corda di 5 metri. Ad ogni limitazione l’acrodanza risponde creando un nuovo vocabolario di movimento, usando il limite stesso come opportunità per ampliarsi.

Altri crediti: Co-produzioni:
- Flic Scuola di Circo/RSGT - Residenza SURREALE 2022
- Centro di Residenza dell'Emilia-Romagna "L'Arboreto - Teatro Dimora I La Corte Ospitale
- Teatro Verdi di Monte San Savino con il sostegno di Officine della Cultura (Arezzo)
- “Vettori - Residenze Artistiche / Artisti nei Territori 2023" di Teatro La Contrada di Trieste
- Teatro in Folio attraverso Residenza CarteVive (Meda)
- Officine Caos (Torino)
- Associazione Ideagorà (Cuneo)

Produzione: Produzione della Compagnia LAR

File scaricabili:
LAR...KEVIN...Dossier.di.produzione_compresso.pdf

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

I LAR (Le Api Randagie) sono Mattia (cantautore) e Davide (acrodancer). Fratelli.Hanno vinto il bando per una residenza artistica all’Isola d’Elba, organizzato da L’Elba del vicino che li ha visti creare in una settimana un progetto video combinando acrodanza e cantautorato.Video “Quelli che restano”: https://youtu.be/RFZybE0rTXAd Ottobre 2020 sono stati selezionati fra i 4 progetti artistici al Festival “E qua sia il viaggio” a Bari (Puglia), creando una performance ad hoc sul tema dell’Identità.Vincitori inoltre del bando SURREALE 2022 di Flic scuola di circo dove incominciano a creare “KEVIN”, il loro nuovo progetto artistico. Trailer KEVIN 5 min: https://youtu.be/tNkXz-f6FdIMattiaClasse ‘94, musicista.Nel 2016 si laurea alla SAE (School of Audio Engineering) di Milano in ingegneria del suono. Nel 2017 realizza il suo primo album d’inediti “Canzoni in Libertà”. Alcune delle sue canzoni sono state scelte per la raccolta internazionale “Canzoni contro la guerra” e hanno vinto il “Premio Baccanali” del Museo della Resistenza. Ha vinto poi il primo premio della critica a “Una città per cantare” nel Teatro di Lucio Dalla a Bologna e a Roma per l’Agesci Music Festival, oltre ad altri riconoscimenti e diverse finali come quella del premio Bertoli 2019 e Voci per la Libertà di Amnesty International nel 2020. Nel 2019 esce il suo secondo album Hybris e nel 2020 i due singoli: “Attorno” e “Exarchia”. Lavora inoltre come tecnico audio e luci per varie compagnie italiane tra cui Compagnia Trioche e Compagnia Marionette Grilli.DavideClasse ‘95, acrodanzatore.All’età di 18 anni Davide entra alla Scuola di Circo contemporaneo FLIC di Torino come acrobata e qui si specializza in verticalismo. A 22 anni entra al secondo anno della CNAC (Centre National des Arts du Cirque) in Francia, specializzandosi in acrodanza. Nel 2019 è in tournée tra Francia e Belgio con lo spettacolo di uscita dalla CNAC “On n’est pas là pour sucer des glaces” messo in scena dalla Cie Galapiat Cirque e suc-cessivamente acrobata nello spettacolo d’opera “Le Voyage Dans la Lune” messo in scena da Olivier Fredj, in tournée fino al 2022. Dal 2017 dà workshops di acrodanza in accademie italiane e in festival europei tra cui B12 research or die (Berlino), HJS Summer intensive (Amsterdam), Frei Art Festival (Friburgo).
Condividi