Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Primitivi

Lumik Teatro
Regia: Michele Demaria
Drammaturgia: Peter Sinn Nachtrieb
Attori: Ludovica Apollonj Ghetti Giulia Rupi Roberto Salemi Nicola Sorrenti
Trailer: Link
Anno: 2022
Adatto a: VM14


Generi: Prosa

Tags: Lumik Teatro, Primitiv, Nachtrieb, Hunter Gatherers

Lumik Teatro dopo Ciccioni con la Gonna di Nicky Silver e Cervus di Aaron Mark conclude la sua Bestiale
Trilogia Americana, tutta volta ad indagare la natura dell’uomo, con Primitivi (Hunters Gatherers) del
drammaturgo Peter Sinn Nachtrieb, dritto dalla west coast statunitense.
Si tratta anche in questo caso di un drammaturgo inedito e mai rappresentato in Italia; Nachtrieb è infatti molto
attivo negli Stati Uniti ma non ha mai avuto occasione di far conoscere le sue opere oltreoceano.
Questo testo ci è sembrato perfetto per chiudere un cerchio: sia per l’affinità dei temi trattati che per la
possibilità di mantenere un’unità stilistica con i precedenti lavori, prima di dedicarci ad altri generi, altri paesi,
altre drammaturgie.
Hunters Gatherers ovvero cacciatori-raccoglitori: un titolo che rimanda subito alle società acquisitive, ovvero
quelle società che, soprattutto nel paleolitico, non praticavano alcuna forma di allevamento o di agricoltura,
ma si sostentavano unicamente attraverso l'acquisizione e il prelievo del cibo dalla natura selvatica. Il processo
di domesticazione delle piante e degli animali nel neolitico sarà un passo fondamentale nella direzione della
Società per come la conosciamo. Un passo che ha comportato però oltre ai benefici anche svantaggi.
L’evoluzione ci ha insegnato che i fattori che hanno condotto l’uomo al vertice della catena alimentare del
pianeta sono, al di là delle specifiche caratteristiche di forza, velocità e adattabilità, la sua capacità di organizzarsi in società e la sua capacità di pensiero astratto. Ma come fa l’essere senziente immaginativo a convivere con l’essere brutale spinto dagli istinti di sopravvivenza e di riproduzione della specie che è insito
in ciascuno di noi? La più atavica aporia dell’uomo viene messa sotto analisi in questo testo che, nella sua scoppiettante livrea da commedia nera, ci conduce con rigoroso rispetto delle unità aristoteliche attraverso la nostra personale giungla dell’anima, una giungla fatta di doveri, di vincoli, di pulsioni e desideri. Fino al sorprendente finale.

SINOSSI

Richard e Pam, Wendy e Tom. Compagni di classe al liceo, sposati su altari gemelli. Due coppie di amici che
hanno condiviso le gioie e i dolori del diventare adulti, fino a diradare, piano piano la loro frequentazione.
Unico appuntamento inamovibile nel calendario è il loro anniversario di matrimonio, giorno nel quale
inderogabilmente i quattro amici si riuniscono, si aggiornano sulle loro vite, rinsaldano la loro amicizia.
Ma stavolta, tra sacrifici di agnelli, sveltine in cucina, rituali di lotta cameratesca, proposte di inseminazione,
i quattro amici perdono gradualmente il controllo della situazione e la festa si trasforma in tragedia.
Chi è maggiormente adattabile è quello destinato a sopravvivere.



Altri crediti: Traduzione, scene luci e costumi di Michele Demaria
Realizzazione Agnello: Paola Castrignanò

Produzione: Lumik Teatro

File scaricabili:
Recensione.Alan.Mauro.Vai.pdf
Recensione.Laura.Bevione.pdf
Recensione.Roberto.Canavesi.pdf

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Lumik Teatro è una compagnia di nuova formazione fondata da Ludovica Apollonj Ghetti e Michele Demaria, che dopo diversi anni di lavoro come scritturati per teatri pubblici e privati hanno iniziato un progetto indipendente e autoprodotto collaterale che guarda con occhio curioso alla drammaturgia contemporanea. Il loro primo lavoro “Ciccioni con la gonna” dell’americano Nicky Silver, ha vinto il Festival di Inventaria 2019 come miglior spettacolo. Il secondo progetto “Cervus” è stato tra le proposte più apprezzate nella rassegna Pillole #tuttoin12minuti 2019 del Teatro Studio Uno, ottenendo il sostegno alla Produzione 2019-20 e il debutto al Teatro Biblioteca Quarticciolo, grazie alla sinergia e alla collaborazione tra i due teatri romani.