Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Ciao Amore Ciao - Un'inchiesta su Luigi Tenco

Associazione Culturale Asini Bardasci
Regia: Asini Bardasci
Drammaturgia: Fabiola Fidanza - Asini Bardasci
Attori: Filippo Paolasini - Lucia Bianchi Alessandro Centolanza - Lucio Matricardi - Andrea "Jimmy" Catagnoli (musicisti)
Anno: 2021
Adatto a: per tutti


Generi: Prosa, Altro

Tags: Musica italiana, Sanremo, Festival, Omicidio, Fiori

“il 27 gennaio del 1967 mentre tutta l'Europa si apprestava a vivere un grande periodo di contestazioni, a Sanremo, un paese sospeso tra il sogno e la realtà, a pochi chilometri dalla costa azzurra francese, durante il Festival della canzone italiana, il cantautore Tenco Luigi, veniva trovato cadavere in una stanza del lussuoso albergo, il Savoy, finiva così la sua personalissima rivoluzione, liberando, definitivamente, ogni dubbio sulle sue qualità artistiche, proiettandolo così nel paradiso dei grandi miti della storia della musica italiana...”

Gli Asini Bardasci, riportano in vita la storia di Luigi Tenco, il più moderno dei cantanti della musica leggera italiana. Dalla nascita alla prematura scomparsa. Ciao amore ciao si muove tra musica, parole e ricerca storica attorno alla figura di Luigi Tenco.
Il racconto della vita di un cantautore romantico e dannato, il suo sguardo glaciale, così vero da renderlo diverso dai colleghi dello star system della musica italiana del tempo, finti e patinati. Lugi Tenco era necessario, un bersaglio semplice su cui sparare. Il suo è stato un suicidio o un omicidio? Rimane certo che la sua esistenza in vita abbia donato a tutta la musica italiana un’immensa eredità artistica.
Lo spettacolo ha un taglio cinematografico e la narrazione è sempre unita a momenti in cui la messa in scena entra in “quarta parete”, rivivendo a pieno l'emozioni e le atmosfere di quegli anni. Ciao amore ciao è portato in scena da Filippo Paolasini che in un gioco di metamorfosi entra ed esce dalle vesti del cantante per raccontare una storia difficile e travagliata, una attrice Lucia Bianchi che impersona tutte le donne della vita di Tenco, dalla madre a Dalida, passando per la giovane intervistatrice a la misteriosa Valeria ed infine la band dei musicisti che oltre che suonare dal vivo si presta al gioco teatrale, portando lo spettacolo in alcuni momenti ad una coralità evocativa, che rende appieno i fatti realmente accaduti.
Questi gli ingredienti di uno spettacolo totale: musica teatro e non solo, per far rivivere le atmosfere del boom degli anni '60, per riportare alla luce dopo più di cinquant'anni dalla sua scomparsa, il mito di Luigi Tenco.

Altri crediti: Disegno luci: Omar Scala,

Produzione: Asini Bardasci

File scaricabili:
SCHEDA.TECNICA.LUCI...CIAO.AMORE.CIAO.pdf
manif.70x100.ciaoamoreciao.jpg

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

La compagnia (under 35) nasce nel 2016 grazie a Paola Ricci e Filippo Paolasini, artisti che uniti sotto il nome di Asini Bardasci (che in marchigiano arcaico significa ragazzini), iniziano a produrre e promuovere attività progettuali di tipo teatrale nel territorio marchigiano e non solo. Nel 2018, con la prima produzione: Fratellino e Fratellina, ottengono un importante riconoscimento nazionale con la Menzione al Premio Scenario Infanzia. Sempre nel 2016 iniziano ad “abitare” il teatro Apollo di Mondavio, con il progetto-rassegna: “Anche questo è Teatro”, portando spettacoli di teatro contemporaneo di rilievo nazionale: Roberto Latini, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Andrea Cosentino, Vico Quarto Mazzini, TiDA.

Nel 2021 termina la collaborazione con Paola Ricci e gli Asini diventano a tutti gli effetti un progetto condiviso con professionisti del mondo dello spettacolo. La volontà è quella di continuare a progettare produzioni teatrali, aprendosi a nuove collaborazioni sia in ambito musicale e performativo sempre con gli occhi e il cuore aperti verso la sperimentazione e il mondo dei giovani