Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

IO NE ESCO

Compagnia GenoveseBeltramo
Regia: Viren Beltramo
Drammaturgia: Viren Beltramo
Attori: Yuri Ferrero, Lidia Ferrari, Savino Genovese, Magda Saba, Gabriele Vaschetti. Davide Rigodanza (tecnico)
Trailer: Link
Anno: 2021
Adatto a: per tutti


Generi: Prosa

Tags: Eugène Ionesco, disumanizzazione, sopravvivenza, scelta, resistenza.

Da un’idea di Viren Beltramo nata prima della pandemia, IO NE ESCO è stato sviluppato a partire dall’inizio del 2020, diventando un’operazione di resistenza culturale. Il debutto al Cap10100 di Torino, con una tenitura di dieci giorni, dal 27 maggio al 5 giugno 2021, ha registrato costantemente il tutto esaurito e la vivissima attenzione della critica.
Lo spettacolo si basa sulla rielaborazione drammaturgica di tre opere di Eugène Ionesco: Il Rinoceronte, Il Pedone dell’Aria, Il Re muore. IO NE ESCO è un viaggio personale, una lotta al pericolo della disumanizzazione, un atto di coraggio, un viaggio attraverso i limiti dell’essere umano, che, per restare tale, può solo fare una scelta: quella di non arrendersi. Questa scelta non lo salverà forse dalla morte, bensì da una vita vissuta a stenti, da una sopravvivente agonia; combattere la disumanizzazione significa scegliere, nonostante tutto, di essere umano. IO NE ESCO è stato realizzato anche grazie al sostegno dell' Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, della Circoscrizione 8 del Comune di Torino, e della Regione Piemonte.

Altri crediti: Leonardo Aloi (musiche), Fabio Renis (aiuto regia), Massimo Voghera (scenografia), Giovanna Fiorentini (costumi), Liliana Iadeluca (illuminotecnica).

Produzione: Compagnia Genovese Beltramo

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Savino Genovese e Viren Beltramo si incontrano a Torino nel 2006. Nel 2007 attraversano Australia, Messico e Stati Uniti, dove entrambi vengono ammessi per una sessione, in qualità di attori stranieri, all’Actors Studio di Los Angeles. Tornano in Italia nell’ottobre del 2008 e fondano la Compagnia GenoveseBeltramo. Nel 2009 debuttano con lo spettacolo Nonno Rosenstein nega tutto (finalista Martelive 2009 e selezionato dal Premio Internazionale "Il Teatro Nudo" di Teresa Pomodoro 2015), vincono il Primo premio della Presidenza del Senato alla V Rassegna Teatrale Internazionale per le scuole di Campofranco con lo spettacolo "Alice in prova" e producono lo spettacolo Io sono la luna, percorsi sull’obesità (che ha ricevuto numerosi riconoscimenti ed è stato presentato all'Expo 2015 per Altroconsumo). Nel 2011 fondano lo Spazio Opi con la Compagnia Marco Gobetti a Torino e l’Altroconsumo produce loro lo spettacolo Checkup diritti, con il quale girano l'Italia, fino alla presentazione dello stesso spettacolo in lingua inglese presso il BEUC di Bruxelles nel 2012. Debuttano ad aprile 2012 con L'elogio degli assenti e nel 2013 con lo spettacolo Vietato ai Minori. Dal 2013 ad oggi girano l’Italia con Econosofia, spettacolo di educazione finanziaria commissionato dalla Feduf, presentato anche al Teatro Politeama di Palermo e al Piccolo Teatro Strehler di Milano. Visto il successo della prima edizione a maggio 2014 debuttano con la seconda versione dello spettacolo Check up diritti, sempre per Altroconsumo. Debuttano nell’ottobre 2015 con la nuova produzione Game Over, spettacolo ideato nell'ambito del progetto D.N.A. - Drammaturgie non allineate per l'Infanzia e l'Adolescenza, promosso da Unoteatro e ritenuto dal critico Mario Bianchi uno dei migliori spettacoli di teatro ragazzi del 2015. Nel 2016 realizzano la prima versione, in forma di studio, dello spettacolo Il male accanto e debuttano con la nuova versione dello spettacolo Econosofia, sempre commissionato dalla Fondazione per l’Educazione Finanziaria.