Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

I CASSETTI NON PARLANO

Teatro Periferico
Regia: Paola Manfredi
Drammaturgia: Loredana Troschel, Dario Villa
Attori: Valeria Borrelli, Giorgio Branca, Elisa Canfora, Beatrice Cassol, Alessandro Luraghi, Susanna Miotto, Laura Montanari, Raffaella Natali, Loredana Troschel, Dario Villa
Trailer: Link
Anno: 2021
Adatto a: per tutti


Generi: Prosa

Tags: Alzheimer, Memoria, Ricordi, Storie, Biografie

Uno spettacolo dedicato all'Alzheimer.
I deficit cognitivi dell’anziano, le demenze in generale, il morbo di Alzheimer in particolare, stanno arrivando ad assumere i connotati di un’emergenza sociale, oltre che medica. Anche il teatro può fare la sua parte nell’integrazione delle persone affette da queste malattie.
Nel 2019, Teatro Periferico ha condotto un’esperienza presso due RSA durante la quale sono state raccolte numerose interviste a caregiver, infermieri, educatori, psicologi, O.S.S. e volontari. Da lì, si è passati alla costruzione dello spettacolo.
In scena diversi malati, con tipologie differenti di demenza, e i loro ricordi, che riguardano la vita precedente, i rapporti con i familiari, le situazioni di cura. Nella mente del malato tutto si confonde: “Ho un minestrone nella testa”, dice uno di loro. Ecco che i personaggi reali si mescolano a quelli della televisione, ai personaggi delle fiabe e dei cartoni animati, cui si aggiungono le poesie imparate a scuola, i vecchi motivetti, le figure dei libri dell’infanzia.
L’anima che vive nell’inconscio dei malati fluisce leggera, vivace e sincera. Percezione, presenza, preferenza, umorismo, immaginazione ed emozione possono conservarsi, nonostante la perdita della memoria.

Altri crediti: Aiuto regia: Enzo Biscardi
Cura delle scene e maschere: Salvatore Manzella 
Trainer / movimenti di scena: Cornelia Miceli
Sound design: Luca Ciffo 
Con il sostegno di Residenza Carte Vive e QuieOra Residenza Teatrale

Produzione: TEATRO PERIFERICO

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Teatro Periferico è un’associazione culturale costituitasi nel 2008. Nel 2010, grazie al progetto ETRE di Fondazione Cariplo diviene residenza teatrale e stabilisce la sua sede a Cassano Valcuvia, un piccolo centro in provincia di Varese, dove gestisce il Teatro Comunale.
Teatro Periferico produce spettacoli, cura progetti socio-culturali, coordina corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti e organizza una stagione teatrale giunta alla sua dodicesima edizione.
Attraverso il progetto Storia e storie, raccoglie i vissuti di anziani, ex-operai, disabili psichici, immigrati italiani e stranieri, per raccontare storie di intere comunità: centri diurni, fabbriche dismesse, quartieri popolari, ex-manicomi, malati di Alzheimer...
Nel 2015, partendo dallo spettacolo “Mombello, voci da dentro il manicomio”, che racconta la storia di un ex-ospedale psichiatrico alle porte di Milano, intraprende un tour nazionale chiamato CASE MATTE, toccando nove città sedi di altrettanti ex-manicomi. Il progetto itinerante ha ottenuto il premio di Rete Critica per la Progettualità/Organizzazione. L’esperienza è stata raccontata nel libro "Mombello. Un’inchiesta teatrale, uno spettacolo, un viaggio", edito da Sensibili alle foglie.
Le ultime produzioni della Compagnia sono "Con me in Paradiso", da un testo di Mario Bianchi, che vede in scena attori e richiedenti asilo provenienti dal Senegal e dalla Guinea Conakry, e "I cassetti non parlano", realizzato a partire dalle storie di anziani malati di Alzheimer.