Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Quarto piano stanza 2

Il Teatro di Alice
Regia: Federico Vigorito
Drammaturgia: Elettra Zeppi-Francesco Imundi
Attori: Elettra Zeppi Giancarlo Porcari Con l'amichevole partecipazione di Paolo Celata
Anno: 2021
Adatto a: VM14
Un noto (indagato) Senatore della Repubblica alloggia in un hotel nel centro di Roma, mentre in aula è in corso la votazione sull’autorizzazione a procedere nei suoi confronti.
Quella stessa notte piomba nella sua stanza Anna, una cameriera ai piani in fuga da un suo superiore che la molesta in cambio della conservazione del suo lavoro.
Due individui in antitesi e un’unica stanza, dalla quale uscire sembra impossibile.
Il confronto tra Anna e il Senatore è un susseguirsi graduale, frenetico di colpi di scena e confessioni. Sullo sfondo ci sono Il muro della differenza sociale e di genere e una pesante accusa di illeciti ambientali, fardello di una storia viva e incredibilmente originale.
Novanta minuti col fiato sospeso che passano in un attimo. O, forse, neanche in una vita.

Scritto a quattro mani dall’autrice e attrice Elettra Zeppi, affiancata dall’autore Francesco Imundi, “402” è un thriller a tutti gli effetti: un senatore della Repubblica alloggia in un moderno hotel romano, nella stanza 402, in attesa che venga votata l’autorizzazione a procedere nei suoi confronti a causa di un’indagine che lo vede protagonista di un grosso illecito ambientale nella cosiddetta ‘terra dei fuochi’. Anna, cameriera ai piani, piomba improvvisamente nella sua stanza per sfuggire alle molestie di un suo superiore che la ricatta in cambio della conservazione del posto di lavoro. I due si ritrovano uniti dal caso a raccontarsi vicendevolmente, in un susseguirsi di colpi di scena che non lasciano un attimo di respiro: da una parte un rappresentante delle istituzioni accusato di gravi crimini contro l’ambiente, dall’altra una donna ‘oggetto’, vessata e sola che si ribella a una condizione d’illegittimità morale e sociale.
In realtà, scopriremo che nulla è dettato dal caso, ma è frutto di un disegno ben architettato dalla stessa Anna, novella Medea che si confronta con la violenza e contrasta attivamente l’imperante dominio delle ecomafie sul nostro territorio, nonché un certo tipo di cultura maschile egocentrica e ingorda.
Il risultato sarà un sorprendente scacco matto a quello che si scoprirà essere il colluso coprotagonista della vicenda, defraudato per sempre dalla sua bolla di protezione e di tutti i suoi privilegi da chi – sulla carta – non aveva alcun potere. Una persona, anzi una donna, del tutto comune ma che non si lascia intimidire e combatte per il suo amore e per offrire una opportunità di riscatto a territori martoriati dagli scandali ambientali.
Nella stesura di “402” gli autori si sono chiesti: esiste un momento ben preciso e premeditato in cui tutto converge? La risposta è stata affermativa ed è nato questo testo, una “stanza” in cui il racconto diventa azione continua, un unico luogo in cui la vita raggiunge il suo apice e ne discende in modo ineluttabilmente naturale.
La scelta stilistica ha lo stesso impatto adrenalinico delle attuali serie tv/film action e crime, mantenendo intatta la veridicità della vicenda.

Generi: Prosa

Tags: thriller, donna, vendetta, ecomafia, amore

Altri crediti: Scenografia Area5
Luci e suono Giulia Vertua
Costumi Antonietta Corrado
Organizzazione Claudia Di Fabio

Produzione: Il Teatro di Alice

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

IL TEATRO DI ALICE nasce nel 2006.
Si occupa di promozione di spettacoli teatrali, eventi, organizza e gestisce laboratori teatrali,
seminari, workshop e laboratori didattici per gli istituti scolastici.
La sede operativa è in via Federico Sclopis 10 - Roma ( S. Giovanni )
L'Associazione nasce con lo scopo di stimolare e sostenere la crescita morale, spirituale, culturale e
sociale dell'uomo attraverso ogni espressione di spettacolo, nonché di promuovere la diffusione
dell'arte e della cultura teatrale, musicale, letteraria ed artistica in ogni sua forma.
L’Associazione svolge, promuove, partecipa, collabora e contribuisce a varie attività:
• corsi di teatro, cinema, recitazione, dizione, musica, critica del testo, scenografia, danza;
• corsi di formazione;
• aggiornamento e specializzazione per docenti e capi di istituto di scuole di ogni ordine e grado;
• organizzazione di workshop, master e conferenze;
• organizzazione di congressi, conferenze, meeting, master, mostre;
• organizzazione di rassegne teatrali, cinematografiche, musicali;
• realizzazione e produzione di spettacoli teatrali, concerti, documentari, film;
• iniziative culturali e ricreative intraprese sia dai soci dell’associazione che da gruppi, compagnie e
complessi esterni.
Il Teatro di Alice si avvale da sempre della collaborazione di numerosi professionisti dello spettacolo
che mettono a disposizione le loro competenze ed esperienze artistiche per la formazione di allievi
attori e performer. Tra tanti, figurano: Elettra Zeppi, Francesca La Scala, Gaetano Mosca, Walter
Del Greco, Daniele Fabbri, Marina Marchione, Leonardo Buttaroni, Antonello Avallone, Antonio
Friello, Christian Generosi, Diego Migeni, Andrea D’Andreagiovanni, Uberto Kovacevich, Daniele
Giacchetta, Gianfranco Sgura.
L’Associazione vanta altresì numerose collaborazioni con enti pubblici e privati che usufruiscono
periodicamente delle prestazioni offerte.
Nell’ambito della P.A., Il Teatro di Alice ha partecipato a progetti con il Miur (IIS Croce Aleramo
anno 2017/18) e con il Ministero della Difesa (C.U.F.A 2015/2019);
Coopera e promuove progetti con altrettante realtà artistiche quali:
Novadanza, Pinispettinati, Il Tempio del Burlesque, Teatro dell’Illusione, Casa Braida Radio, APS
Amici del Parco Carlo Felice e molte altre.
Negli anni 2020 e 2021, nonostante le restrizioni di legge per le attività in presenza a causa
dell’emergenza pandemica, Il Teatro di Alice ha proseguito e perseguito i propri intenti sviluppando
con i propri soci due importanti progetti artistici “a distanza”: la realizzazione di n.6 radiodrammi
messi in onda tra gennaio e marzo 2021 e n.4 riprese video di scene teatrali rappresentate in digitale
sotto forma di corti, progetto “Attori distanti ma vicini”
All’attivo, nell’ambito formativo, Il Teatro di Alice conta circa 50 allievi stabili ed altrettanti
partecipanti a workshop e seminari stagionali: S
Storia del teatro,
Scrittura comica ed umoristica, dizione,
Canto, Pilacting - il benessere psicofisico nel training dell’attore
L’Associazione svolge annualmente i propri laboratori teatrali fissi suddivisi per livelli:
• RECITAZIONE I BASE
• RECITAZIONE II INTERMEDIO
• RECITAZIONE III AVANZATO
SPETTACOLI
L'Ass. Cult. IL TEATRO DI ALICE si occupa attivamente della promozione e realizzazione di
spettacoli teatrali.
Di seguito alcuni titoli.
Horovitz! regia E. Zeppi 2021
Assurdi regia E. Zeppi 2021
Liberi regia W. Del Greco 2020
Colpevoli regia E. Zeppi 2020
Interno 15 regia G. Mosca 2019
Antiche... a chi? di F. La Scala - E. Zeppi - M. Vitolo 2019
Sui massimi sistemi dell'Amore regia Francesca La Scala 2018
La Condizione regia Elettra Zeppi 2019
Rope regia Elettra Zeppi 2019
12 - La Parola ai Giurati regia Elettra Zeppi 2018
Prima della Prima regia di Uberto Kovacevich, 2009-2011;
Una truffa quasi onesta di Elettra Zeppi, regia Elettra Zeppi 2015;
Lo show di vetro regia Elettra Zeppi 2015;
Provaci ancora Sam di Woody Allen, regia Elettra Zeppi 2016;
Ombre e nebbia di Woody Allen, regia Elettra Zeppi, 2016;
Blackout regia di Elettra Zeppi 2016;
La vera storia di Cenerentola di Uberto Kovacevich, regia Elettra Zeppi, 2014 e 2017;
L'Appartamento, da Promesse Promesse di Neil Simon, revisione e adattamento di Elettra Zeppi;
Fermatemi di e con Elettra Zeppi 2008.