Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Bruciateli tutti

Compagnia Antonio Brugnano Teatro
Regia: Antonio Brugnano
Drammaturgia: Antonio Brugnano
Attori: Antonio Brugnano
Trailer: Link
Anno: 2021
Adatto a: per tutti
Bruciateli tutti
di e con
Antonio Brugnano

Il 14 Aprile 2008,
mi trovavo insieme ad alcuni amici e colleghi a replicare uno spettacolo in cui credevamo molto, per i contenuti che cercava di divulgare ma anche per i linguaggi teatrali scelti. Il titolo era “Di buona Costituzione!” ed era nato tre anni prima dalla richiesta specifica di una insegnante di Diritto che chiedeva il supporto del Teatro per sottolineare il valore della nostra Carta Costituzionale.
Quel giorno lo spettacolo, tenutosi nell'aula magna di una scuola della periferia milanese, continuò con un dibattito dai toni accesi sul tema delle migrazioni verso l'Italia, che si chiuse con la frase di uno studente, fattosi portavoce del gruppetto d'appartenenza, che urlò con convinzione “Bruciateli tutti!”.
Quello stesso giorno si concludeva lo spoglio dei voti per l'elezione del nuovo Governo, intuimmo senza difficoltà chi potesse aver vinto la tornata elettorale.
Il vento nero che aveva appena inziato a soffiare sull'Europa aveva raggiunto anche l'Italia e qualcuno era pronto a cavalcarlo.

Questo spettacolo racconta come negli ultimi anni la “costruzione del nemico” sia servita a rafforzare quella politica priva di scrupoli e indifferente al dolore altrui che in un momento di difficoltà del Paese non ha avuto problemi a trovare i propri sostenitori alimentando vecchie e nuove forme di razzismo.
Gli strumenti principali sono stati la “parola” e i nuovi mezzi per diffonderla.
Per mostrare come questa deriva populista sia pericolosa si ricorderanno i casi eclatanti del Rwanda del 1994 e del Myanmar del 2017 per poi tornare a noi e fare i conti con le nostre vittime, centinaia di sconosciute vittime causate dall'odio immotivato fomentato da chi irresponsabilmente vuol dare un volto al nemico.

Antonio Brugnano

Generi: Prosa

Tags: le parole sono importanti, razzismo, fake news, socialnetwork, memoria

Produzione: Compagnia Antonio Brugnano Teatro

File scaricabili:
DOCUMENTI.E.FONTI.DELLO.SPETTACOLO.pdf

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Mi chiamo Antonio Brugnano e da circa 20 anni lavoro come attore e mimo per varie realtà del teatro italiano (Quelli di Grock, Comteatro, Palketto stage, ecc.) ed estero (Paolo Nani Teater, Danimarca). Queste collaborazioni mi hanno permesso di recitare come attore in Italia, Svizzera, Spagna, Cuba e come mimo in Giappone, Cina, Taiwan, Francia, ecc. e di ricevere il riconoscimento come miglior attore italiano di teatro ragazzi (Premio Eolo Awards 2009 e Ribalta 2007, ex aequo con A.Battistella) e il Premio L'Uccellino Azzurro 2007 miglior spettacolo per "Senza coda" di Quelli di Grock in cui recito insieme alla mia amica e collega Debora Virello.

Negli ultimi anni ho iniziato a sentire l’esigenza di seguire un mio personale percorso che mi consentisse di mettere in campo i diversi aspetti della mia formazione che si basa anche sul Mimo, la Commedia dell'Arte e la Clownerie. Seguendo questo desiderio sono nati lo spettacolo "Mr. Bloom" e "Mr. Brush" performances prive di parole...o quasi!

Grazie a questi sogni sono anche nati i miei personali percorsi d'insegnamento (Corsi e Stage) del Mimo e di un teatro silenzioso, che preferisco chiamare "...dell'attor muto", in cui il gesto tecnico e l'espressività del personaggio s'incontrano per raccontare emozioni e senza parole.

Produzioni personali:
"Mr. Brush" (2018)
"Mr. Bloom, on the street" (2015)
"Mr. Bloom, sognatore specializzato" (2013).
"L'Agile Immaginario" (2011)
"Circo sogno" (2005)
"Il Piccolo Popolo racconta..." (2002)

Curriculum Vitae completo su:
http://www.antoniobrugnano.org/uploads/5/2/0/9/52097093/curriculum_2020.pdf