Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Umani si Diventa

Tecnologia Filosofica
Regia: Marco Amistadi
Drammaturgia: Paolo Cascio
Attori: Marco Amistadi
Trailer: Link
Anno: 2020
Umani si Diventa è uno spettacolo per ragazzi, prodotto da Tecnologia Filosofica, Unione Musicale e Rivoli Musica in occasione del Darwin Day 2020, con un forte intento didattico.
In questo lavoro la drammaturgia è supportata da un approccio teatrale spiccatamente comico e da un preciso e peculiare progetto musicale. Alla base dell'idea narrativa risiede infatti un parallelismo tra la tecnica compositiva del tema con variazioni e la teoria dell'evoluzione di Charles Darwin.
Lo spettacolo, costruito attorno al testo del drammaturgo Paolo Cascio, racconta le vicende del reazionario mozzo del Beagle, il vascello sul quale Darwin ha compiuto i suoi viaggi attorno al mondo e che l'hanno portato a elaborare la famosa teoria dell'evoluzione.
In assenza del grande scienziato, sceso per ricerche su un'isola delle Galapagos, il mozzo riceve la visita di diversi animali (un dinosauro, una gallina, un pipistrello, un polpo, una tartaruga, una scimmia e la misteriosa specie del futuro) ognuno venuto per reclamare un posto nelle ricerca di Darwin.
Dal punto di vista visivo gli animali sono raffigurati utilizzando una particolare tecnica: un mini-proiettore manipolato dal vivo permette di trasformare immagini statiche in animazioni che vengono proiettate su scenografie e superfici.
Ogni animale, argomentando le proprie posizioni, illustra ai bambini una faccia della teoria dell'evoluzione portando in dono, a dimostrazione delle dichiarazioni fatte, un pezzettino di DNA della specie di appartenenza.
Il regalo così ricevuto viene declinato dal mozzo, che non sa bene come utilizzarlo, attraverso una lettura musicale: se il DNA del primo essere vivente rappresenta il tema, tutti gli altri ne sono variazioni. Si crea così un susseguirsi di composizioni basate sulla medesima origine melodica che vengono eseguite (all'oboe o al pianoforte) durante tutto lo svolgersi dello spettacolo.
Attraverso una narrazione divertente e leggera viene illustrata non solo la storia evolutiva delle specie in visita sul Beagle ma anche i lati universali della teoria di Darwin, compresi gli aspetti più rivoluzionari che resero la pubblicazione de L'origine delle Specie un evento sociale, religioso e politico, oltre che scientifico.

Altri crediti: da un'idea di ANDREA MAGGIORA
immagini e video SIMONA BALMA MION
musiche originali eseguite dal vivo MARCO AMISTADI
disegno luci DARIO COLOMBO
assistente alla regia MATTEO SCANO
Con il sostegno di Regione Piemonte e TAP (Torino Arti Performative)

Produzione: Tecnologia Filosofica, Unione Musicale, RivoliMusica

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Tecnologia Filosofica è attiva dal'99 nella ricerca artistica e contaminazione tra i generi, con una predilezione particolare per il lavoro sul corpo e sulla presenza, nell’idea di un teatro concepito come atto totale. Il suo studio si colloca su una linea di confine tra teatro e danza, con la figura del danzatore-attore, non solo interprete, ma anche “autore” del suo lavoro.
    Una comunità teatrale di artisti a struttura orizzontale, non verticistica, né gerarchica in cui non è prevista la figura tradizionale del direttore artistico. Le linee guida sono definite e orientate grazie a un continuo confronto dinamico all’interno del gruppo, mentre le responsabilità artistiche dei lavori sono stabilite a progetto, sulla base delle urgenze portate dai singoli.
    L’apertura all’incontro e allo sguardo di artisti esterni completano i tasselli dell’identità della compagnia.
    L’indagine teatrale esplora di solito i temi della contemporaneità con un impegno di messaggio e contenuti, tradotti sulla scena con ironia e levità. I riconoscimenti pubblici, da Rigenerazione (Sistema Teatro Torino) a Spazi per la Danza, sino alle relazioni attivate con il Circuito Teatrale del Piemonte, hanno assegnato al gruppo una visibilità cittadina riverberatasi anche sul piano regionale e nazionale con la partecipazione a numerosi festival e rassegne (tra gli altri, Garofano Verde-Roma, Festival del Ticino-Varese, Festival Segnali-Bergamo, Valenza Alchemica, Anticorpi, Giocateatro, Festival delle Colline Torinesi, Avignone- Les Hivernales).
    La produzione e la formazione si concentrano a Torino (San Salvario/Teatro Comunità’04-07; Quartiere E14/Reiss Arti performative‘09) e sul territorio piemontese, con la Residenza Multidisciplinare Morenica/Cantiere Canavesano: qui la compagnia ha aperto nuovi percorsi di lavoro, nel tentativo di coniugare tradizione e innovazione, conducendo una ricerca sul territorio morenico in armonia con la vocazione produttiva del gruppo: in tal senso, si pongono le collaborazioni in Residenza con artisti quali Alessandro Berti, Doriana Crema, Michele Di Mauro.

    Produzioni disponibili

    • NIJI (06) (Filo d’Arianna 08-TIB teatro)

    • COMUNI MARZIANI (07) (Miglior spettacolo “Rigenerazione 07”- SistemaTeatroTorino)

    • YY (08) (Selezionato a Vetrina “Anticorpi 08”)

    • LE TESTE DI PALLINO (08) (Incanti 09;(Menzione speciale vetrina“Giocateatro 11”)

    • CANZONI DEL SECONDO PIANO (09) (Spazi per la danza in Piemonte '09, LEs Hivernales-Avignone 2010 e Theatre Durance di Chateau-Arnoux nell'ambito di CAT-Confrontation Artistiques Transfrontalieres, Torino Danza 2011, Los Angeles)

    • DER AUGHENBLIK DORT ('10) (SistemaTeatroTorino, Circuito Teatrale del Piemonte, Coproduzione Festival delle Colline e Theatre Durance di Chateau-Arnaux-Francia, Collaborazione AMAT).

    Nuove Creazioni

    IN SUPERFICIE (2012) solo di teatro-danza di Francesca Cinalli & Paolo De Santis in collaborazione con Festival La Piattaforma e Palcoscenico Danza

    AS IT HAPPENS (2014) dispositivo per/formativo sui linguaggi della danza contemporanea
    di Francesca Cinalli & Paolo De Santis con il sostegnio di Festival Verdecoprente, un ringraziamento alla ricerca Museo d'arte contemporanea di Rivoli (TO), Officine Caos (TO)

    PICCOLE COSE (2015) spettacolo teatro contemporaneo da frammenti di testi di Raymond Carver, progetto a cura di Renato Cravero/Raffaella Tomellini in collaborazione con Compagnia Viartisti

    VERSO UNE FLECHE (2017) performance sull'archetipo della freccia/Francesca Cinalli & Paolo De Santis/Il Corpo Rituale. Premio Festival Troia Teatro 2017

    PLAY (2017) Spettacolo interattivo di danza e musica/Marco Amistadi & Francesca Cinalli/MITO Settembremusica, Unione Musicale, Rivoli Musica, Tecnologia Filosofica.

    AZZURRA COME LA NEVE (2019) Spettacolo di figura, video e musica su diversità, famiglia e amicizia/Marco Amistadi & Elena Valente/Unione Musicale, Rivoli Musica, Tecnologia Filosofica.