Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Sarajevo, Mon Amour

Ass. Culturale Farmacia Zooè
Regia: Gianmarco Busetto e Carola Minincleri Colussi
Drammaturgia: Gianmarco Busetto
Attori: Gianmarco Busetto e Carola Minincleri Colussi
Anno: 2020
Chi vince al gioco dell'odio?

"Sarajevo, Mon Amour" è una storia di resistenza che nasce da un viaggio compiuto da Gianmarco Busetto e Carola Minincleri Colussi nel 2018, una ricerca sui 1.425 giorni d'assedio vissuti dalla città di Sarajevo tra il 1992 e il 1996 durante la Guerra dei Balcani, poi influenzata dall'esperienza di assedio vissuto durante la pandemia.
Va in scena il teatro dell'odio per l'altro, per il vicino di casa, il fratello, l'odio etnico infervorato dalla propaganda, capace di generare uno stravolgimento della scala dei valori delle persone, che fino all'inizio della guerra spesso non avevano la più pallida idea dell'etnia a cui appartenevano. Vanno in scena le conseguenze dell'accettazione sociale del dilagare dell’intolleranza verso la diversità.
Per narrare di questo pericoloso gioco dell'odio, qui si racconta una storia d'amore: quella tra Boško Brkic e Admira Ismic, conosciuti come "Giulietta e Romeo dei Balcani", fidanzati di etnie e origini differenti, uccisi da un cecchino e morti abbracciati sul ponte di Vrbanja, mentre cercavano di fuggire insieme da Sarajevo, per poter continuare ad amarsi e a vivere la loro vita.
"Sarajevo, Mon Amour", è una serie di storie, quella di chi racconta, quella di chi è raccontato, quelle di chi osserva e ascolta, storie che si incontrano nella memoria sanguinosa di una città dilaniata dall’odio, una città in cui due ragazzi che potrebbero essere chiunque in un futuro qualsiasi, combattono contro le granate, i cecchini, la sete, contro la storia che, in ogni conflitto, vorrebbe vittima chi non smette di amare.


Altri crediti: Regia tecnica Marco Duse con il supporto di Pietro Zotti
Supporto all'interpretazione Elena Friso
Graphic project Marina Renzi

Progetto realizzato con il sostegno di
Teatro del Lemming, Rovigo, In Metamorfosi. Residenze per la ricerca teatrale 2019
Estro Teatro, Trento, Fantasio Festival Internazionale di Regia teatrale 2019



Produzione: Farmacia Zooè

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Farmacia Zooè è una compagnia indipendente nata nel dicembre 2006 a Mestre dall'incontro di Gianmarco Busetto e Carola Minincleri Colussi. Si occupa di teatro, poesia e performance e indaga la contemporaneità alla ricerca del valore essenziale degli individui e delle loro comunità, per trovare e condividere ispirazioni e percorsi “alternativi al vuoto”.

La sede della compagnia è SPAZIO FARMA, uno spazio performativo che promuove l'arte e l'educazione con l'arte a Mestre (via Paganello 8/5).

PRODUZIONI
Di bocca in bocca – 2018 Corto teatrale ispirato a Bocca di rosa di Fabrizio De André, finalista Fantasio Festival Internazionale di Regia teatrale 2018; Viola arriva all'alba – 2017 finalista e Premio della Stampa al festival Le Voci dell'Anima 2017; undressed – 2017 mostra fotografica, workshop teatrale e libro/catalogo; 9841 / Rukeli – 2015 vincitore del Premio Rostagno dell'Accademia dell'Antimafia e dei Diritti 2019 come Miglior spettacolo, Miglior regia, Miglior attore e Miglior spettacolo Giuria Popolare, vincitore del Roma Fringe Festival 2016 come Miglior spettacolo, vincitore del San Diego International Fringe Festival come miglior spettacolo e migliore attore, finalista a “Stazioni d’emergenza” presso Galleria Toledo - Teatro Stabile d’Innovazione di Napoli; finalista a “TeatrOfficina” 2017 di Milano; Religions – 2014 Premio Fersen alla Regia 2014 – Piccolo Teatro di Milano, finalista Premio Off Teatro Stabile del Veneto 2014, Tramedautore – Piccolo Teatro di Milano 2014; La pelle o la devozione all'anima – 2013 recital e libro ed. La Vita Felice; Anche le anatre d'allevamento migrerebbero d'altronde in autunno – 2011, recital e cd, Turning Back (Voices) – (Voci) di Ritorno – 2010 performance, mostra fotografica e libro ed. Equilibri, Le usanze dei rivoluzionari ai tempi del coma – 2009 recital e libro ed. Equilibri, Oggi è solo salsa piccante – Omaggio a Charles Bukowski – 2008 in collaborazione con Nicola Manzan (Bologna Violenta/Baustelle/Teatro degli Orrori), Sick – La humanidad esta muy enferma (videoinstallazione) – 2007, Pornografe – 2007.

Carola Minincleri Colussi, artista multidisciplinare, autrice, regista, performer e formatrice. Dopo la laurea in Letteratura Italiana contemporanea - specializzazione in Italianistica con una tesi sulla contaminazione dei linguaggi, ha studiato teatro a Milano presso Quelli di Grock, perfezionandosi poi a Bologna nella scuola Jodorowsky. Con Gianmarco Busetto, nel dicembre 2006 ha fondato la compagnia Farmacia Zooè, per nove anni ne ha diretto la scuola di Teatro e per tre lo spazio performativo residenziale, Spazio Farma, nella zona universitaria della città di Mestre. Per l'Università Ca' Foscari di Venezia ha condotto un lungo percorso dedicato all'innovazione culturale a cura di MacLab - Laboratorio di Management delle Art e della Cultura della Facoltà di Economia, per H-FARM, H-CAMPUS E Ca' Foscari Challenge School si occupa di studi e percorsi di sviluppo e integrazione dell'intelligenza emotiva nei comportamenti, nelle conversazioni e nelle interazioni delle persone nelle organizzazioni. Tra le sue modalità d'indagine favorite, dopo l'arte, ci sono viaggi di natura antropologico-culturale, con un particolare interesse per i paesi dell'Asia e del Sudamerica. Tra il 5 e il 25 dicembre 2017 ha attraversato l'Oceano Atlantico in barca a vela, con un equipaggio di sette persone e il capitano Aldo Revello.

Gianmarco Busetto, poeta e drammaturgo, regista di teatro e performance, fondatore nel 2006 della compagnia teatrale e performativa Farmacia Zooè, è autore di numerose performance e spettacoli teatrali. Con Carola Minincleri Colussi, nel dicembre 2006 ha fondato la compagnia Farmacia Zooè, per nove anni ne ha codiretto la scuola di Teatro e per tre lo spazio performativo residenziale, Spazio Farma, nella zona universitaria della città di Mestre. È il direttore artistico del gruppo performativo Kurt Sadie's. Lo spettacolo "9841/Rukeli", di cui è autore, interprete e coregista, gli è valso numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. È docente di Teatro, Storytelling e Comunicazione presso strutture pubbliche e
private, e autore del metodo vocale “Vox Corpi”.