Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Petrolio

PaT - Passi Teatrali
Regia: Alessio di Clemente
Drammaturgia: Beatrice Gattai
Attori: Beatrice Gattai, Alessio di Clemente, Francesco Centorame
Trailer: Link
Anno: 2019
I disabili hanno diritto a una figura per l’assistenza sessuale?
L’utero in affitto è una scelta eticamente corretta?
La prostituzione va legalizzata?

Petrolio dà vita a tre personaggi, non prende posizioni, racconta tre storie.
Una prostituta dalla vena artistica e due suoi clienti: un giovane disabile che vuole confrontarsi con l’altro sesso e un uomo in crisi nel suo desiderio di paternità. Questi personaggi ci faranno riflettere e divertire affrontando le loro difficoltà con sorriso ed ironia.

Sinossi
Petrolio è una storia d'amore, ma non è una storia romantica: parla di evoluzione. È un intenso frammento di vita che suggerisce cosa può accadere ad un essere umano quando oltrepassa la "linea del fuoco", ovvero quando si trova a dover attraversare quei passaggi stretti dell'esistenza che possono distruggerlo in un attimo o farlo evolvere verso una maturità e un senso di responsabilità degno di una persona adulta. Tre personaggi: un uomo e una donna con storie difficili alle spalle, eppure così diversamente affrontate, e infine un ragazzo portatore di handicap e di bellezza. Bellezza, sì. Perché alla fine, dietro la collina dell'integrità umana, splende sempre il sole.

Note di regia
In “Petrolio. Una storia a colori” la lettura di una storia d'amore non romantica mi ha consentito di lavorare sui tre interpreti obbligandoli a procedere per archetipi. 
La provocazione continua dell'altro all'interno del ring, o meglio della gabbia, in cui si svolge l'azione, è il propellente di ognuno dei tre nella ricerca del compiersi del proprio obiettivo. Ma mentre la giovane donna ha già scavalcato la "linea del fuoco" e vede con chiarezza, responsabilità e consapevolezza tutto il proprio campo d'azione, l’uomo è impantanato nella sua mediocrità e insegue solo il fantasma del proprio ego, il ragazzo invece cerca puramente di soddisfare le proprie necessità naturali. È una partita tesa,
 un duello a colpi di provocazioni, inserito in un contesto che altro non è che un falso fondale, un luogo a perdere nella vita dei tre esseri umani. Nessuno vince, a parte l'integrità della persona.
Integrità che non ci protegge, ma che è senz'altro consolatoria.

Altri crediti: Costumi: Irene Trovato
Tecnico suono e luci: Giulia Pompili
Scenografo: Adriano Solferino
Disegno luci: Diego Pirillo

Produzione: PaT- Passi Teatrali

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Fin dalla sua fondazione, la compagnia PaT - Passi Teatrali si è focalizzata nella messa in scena di testi contemporanei originale.
Ha infatti debuttato nel 2009 con lo spettacolo originale Coffee and Cigarettes di Pier Vittorio Mannucci, subito selezionato nella rassegna Fuorifesta organizzata dal Teatro Arsenale di Milano. Successivamente PaT ha portato in scena altri tre testi originali di Mannucci. Il primo, I Dimenticati, nel 2012 si è aggiudicato il premio “Spirito Fringe” del Roma Fringe Festival. Il secondo, Luci Spente, ha debuttato nel 2012 all’interno della Rassegna Effetti Collaterali presso il Teatro della Memoria. Grazie a una campagna di crowdfunding è stato trasformato in un film e ha vinto il Gold Remi Award “Animated Film - Any Technique” del WorldFest Houston. Il terzo testo, Il Grande Cocomero ha debuttato nel 2014 all’interno della terza edizione del Roma Fringe Festival, dove ha riscosso un ottimo successo di critica e di pubblico. A seguito di questo successo Il Grande Cocomero è stato presentato e invitato in diversi teatri e rassegne del nord Italia. Sempre nel 2014 PaT ha prodotto Untitled Keith di Saverio Trovato, testo originale dedicato alla figura dell’artista Keith Haring e presentato anch’esso al Roma Fringe Festival.
Nel 2017 PaT ha prodotto Scarafaggi, spettacolo inedito di un altro autore, Nick Russo, presentato all’interno del Festival inDivenire a Roma per la regia di Massimiliano Vado. Nel 2019, con il testo House Macbeth, la compagnia affronta per la prima volta un grande classico del teatro, riadattato dal regista per focalizzarsi sulla coppia protagonista. Inserito in stagione presso il teatro fACTORy32 di Milano lo spettacolo ha raccolto ottime recensioni ed è stato successivamente inserito nella rassegna “I martedì” del Teatro a l'Avogaria di Venezia, che porta in laguna le produzioni più interessanti della nuova scena teatrale. Nel 2020 Scarafaggi diventa Cafards e debutterà nella stagione di fACTORy32 a Milano per la regia di Nick Russo.
Nel 2020 PaT diventa orgogliosa produttrice dello spettacolo Petrolio. Una Storia a Colori, opera prima dell’attrice e autrice di Beatrice Gattai, che ha debuttato con successo nel 2019 al Cometa Off di Roma e che ritornerà in scena sia Roma che a Milano nella primavera 2021.

Un punto di forza della compagnia è la ricca eterogeneità dei suoi componenti. Attori che vengono da esperienze comuni di studio e di lavoro, ma che poi hanno seguito un percorso individuale secondo i propri interessi e attitudini. Questa eterogeneità permette a PaT - Passi Teatrali un continuo confronto e crescita.