Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Bottoni

Teatro di Dioniso
Regia: Renato Cuocolo
Drammaturgia: Roberta Bosetti
Attori: Annalisa Canetto, Livio Ghisio
Anno: 2017
Dopo un'intensa attività, iniziata nel 1978, che ha portato la compagnia in questi ultimi anni a presentare i suoi lavori in 26 nazioni vincendo numerosi premi internazionali tra cui: UNESCO Award per la ricerca artistica (USA), Green Room Award (Australia) e Premio Hystrio (Italia), la Cuocolo/Bosetti presenta dal 2017 il suo primo spettacolo per ragazzi: Bottoni.
Il Progetto Bottoni nasce con leggerezza ed allegria da una serie di incontri: con un quaderno ricamato, una coppia di gatti e gli attori di Arteinscacco.
Bottoni mette in scena la tradizione della favola, partendo dai classici del genere, puntando su un innovativo metodo di narrazione. Ricreando la struttura tipica di ogni racconto di fate (Il distacco,la sventura, la foresta misteriosa, le terre lontane, la sposa etc.) utilizza a piene mani i personaggi iconici dell'immaginario fiabesco. Così troveremo insieme Il Principe Azzurro, chiamato qua Affascinante, la Bella Addormentata, Pollicino, Hansel, Gretel, Biancaneve e in una rumorosa Casa di Correzione per i Cattivi delle Fiabe incontreremo insieme alla strega, i quaranta ladroni, l'Orco , Lucignolo e finanche Geppetto, se pur qui per un errore giudiziario.
Materiali poveri e quotidiani, facilmente reperibili, attraverso un uso immaginativo diventano i protagonisti del racconto. Su tutto i bottoni, che si trasformano nei personaggi principali, così come un guscio di noce diventa una nave, che per quanto ne sappiamo, può affondare in un bicchier d'acqua.
Insieme al racconto di classici della narrativa per l'infanzia il bambino viene esposto e stimolato ad un uso inventivo degli elementi presenti in ogni casa. Viene stimolato alla creazione di un mondo e alla messa in scena partendo da elementi della sua realtà che solo grazie ad uno sguardo diverso possono acquisire sensi, funzioni e significati diversi, stimolando, nel piccolo ascoltatore un uso immaginativo verso la costruzione di universo creativo.
La creatività va come tutte le qualità stimolata ed è proprio questo che il progetto si prefigge. Non solo passivo ascoltatore ma produttore di senso, scopritore di possibilità.
Il tutto viene presentato così come, con successo, è stato sperimentato negli spettacoli per adulti, con la produzione video live che segue e approfondisce gli elementi della narrazione trasformandoli attraverso le immagini che rinforzano e/o stravolgono la realtà degli oggetti stessi. Un rametto di foglie diventa un bosco, un biscotto la casa di marzapane e così via.
CUOCOLO/BOSETTI IRAA THEATRE
Fondata a Roma nel 1978 da Renato Cuocolo, la compagnia si trasferisce a Melbourne nel 1988, dove nel 2000 diventa la principale compagnia australiana d’innovazione (Flag Company), tanto da essere definita dal Sydney Morning Herald “la punta di diamante della performance contemporanea australiana”. Il loro lavoro viene presentato in 26 nazioni. Vincitori di numerosi premi tra cui Unesco Awards , Green Room Award, MO Award, Premio Cavour, e Premio Hystrio i loro spet

Produzione: Teatro di Dioniso; CuocoloBosetti / IRAA Theatre; Arteinscacco

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Il Teatro di Dioniso nasce nel 1991 attorno alla figura artistica di Valter Malosti, attore e regista torinese, e nell’arco di oltre venticinque anni diviene una delle compagnie teatrali più attive e feconde del panorama italiano: testi di drammaturgia contemporanea, spesso in prima assoluta per i palcoscenici italiani, si alternano a riletture non convenzionali -ma filologiche- di grandi classici.

    A partire del 1 gennaio 2018 Valter Malosti diviene direttore artistico della Fondazione Teatro Piemonte Europa, lasciando così la guida del Teatro di Dioniso.

    A raccogliere, su invito dello stesso Malosti, il testimone della direzione artistica della compagnia è un’attrice e regista che sin dalle origini ha collaborato progettualmente alla crescita e all’identità del Teatro di Dioniso: Michela Cescon.

    L’attrice è stata, dal 1996 al 2005, interprete pluripremiata di spettacoli di cui Malosti ha firmato la regia.

    Dal 2005 Michela Cescon ha arricchito la propria esperienza artistica dedicandosi oltre che al teatro, al cinema e alla televisione.

    Nel 2017 il sodalizio Malosti-Cescon ha dato vita ad un nuovo spettacolo: Talking Heads II di Alan Bennett, novità assoluta per l’Italia.

    La direzione del Teatro di Dioniso rappresenta dunque una sfida stimolante per l’attrice -e la compagnia stessa- che nei prossimi tre anni dovranno reinterpretare l’identità artistica del Teatro di Dioniso coniugando e declinando il nuovo con la sua storia quasi trentennale.