Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Sfratto Celeste

Taverna Est
Regia: Sara Sole Notarbartolo
Drammaturgia: Sara Sole Notarbartolo
Attori: Andrea de Goyzueta, Fabio Rossi
Trailer: Link
Anno: 2021
La polizia assedia l'appartamentino di Via Celeste numero tre. Al suo interno gli assediati sono due inadeguati alla vita, innocenti, precari che per una semplice questione di susseguirsi di malevoli eventi non hanno potuto pagare l'affitto negli ultimi mesi.
Matteas ha più energia che spazio vitale, è un nervoso, un emotivo. Un maltrattato dagli eventi. Desidera dare una forma alla realtà, una qualsiasi forma, desidera che qualcuno gli spieghi come funziona la vita. Beraghi è un intellettuale talmente snob da specializzarsi, dopo la laurea, come tecnico di riparazione delle caldaie. Resta un filosofo, un pragmatico, uno stoico.
Entrambi hanno una sanità mentale non completamente perfetta, ma non è questo quasi impercettibile handicap a impedirgli un normale approccio con la realtà: è la realtà, piuttosto, a manifestare limiti sempre maggiori e a dimostrarsi non all'altezza di una auspicabile normalità. Il mondo esterno, nella figura retorica della polizia, cerca di tirarli fuori dalla loro casa-tana e a questo scopo vengono escogitate le più diverse strategie. Altrettante strategie e altrettanto varie vengono messe in atto dai nostri due sfrattuandi fino all'ultimo respiro.

Note di regia
Ho iniziato a scrivere questo testo durante il primo lockdown e senza che me ne rendessi conto ha raccolto tutto l’opposto di quello che abbiamo provato e vissuto in quel periodo, o almeno di quello che ho provato io. Io avevo l’esigenza di uscire, Matteas e Beraghi invece vogliono restare nella loro casa assolutamente. Io sentivo che la realtà risultava come inadeguata e scrivendo sono nati questi due inadeguati, buffi, poetici assediati, il loro è uno sfratto celeste perché è uno sfratto apparentemente ineluttabile come quello divino, come quello che ci sentivamo piombare sulla testa in quei giorni, e il loro piccolo appartamento è tutto il loro mondo, se guardano oltre il loro balcone scoprono che, come dice Beraghi “Fuori di qua non c’è niente. Niente”.
Lo spettacolo avrebbe dovuto debuttare a settembre ma è stato prima rimandato per allerta meteo e poi annullato per le norme che De Luca ha firmato in Campania e che hanno di fatto impedito di realizzare le produzioni nei piccoli spazi. La sera successiva alla mancata prima, abbiamo realizzato questa ripresa video nel Teatro dell'Asilo Filangieri che ha ospitato le prove e la residenza di drammaturgia, facendo un'improvvisata prova aperta con un pubblico di poche persone e con luci di servizio.

Altri crediti: disegno luci e datore luci Sara Sole Notarbartolo
Assistente alla regia e fonica Antonia Cerullo
Voci: Peppe Papa e Francesca De Nicolais
Costumi ed effetti speciali Gina Oliva
con il sostegno dell'Asilo Filangieri di Napoli

Produzione: Taverna Est Teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Taverna Est, è una compagnia fondata e diretta dalla regista e drammaturga Sara Sole Notarbartolo nell’inverno del 2004 all’interno di un centro sociale napoletano, il DAMM.
Il primo progetto realizzato assieme è lo spettacolo ‘O Mare, che fa parte della Selezione Premio Ustica ed è premiato come Generazione Scenario 2005.
Nel 2006/ 2007 realizziamo “Santa Lucia della Bella Speranza”, in coproduzione con il Mostar Intercultural Festival e il Teatro Stabile di innovazione Galleria Toledo.
Nel maggio 2008, con “La Tentazione” la compagnia vince il Premio Nuove Creatività. Lo spettacolo è sostenuto dall’Ente Teatro Italiano, dal Teatro Stabile di Napoli Mercadante e dal Festival Primavera dei Teatri.
Nel luglio 2011 Il Faust o della bella vita debutta al Teatro San Ferdinando nell’ambito del Napoli Teatro Festival a luglio 2011 Lo spettacolo, incentrato sul Faust e sul lavoro precario, nasce con tre residenze: a Marsiglia, presso La Friche la Belle de Mai, a Napoli, presso il Teatro Area Nord e a Palermo, presso La Vicaria.
Nel giugno 2012 “Santa Lucia della bella speranza” fa parte della Selezione Fàce a Fàce, parole d’Italia per le scene di Francia” ed è presentato al Théatre de La Ville di Parigi per la regia di David Lescot.
Ad aprile 2013 debutta un primo studio dello spettacolo “Mulini a Vento” realizzato in collaborazione con l’Ex Asilo Filangieri/La Balena, presso il Teatro Stabile di Napoli.
Nel giugno 2013 debutta “Sueño #4”, in coproduzione con il Napoli Teatro Festival Italia, nel 2014 lo spettacolo vince la Selezione "Italia Svezia 2-2, drammaturgie per l'Europa delle Diversità" con il contributo di ERT, Teatro Arena del Sole, Teatro La Soffitta, Bologna.
Nel giugno 2014, “La danse des amants” vincitore della residenza Cantieri Campsirago, debutta al Festival delle Esperidi ed è selezionato da i “Visionari” del Kilowatt Festival.
Dal giugno 2015 la compagnia sta realizzando una serie di workshop su “L’Abbandono” in varie città d’Italia (ad oggi Caserta, Teatro Civico 21; Napoli, START: Palermo, Vicaria/Teatro Mediterraneo Occupato; Torino, Teatro della Caduta; Cagliari, Kyber Teatro).
Tra gli Enti e Teatri che hanno ospitato o prodotto i nostri spettacoli, residenze, workshop: Teatro Valle, Roma; Festival Primavera dei Teatri; Festival di Sant’Arcangelo; Festival Volterra Teatro, Mostar Intercultural Festival; Cavallerizza Reale, Torino; Festival di Drò, Teatro Stabile di Napoli- Mercadante; Teatro Verdi, Milano; Kilowatt Festival, San Sepolcro; Teatro La Friche di Marsiglia; Napoli Teatro Festival Italia; ERT-Arena del Sole, Bologna; La Fabrique du Theatre di Mons (Belgio), Theatre de la Ville, Parigi, attualmente lo spettacolo "Caipirnha Caipirinha" è in distribuzione in Germania ed Austria a cura della Kiepenheur Distribuzione.