Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Il migliore dei mondi possibili

Giacomo Nappini
Regia: Giacomo Nappini
Drammaturgia: Giorgio BR Franchi
Attori: Jasmine Monti, Gaetano Franzese, Riccardo Bursi
Trailer: Link
Anno: 2020
Una divertente tragedia.

Un ibrido fra teatro e cinema adatto sia alla fruizione in sala che da remoto. Il progetto è nato specificamente con questa doppia natura per poter vivere autonomamente in caso di restrizioni dovute al Covid 19. La squadra artistica de Il migliore dei mondi possibili è diplomata per il suo intero presso la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi che ne ha permesso la realizzazione solo in video all'interno della rassegna Morsi Inediti a Milano nell'ottobre 2020, in collaborazione con la squadra tecnica proveniente dalle Civiche Scuole di Cinema Luchino Visconti e di Musica Claudio Abbado.

NOTE DI DRAMMATURGIA E REGIA

Il mondo sta per essere sommerso da uno tsunami causato dal riscaldamento globale. Una nota azienda tecnologica progetta un'abitazione indistruttibile in cui mettere un uomo e una donna da salvare: le loro menti saranno sovrascritte dalla memoria di tutti gli esseri umani, di modo che il mondo intero, in un certo senso, possa dire di essersi salvato. I due saranno i nuovi Adamo ed Eva, in un Eden governato da un computer che può generare qualsiasi cosa loro vogliano. Fino all'arrivo del serpente.

Un Paradiso artificiale. Una stanza blu, Dio è finito.
Il migliore dei mondi possibili racconta il tema dell'insoddisfazione e della cancellazione del dolore nella società capitalistica del primo mondo.

Riusciranno Ada e Steve a trovare un senso per la loro esistenza e creare così la vita perfetta?

Tra fenicotteri rosa e canzoni pop-rap lo spettatore spierà le sorti del mondo: gli attori immersi in una stanza bluescreen creeranno di volta in volta il migliore dei mondi possibili grazie all’uso della tecnologia chroma-key. Oggetti che appaiono come per magia e una chiave di lettura proposta seguendo i passi della Genesi biblica racconteranno il tradimento del consumismo e l’illusione del benessere.

Altri crediti: Progetto in collaborazione con Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi

Per la voce di T-REX si ringraziano
Monica Bonomi
Riccardo Bursi
Compagnia ProTe[M]us del Teatro San Carlo di Foligno
I piccoli Manuel Santiago, Sebastian e Thomas Nappini
-
Ideazione multimediale
Valentina Buonanno, Celeste Correale
-
Video, montaggio, post-produzione
Fabio Brusadin
-
Musiche originali di
Danilo Colloca

iHome
Cantata da Gaetano Franzese
Scritta da Giorgio BR Franchi
Composta da Danilo Colloca

Everest
Cantata da Gaetano Franzese
Scritta da Giorgio BR Franchi
Composta da Danilo Colloca
-
Sound design
Hubert Westkemper
-
Fonico e post-produzione audio
Luca Cozzi
-
Light design
Daniela Bestetti
-
Illuminotecnica
Paolo Latini, Simona Ornaghi, Ornella Banfi, Marco Monaco
-
Scenografie e attrezzeria
Alice Capoani, Mattia Franco, Ryan Contratista, Irene Bonifazi
-
Costumi
Nunzia Lazzaro
-
Organizzazione e promozione
Marco Plini
Rossana Valsecchi
Camilla Gentilucci
Chiara Lo Dato
-
Comunicazione
Roberta Paparella
-
Consulenza progettazione e regia
Manuel Renga
-
Consulenza drammaturgia, progettazione e regia
Tatiana Olear

Produzione: Gruppo informale Nappini, Franchi, Lo Dato (iscritti a SmartIT)

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    L'attore e regista Giacomo Nappini (Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi) insieme all'attrice Monica Bonomi (Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi) e all'attore Edoardo Barbone (Accademia dei Filodrammatici) costruiscono insieme il loro gruppo teatrale con lo spettacolo MILKYWAY di David Kostak, per la nuova drammaturgia contemporanea promossa da Fabulamundi Playwright.

    I punti di forza del gruppo sono la multidisciplinarietà dei linguaggi (video, ombre, audio olofonico binaurale in cuffia), oltre alla prosa, come scelta di messa in scena delle nuove drammaturgie proposte.