Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

LA FRITTATA

Diapason
Regia: Gianpaolo Pasqualino
Drammaturgia: Gianpaolo Pasqualino
Attori: Tano Mongelli Gianpaolo Pasqualino
Trailer: Link
Anno: 2020
Dopo anni da impiegato impeccabile, il signor Belluca è impazzito e ha sfasciato il suo ufficio al grido di “Cristo è sceso della croce”. Il suo Vicino di casa va a trovarlo in ospedale per cercare di scoprire cosa gli sia successo. La risposta a questa domanda cambierà in maniera irreversibile le vite di entrambi.
La “Frittata”, figlio illegittimo della novella “Il Treno ha fischiato” è una grande indagine sul valore del sacrificio e della pietà.
Rispetto all’originale pirandelliano, il testo effettua alcune modifiche sostanziali alla trama.
Tuttavia, il nettare della novella è ugualmente contenuto nella riscrittura: la spaccatura tra ciò che voglio e come mi vorrebbero, i “doveri” sociali contrapposti ai bisogni naturali e l’inevitabile pazzia che deriva da questo conflitto. Pirandello fa capolino di tanto in tanto sulla drammaturgia senza invaderla, ma tentando di innalzarla.
Il testo di Gianpaolo Pasqualino, già premio UBU 2016 come migliore attore under35 e semifinalista 2019 al Biennale College Teatro, è un thriller psicologico prodotto dalla compagnia DIAPASON che si ispira, oltre che a Pirandello, alla scrittura densa di pausa e piena di “non detto” di Pinter.
Una croce, un letto, due uomini. Colpevoli dello stesso peccato: aver rubato la vita dell'altro.

Altri crediti: Dramturg Ludovico D'Agostino
Luci Leonardo Manzan
Costumi Giovanna Mazzola
Foto di scena Giorgia Privitera
Video Trailer Marco Foti
Video integrale & Locandina Lenzo Grasso
Foto Locandina Giulia Privitera

Produzione: Diapason

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Il Diapason dà un suono quasi puro necessario per accordare gli strumenti.
Il Diapason non può mentire.
Il Diapason è onesto.
Il Diapason è anche il culmine.
Senza ambire di arrivare a quel culmine, forse il Teatro, grande Diapason dell'umanità, è privo di senso.