Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Il giocatore

Dionisio Produzioni e spettacoli
Regia: Antonio Tancredi
Drammaturgia: Carlo Goldoni
Attori: DAVIDE PAGANINI MASSIMILIANO CARETTA CHIARA DEGANI VALENTINA BADARACCO
Trailer: Link
Anno: 2019
IL GIOCATORE di GOLDONI

Breve sinossi dello spettacolo
Compresa tra le sedici commedie che Goldoni scrive e mette in scena nella stagione 1750-51, Il giocatore è una delle rare opere morali che il commediografo veneziano compone con l'obiettivo dichiarato di attaccare la febbre del gioco che percorre non solo Venezia, ma l'intera Europa lungo tutto il XVIII secolo. Il protagonista, Florindo, è un personaggio chiuso in sé che vive in uno stato di ansia perpetua, inchiodato al tavolino da gioco e teso unicamente verso l'irraggiungibile vincita definitiva. Il tavolo è il suo eterno presente, inscritto tra un passato di rivendicazioni e un futuro che potrà realizzarsi solo nel momento in cui riuscirà a trovare nuovi soldi per ricominciare a giocare. Caduto nelle mani di Lelio, giocatore disonesto, Florindo perde la fidanzata Rosaura, l’amante Beatrice, le amicizie e solo l’intervento del vecchio Pantalone lo salverà dal pericolo di sposare, in cambio di soldi per tornare al tavolo gioco, l’ottantenne Gandolfa.
Perché metter in scena Il giocatore di Carlo Goldoni
Ludopatia, azzardopatia, propensione al rischio coinvolgono ormai oltre 3 milioni di persone sempre più giovani toccando un fatturato di oltre 76 miliardi di euro l'anno, cifra due volte superiore a quanto le famiglie spendono per la salute e otto volte a quanto spendono per l'istruzione. Si tratta di una tematica che, anche grazie alla facilità di accesso digitale alle più svariate forme di azzardo, attecchisce con estrema facilità e rapidità di contagio nelle fasce di età giovanili. Soprattutto per la fascinazione che offre in termini di tutto e subito, rimozione del passato e invisibilità del futuro, sfibramento dei legami e rapidità di consumo. Coinvolgendo non solo l'individuo ma il suo contesto famigliare e affettivo. Il tutto, sotto l'ambiguità dell'atteggiamento istituzionale che da una parte invita a “giocare con moderazione” (come se si potesse conciliare facilmente la propensione al rischio con la moderazione del suo consumo) ma dall'altra trae profitti enormi dal fatturato di questo settore. Carlo Goldoni è stato un grande commediografo e un forte giocatore. In diverse sue commedie ha inserito momenti di gioco e d'azzardo (La trilogia per la villeggiatura, La bottega del caffè, La guerra). Inoltre, ha dedicato proprio questa opera, Il giocatore, al racconto della drammaticità della dipendenza dal gioco d'azzardo. Il gioco, scriveva Carlo Goldoni, conduce l’uomo in uno stato miserabile, i giocatori sono uomini colla testa sempre confusa, pieni di speranze e pieni di vizi, collerici. Odiosi quando vincono, ridicoli quando perdono, senza amici, negligenti, malsani, traditori di se stessi e della propria famiglia. Un ritratto impietoso e reale che, attraverso una rilettura attuale e appositamente pensata per un pubblico in età scolare, offre un accesso agevole alla riflessione sulle dipendenze, tema sensibile, intimo e al contempo sociale. In questo senso, lo spettacolo prevede la po

Generi: Teatroragazzi

Produzione: Dionisio produzioni e spettacoli ----numero matricola ex empals : 3420434230

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Non è stata caricata nessuna recensione

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

L'Associazione Culturale Dionisio legalmente rappresentata da Davide Paganini nasce a Sestri Levante. E' un' associazione che non ha finalità di lucro, con lo scopo di diffondere e promuovere la cultura e l'educazione teatrale, musicale e cinematografica in tutte le manifestazioni nel' ambito del territorio nazionale sostenendo il riconoscimento dello spettacolo come bene culturale appartenente alla collettività e pertanto come servizio sociale necessario.
Nel 2014 Produce Lo spettacolo “A Steady Rain (dentro la pioggia)” di Keith Huff con la regia di Alessandro Machia e la partecipazione di Graziano Piazza e Davide Paganini. Il 25 agosto 2014 presenta il progetto al Festival di Todi in prima nazionale; Lo spettacolo prosegue la tournée toccando città quali Palermo e Roma riscuotendo molto successo.
Attualmente l'Associazione è impegnata nella produzione e allestimento dello spettacolo musicale “Dunque lei ha conosciuto Tenco” di Paolo Logli regia di Davide Paganini con Davide Paganini ed il Quartetto Jazz .
Nell’estate 2015 l’associazione ha prodotto il cortometraggio “Righetto” scritto e diretto da Simona Manganaro con Massimo Wertmuller attore protagonista.
Nell’inverno 2016 l’Associazione ha realizzato il documentario dal titolo “anche le pecore hanno la coda” ideato, sviluppato e realizzato da Simona Manganaro e Davide Paganini
Per la Stagione 2016-2017 L'Associazione riprende lo Spettacolo “A Steady Rain ( Dentro la Pioggia)” che partirà da La Spezia poi Roma e girerà in diversi teatri italiani.
L’associazione sta concludendo un progetto particolare non convenzionale in collaborazione con ASICS Italia e Fidal organizzando una tournee all’interno delle associazioni podistiche italiane, e non nei teatri dello spettacolo scritto da Edoardo Erba “La maratona di New York”. Portando così la “maratona” ai maratoneti.

Associazione Culturale Dionisio
Davide Paganini