Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Sogno di una notte di mezza estate

Cantiere Birnam
Regia: Piera Mungiguerra
Drammaturgia: riadattamento del testo di William Shakespeare. Piera Mungiguerra
Attori: Claudia Gambino Francesco Meola Carlo Lanfossi
Trailer: Link
Anno: 2019

La storia è ambientata alla vigilia delle nozze di Teseo e Ippolita. In un bosco incantato, durante una 'notte di mezza estate' quattro amanti si ritroveranno a rincorrersi, amarsi e odiarsi senza sapere che dietro a tutto quel caos di sentimenti, c'è Puck, a cui è stato affidato da Oberon, il re delle fate, il compito di punire la regina Titania. Queste vicende si intrecceranno a quelle di una sgangherata compagnia di comici che stanno provando nel bosco una recita per il matrimonio regale.
Nonostante il gran numero di personaggi, in scena abbiamo solo due attori (più il pianista) che si passano il testimone della storia saltando agilmente da un personaggio all’altro, favoriti dall’atmosfera onirica della vicenda. Si succedono fughe d’amore, scontri titanici fra creature magiche, farse di improbabili comici, trasformazioni zoomorfe e poi tutti i sentimenti della passione amorosa sconvolta dall’influsso della luna e dalla magia del luogo.
Alla fine, quando l’incantesimo sarà spezzato dall’arrivo del giorno, i personaggi non sapranno più se hanno vissuto o dormito quella notte. Resterà palpabile in loro la sensazione vaga del sogno che li ha percorsi e trasformati.

“Quel che accadde mi pare pallido e indistinto come all’occhio da lontano le montagne che si perdono e confondono nelle nuvole.” (Demetrio – Atto IV)

Note di regia:

Lo spettacolo nasce da un lavoro incrociato fra il testo di Shakespeare e le musiche di Mendelssohn, sviluppato insieme all’ensemble Spira mirabilis. Il debutto dello spettacolo avverrà nel luglio del 2016 nei prestigiosi contesti de Il festival Opera Estate di Bassano del Grappa, ad Artesella e il Mittelfest di Cividale.

L’agilità dello spettacolo è la sua cifra stilistica. E’ nato per adattarsi a spazi non teatrali e a valorizzarli attraverso il gioco scenico; inoltre, la collaborazione con la musica ha generato la creazione di immagini estremamente evocative capaci di prendere per mano lo spettatore e trasportarlo in questo spazio incantato. A margine della scena un pianista dialoga coi personaggi attraverso la musica diventando personaggio esso stesso e spingendo l'azione drammatica.
Allo stesso modo per i ruoli dei comici/lavoratori di atene vengono prese tre persone fra il pubblico (nel caso del video bambini) che sono guidati dagli attori al fine di creare un ulteriore effetto comico nato da imbarazzi ed errori.




Altri crediti: -

Produzione: Cantiere Birnam

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Lo spettacolo ha un formato adattabile.
Lo spazio minimo è di 4x4m

Impianto luci
10 pc 1000w
4 pc 2000w
da gelatinare (in alternativa aggiungere 4 par led)

Impianto audio
pianoforte digitale da collegare tramite connettore jack stereo a impianto audio

Tempo montaggio
4 ore montaggio - 1h e mezza smontaggio



Referente tecnico
Valentina Guagliardi
Cantiere Birnam nasce dall’esigenza di creare un luogo d’incontro tra professionisti del settore teatrale e musicale, ai fini di diffondere e valorizzare nuove forme di performance e modalità di allestimento del repertorio scenico.
Rendere più accessibile il repertorio di musica classica e di teatro di prosa è tra gli obiettivi principali dell’associazione, nell’ambito di una sempre maggiore necessità di rendere il teatro uno vero e proprio spazio di incontro col pubblico, inteso sia come spettatori che come operatori. Cantiere Birnam, come la foresta shakespeariana da cui prende il nome, è al tempo stesso un punto geografico e uno spazio immaginato, stabile e insieme cinetico, nascosto ma accessibile: il movimento di un suo ramo ha il potere di spostare foreste e inventare nuovi mondi.
Fra gli spettacoli del Cantiere ricordiamo:
Nel 2016 "Sogno di una notte di mezza estate" Shakespeare /Mendelssohn insieme all'orchestra Spira mirabilis presso Bassano Opera Festival - Trentino Arte Sella - Mittelfest Cividale
2018 "Histoire du Soldat", Stravinsky/Rameau presso Festival Wratislavia cantans e Pavia Barocca (spettacoli a Wratislavia NFM, Red Hall - Pavia, Teatro Fraschini)
2019 Ripresa di "Sogno di una notte di mezza estate" Shakespeare/ Mendelssohn/Purcell in forma ridotta con Pianoforte in scena. presso Teatro Pime Milano