Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

La Regina Coeli

Carolina Balucani
Regia: Carolina Balucani
Drammaturgia: Carolina Balucani
Attori: Matteo Svolacchia
Anno: 2019

Un ragazzo di trent’anni viene arrestato in un parco e portato in carcere. In cella immagina di essere Gesù per poter reincontrare la sua mamma. La Madonna, a differenza delle altre mamme, può apparire dove vuole, anche in prigione. Gesù e la madonna si incontrano. Alla fine del gioco Gesù muore.

La nostra storia è ispirata alle vicende di giovani ragazzi morti in carcere ed è dedicata alle loro madri. Nessuna madre dovrà più credere che suo figlio sia caduto dalle scale, sia morto di tremori, emorroidi, sia stato giustiziato perché tossicodipendente o piccolo spacciatore. Il protagonista del monologo è un ragazzo di borgata, che si paragona a Gesù e fantastica di esserlo. Il suo linguaggio è sporco, lontano da un italiano corretto. La figura di Gesù a cui si riferisce il protagonista è mutuata dall’immaginario popolare cattolico delle statuette e dei crocifissi. La religione cattolica, rasentando il feticismo, impone da sempre come valore la sofferenza della madre e quella del figlio. La Madonna è predestinata al pianto e Gesù è inevitabilmente condannato al sacrificio.

Altri crediti: SPETTACOLO VINCITORE DI
> PREMIO TUTTOTEATRO.COM ALLE ARTI SCENICHE “DANTE CAPPELLETTI” 2017
> PREMIO SPECIALE “PERIODICO ITALIANO MAGAZINE” ROMA FRINGE FESTIVAL 2019
TESTO FINALISTA DI NDN – Network Drammaturgia Nuova

collaborazione alla drammaturgia Matteo Svolacchia
tutor per la drammaturgia Massimo Sgorbani
suono Giacomo Agnifili
luci e aiuto regia Emiliano Austeri
regia Carolina Balucani
scena Allievi della Scuola di scenografia dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia docenti Marta Crisolini Malatesta e Ottavio Anania

Motivazione Primo Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche Dante Cappelletti 2017:
"Per l'unione tra una scrittura drammaturgica densa e una partitura attorale estremamente consapevole, in grado di rispondere alla complessità del testo con un processo di incarnazione intimamente legato al senso figurale dell'opera; per la capacità, inoltre, di trasfigurare, attraverso un ricorso all'immaginario religioso popolare, la peggiore di tutte le violenze, e cioè l'abuso di potere che si estremizza fino al tradimento dello Stato, evenienza di ordinaria ingiustizia, che la cronaca continua ad imporre sulla nostra contemporaneità."

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
6mx6m
da inchiodare un tappeto di erba di 5mX5m

Da montare TRAMOGGIA su seconda americana per caduta fiori
e altri 4 meccanismi per altre cadute fiori sul finale

Impianto luci
4 domino 1000W
12 ETC Zoom 25/50° 750W
5 ETC 19° 750W
8 PC 1000 W
1 PAR CP 62

GELATINE
202/219/117/603

Impianto audio
Impianto audio con casse davanti al proscenio
Subwoofer preferibilmente sotto gradinata.
Attacco audio per computer

Tempo montaggio
4 ore / 1,5 ore

Referente tecnico
Emiliano Austeri - 3200416339
Carolina Balucani si diploma come attrice al C.U.T. di Perugia diretto da Roberto Ruggieri e debutta nello spettacolo Purificati a cura di Antonio Latella.Ha scritto assieme a Giuseppe Albert Montalto ed interpretato l' America dentro, selezionato dal bando Teatri del tempo presente, e vincitore del Premio giovani realtà del teatro sez. Bianco e Nero, e del premio della Critica per il bando V.d.A. Nel 2015 scrive ed interpreta Thyssen per la regia di Marco Plini.Ha frequentato i laboratori di Danio Manfredini, Lucia Calamaro, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Martin Crimp, Antonio Latella. E' attrice nell'Ora di ricevimento di Stefano Massini con la regia di Michele Placido con protagonista Fabrizio Bentivoglio (2016). Interpreta Hella per Il Maestro e Margherita di Andrea Baracco nell'adattamento di Letizia Russo. E' aiuto regista e attrice per Le Affinita'Elettive di Goethe, adattamento di Mati Berardelli, regia di Andrea Baracco ( 2019).Il suo ultimo lavoro Regina Coeli e'stato finalista del bando Nuove Drammaturgie Network e ha vinto il premio alle arti sceniche Dante Cappelletti per l' anno 2017.