Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Della Vergogna

Giulia Vannozzi
Regia: Giulia Vannozzi
Drammaturgia: Giulia Vannozzi
Attori: Giulia Vannozzi
Trailer: Link
Anno: 2019

Della Vergogna è uno spettacolo di teatro narrazione ispirato alla storia di Tiziana Cantone. Nato grazie all'incontro con Francesco Niccolini e Marco Paolini e con il sostegno del Festival Montagne Racconta, ha vinto il premio Più Corto nella versione da 15 minuti e il bando Pillole del Teatro Studio Uno di Roma. Ha debuttato come primo studio in forma di lettura scenica al Teatro La Corte di Giarola. Debutterà in forma definitiva il 7 marzo 2020. Della Vergogna è anche e soprattutto uno spettacolo sul punto di vista, su ciò che percepiamo di noi stessi, su come gli altri ci percepiscono e su come questa comunicazione sia falsata dalla nostra reiterata assenza, contribuendo a costruire identità definite dalla sottrazione della corporeità.

"Posso fare quello che voglio e domani giurare di non averlo fatto.
Posso essere erotica. Eccessiva. Sporca. Perché ognuno con il suo corpo fa quello che vuole.
Ma se qualcuno mi vedesse mentre lo sono, rivendicherei la mia libertà o me ne pentirei?
C’è un video di me, da qualche parte. Intimo. Come il video della storia che sto raccontando.
Il video di una ragazza che era bella bella e ora non lo è più."




Altri crediti: consulenza tecnica Marco Gorini

Produzione: Giulia Vannozzi

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Spazio scenico 4X4
    Una sedia

    Impianto luci
    un piazzato


    Impianto audio
    si

    Tempo montaggio
    10 minuti

    Referente tecnico
    Marco Gorini
    Giulia Vannozzi è attrice, operatrice di teatro sociale e narratrice. Si diploma a Roma con Giorgina Cantalini e all’Università Cattolica di Milano con il Prof Bernardi. Studia con Alessio Bergamo, Paolo Rossi, Oskaras Korsunovas, Rodrigo Garcia e Tomi Janežič. Lavora come attrice in teatro e televisione, collaborando con varie realtà toscane fra cui il Teatro della Pergola e il Vivaio del Malcantone. Scrive monologhi di stand up comedy e cura la regia di brevi performance. Il testo L’ultima cena è finalista al concorso “I monologhi del frigorifero”, mentre il monologo Colpo D’Ala è inserito nello spettacolo Teorema dell’otto a tre pance diretto da Rosario Palazzolo.