Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Prometeo 2218

Nuovababette Teato
Regia: Donatella Cinà
Drammaturgia: Donatella Cinà e Leonardo Dal Tio
Attori: Francesca Tripaldi Si è diplomata alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano, corso Jean-Louis Barrault, nel 2014 e ha lavorato con diversi registi italiani e stranieri, tra i quali W. Le Moli, G. Sangati, E. Russo. Al lavoro teatrale alterna esperienze cinematografiche come attrice, ma anche assistenza a regie teatrali.
Trailer: Link
Anno: 2019
Adatto a: per tutti


Generi: Prosa

Tags: distopia, Prometeo, scienza, mito, antiumanisti

"Le stelle rappresentavano il segreto della natura?
Che rabbia! Io quel segreto desideravo violarlo e morderne i frutti. Ero tornata come bambina, ingenua e avida, ma finalmente viva."
Io - Prometeo 2218

Anno 2218, dopo secoli di mala gestione delle risorse naturali, una grande carestia ha reso il genere umano misero e indifeso, il pianeta è ormai interamente governato da quelli che si fanno chiamare Antiumanisti. Considerandole responsabili del disastro ambientale, i popoli hanno deciso di rinunciare volontariamente alla scienza e alla tecnologia e si sono affidati ciecamente all’organizzazione Iuppiter. Con pieni poteri e con ogni mezzo, Iuppiter vigila e reprime, affinché nessun uomo si azzardi a porsi al di sopra dell’ordine naturale puro.

Protagonista dell'opera è una giovane donna di nome Io. Attraverso il racconto che Io fa della sua stessa vita, entriamo in contatto con un mondo nel quale gli uomini hanno restituito il fuoco a Zeus e sono tornati a temere le fiere e i fulmini. Un mondo orribile e senza futuro, tuttavia, nella narrazione di Io, incontriamo anche chi si oppone al nuovo ordine regressivo: il misterioso Prometeo, con le sue affascinanti parole.

Prometeo 2218 è uno spettacolo che indaga l’odio per la scienza tramite un mito antico, ma incredibilmente attuale.

Riconoscimenti
Testo vincitore del premio C.A.M.A al Concorso Autori Italiani 2019 organizzato dalla Fondazione Teatro Italiano Carlo Terron e da Sipario.

Io: Francesca Tripaldi
Luci: Maria Virzì
Assistente Regia: Luca Rodella
Supervisione allestimento: Catherine Chanoux
Testo: Donatella Cinà e Leonardo Dal Tio
Regia: Donatella Cinà


Altri crediti: Aiuto regia Luca Rodella
Luci Maria Virzì
Supervisione allestimento Catherine Chanoux

Produzione: Nuovababette Teatro

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Nuovababette Teatro agisce dal 1997 e diffonde la cultura teatrale con la produzione e la circuitazione di spettacoli che molto spesso sono fondati su drammaturgie originali. Si rivolge al pubblico adulto ma è attento a nuove fasce di pubblico, come il pubblico scolastico, soprattutto delle superiori. In passato ha promosso luoghi di aggregazione culturale, come è stato per il Teatro Studio Nuovababette, nel centro storico di Aosta.
Da molti anni riceve un contributo dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta e in passato ha avuto il sostegno della Fondazione CRT per diverse annualità.
Tra gli ultimi lavori realizzati:
- la produzione di Prometeo 2218 presentato ad Aosta nel giugno 2019 e ripreso nell'ambito del Progetto "Scena ama Scienza" al Pacta Salone di Milano. Il testo dello spettacolo ha ricevuto il Premio Centro Attori Sipario 2019 al Concorso Autori Italiani.
- la produzione di Che mi capiate o no, presentato in alcuni comuni lombardi e al festival Les Mots di Aosta;
- la produzione di L’Inutile Purezza e Restart, storie di ordinaria rinascita, presentati a Milano, Torino e Aosta, di Microcosmo T, proposto a Palazzo delle Stelline di Milano per Design Diffusion World e di Dialoghi delle Fontine, progetto di valorizzazione territoriale realizzato per l’Assessorato Regionale Turismo Valle d’Aosta e Office Regional du Tourisme;
- la produzione di Togliamo il Disturbo per il debutto del maggio 2012, col sostegno di Regione Autonoma Valle d’Aosta – Assessorato Istruzione e Cultura e Fondazione CRT
- la collaborazione con la Fondazione Circuito Teatrale del Piemonte che ha selezionato per la propria programmazione 2012 il nostro Leggenda Rock (La leggenda del santo cacciatore), finanziato da Note e Sipari 2011 Fondazione CRT e Regione Autonoma Valle d’Aosta;
- la partecipazione alla Settimana della Cultura 2011 con il nostro spettacolo Vita di Anselmo d’Aosta, finanziato da Note e Sipari 2010 Fondazione CRT e Regione Autonoma Valle d’Aosta;
- la realizzazione delle edizioni 2011 e 2012 di Saveurs en Musique, narrazioni teatrali-musica-gastronomia tipica, per l’Assessorato Regionale Turismo, Office Regional du Tourisme;
- l’organizzazione di laboratori annuali di formazione attorale;
- la presenza in diverse rassegne, circuiti e festival (Saison Culturelle, Enfanthéatre, Chateau en Musique) e al Festival Avignon OFF 2009.
- la progettazione e la gestione artistica e educativa del Progetto Interregionale Teatro, Alta formazione per attori finanziata dal Fondo Sociale Europeo in collaborazione con Nuovo Teatro Nuovo, Koreja, Fondazione Pontedera Teatro, 2007 -2008.

https://vimeo.com/339864387?activityReferer=1


Francesca Tripaldi, attrice in Prometeo 2218
Nata a Brescia, vive a Milano.
Si è diplomata alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano, corso Jean-Louis Barrault, nel 2014 e ha lavorato con diversi registi italiani e stranieri, tra i quali W. Le Moli, G. Sangati, E. Russo. Al lavoro teatrale alterna esperienze cinematografiche come attrice, ma anche assistenza a regie teatrali.

Luca Rodella, assistente alla regia in Prometeo 2218
Nasce a Padova, vive a Milano.