Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

CORPI AL VENTO

Ilaria Gelmi Antonella Ruggiero
Regia: Ilaria Gelmi e Antonella Ruggiero
Drammaturgia: Ilaria Gelmi e Antonella Ruggiero
Attori: Ilaria Gelmi e Antonella Ruggiero
Trailer: Link
Anno: 2020
CORPI AL VENTO
Arianna, Fedra, Pasifae: le donne di Creta

Una storia antica narrata da due corpi e due voci che si impastano, disgiungono, intrecciano, sovrappongono, fino a diventare un solo corpo e una sola voce.
Una madre, Pasifae, la madre del Minotauro, Arianna; la prima figlia, famosa per il filo con il quale portò Teseo in salvo dal labirinto; Fedra, la seconda figlia, una donna che lotta contro un amore impossibile. Donne cretesi, “le luminose” le chiamavano, tutte accomunate dallo stesso destino. Tutte fragili di fronte alle passioni d’amore, tutte vittime della stessa maledizione. Fragili, come la creta. Siamo tutti fatti di creta.
Un mito classico in chiave personale, femminile, ironica e contemporanea.

"Corpi al vento" ripercorre le storie di donne condannate ad un eterno ciclo di ripetizioni familiari e ci permette di guardarci allo specchio, negli occhi degli spettatori, perché oggi, insieme a loro, il filo delle ripetizioni si può tagliare.
Possiamo dare alla nostra vita la forma che vogliamo.

CORPI AL VENTO è stato presentato sotto forma di corto teatrale al Festival di Micro Teatro BONSAI a cura di Ferarra Off (29 aprile 2018) e ha vinto due settimane di residenza artistica a BRACT Brevi Residenze Artistiche di Territorio e Comunità presso “L’elba del vicino a Rio” (LI) nel giugno 2018, è stato ospitato due settimane in residenza artistica da Terrammare Teatro presso il Teatro Comunale di Nardò (LE) nell’aprile 2019 e una settimana a Campsirago Residenza a Colle Brianza (LC) nel giugno 2019.
Nell'estate del 2020 debutta al Vimercate Ragazzi Festival ed è ospite del NurArcheoFest (Sardegna) e del Festival dei teatri d'Arte del Mediterraneo (Formia).




Altri crediti: messa a punto del lavoro delle attrici: Roberto Anglisani
cura delle narrazioni fisiche: Elisa Cuppini
disegno luci: Tea Primiterra

con il sostegno di: Teatro Evento, Terrammare Teatro, B.R.A.C.T., Campsirago Residenza

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Per visualizzare la scheda tecnica devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Antonella Ruggiero ed Ilaria Gelmi sono due attrici e narratrici, la prima pugliese e la seconda emiliana. Si incontrano per la prima volta in un laboratorio di formazione residenziale sul teatro di narrazione a cura di Roberto Anglisani, un percorso di studio e approfondimento per attori/narratori provenienti da tutta Italia, organizzato dalla Compagnia Armamaxa presso il Teatro Comunale di Ceglie Messapica (BR).
Condividono questa importante esperienza, un percorso formativo a cadenza annuale, della durata di tre anni, che fornisce loro un linguaggio comune. Hanno creduto nella possibilità di sperimentare una forma diversa rispetto alla narrazione tradizionale, che già praticavano nei loro spettacoli: raccontare insieme.

ANTONELLA RUGGIERO
Nata il 04/08/89 a Conversano (BA) residente a Castellana Grotte (BA)

Diplomata alla scuola triennale per attori e registi I.T.A.C.A. International Theatre Academy of Adriatic Accademia teatrale accreditata dalla regione Puglia, direttore artistico - Gianpiero Borgia e coordinatore didattico - Christian Di Domenico (2008/2011). Studia tra gli altri con Eimuntas Nekrošius (Studio su Ivanov e Il giardino dei ciliegi – Città delle cento scale festival 2016), Ellen Hemphill (Seminario Voce e movimento 2016), Chiara Guidi (Il movimento della voce in una foresta di immagini invisibili 2016 - Il metodo errante: La terra dei lombrichi /PUERILIA 2015), Cesar Brie ( laboratorio Pensare la scena/Festival Itineriaria 2014), Flavio Albanese e Marinella Anaclerio (Masterclass in commedia dell’arte/ E.T.C.P. Greece-Italy 2007/2013), Will Keen e Maria Fernandez Ache (seminario sul verso shakesperiano / Biennale di Venezia 2012), Cesare Ronconi (Le case dei sogni di Jhon Cage, laboratorio con happening finale/ Festival internazionale di Santarcangelo 2012), Silvano Antonelli e Pia Watcher (seminario I territori dell’infanzia 2013), Alessio Bergamo, Andrea Cramarossa (dizione e uso della voce), Michele Sinisi, Ida Decenvirale(canto); Jenny Lipman, Peter James e Marc Bell (Insegnanti della L.A.M.D.A London Academy of Music and Dramatic Art - Shakespeare Summer School su “Molto rumore per nulla” e “Sogno di una notte di mezza estate” – 400 ore), Monica Samassa, Sabine Jamet, Eugenio Allegri (Commedia dell’arte).
Dal 2015 frequenta un seminario residenziale di teatro di narrazione a cura di Roberto Anglisani presso la Residenza Teatrale di Ceglie Messapica/ArmamaxaTeatro.
Attrice nei seguenti spettacoli: La terra dei Lombrichi, regia di Chiara Guidi / Societas Raffaello Sanzio, Orlando pazzo per amore, regia di Marinella Anaclerio e Flavio Albanese / Compagnia del sole; Cappuccetto rosso smarrita nel bosco, regia di Leonarda Saffi / Rainbow Theatre; Concerto in sol maggiore per giardino d’infanzia, regia di Andrea Cramarossa / Teatro delle Bambole. Volto della campagna pubblicitaria del Teatro pubblico pugliese (2013/14), attirice nella web fiction Tutti i venerdì e nel video promo dell’album di Caparezza Il sogno eretico, regia di Enzo Piglionica.
Collabora stabilmente con la Compagnia La Luna nel Letto, impresa di produzione di teatro di innovazione sperimentazione e infanzia e gioventù, come assistente alla regia negli spettacoli “Cenerentola across the universe” e “Cinema paradiso”; come attrice in “La bella addormentata” e “L’Abito Nuovo” di E. De Filippo e L. Pirandello con Marco Manchisi.
Nel 2016 debutta al Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria con “Griselda”, dall’ultima novella del Decameron, da lei scritto, diretto e interpretato. Nel 2017 è semifinalista al Premio Scenario con un nuovo progetto: “A porte chiuse”.

ILARIA GELMI
Nata a Parma il 26/07/74 e residente a Parma

Dal 1990 si forma con il Teatro delle Briciole di Parma, presso cui frequenta il Lab. Permanente fino al 1995; dal 2000 al 2003 lavora con Terrammare Teatro (LE); dal 2003 al 2005 frequenta il Corso biennale di alta formazione per attori presso l’ERT di Modena; nel 2006 vince il Premio del pubblico al Palio Poetico Musicale Ermo Colle (PR) con lo spettacolo “Cieli intatti”, nel 2007 lavora come assistente alla regia per “Urlo di mamma” di Elisa Cuppini prodotto dal Teatro delle Briciole per il quale realizza la performance “La Pastora”, dal 2007 lavora come narratrice e collabora in qualità di attrice su tutto il territorio nazionale; dal 2011 è membro attivo del gruppo italiano NasONasO Social Clown (Ostuni).
Nel 2016 realizza lo spettacolo “Passaggi” con la collaborazione del drammaturgo Francesco Niccolini.
Dal 2016 viaggia in Argentina, Bolivia, Uruguay in tournèe con i suoi spettacoli di narrazione ospitati in festival, teatri, scuole e centri culturali.
Nel suo percorso ha approfondito il lavoro sulla voce (con Silvia Lodi, Germana Giannini, Germana Mastropasqua, Imke McMurtrie, Antonella Talamonti), sul movimento (con Elisa Cuppini, Yves Lebreton, Julie Stanzak), sulla narrazione con Roberto Anglisani e Francesco Niccolini , sono stati importanti anche gli incontri con: Cesar Brie, Laura Curino, Donati & Olesen, Silvia Ricciardelli, Tapa Sudana.
Nel cinema ha lavorato con Pupi Avati (“Il cuore grande delle ragazze”), Paolo Virzì (“Tutti i santi giorni”), Antonio Morabito (“Il venditore di medicine”), Christian Spaggiari (“La rugiada si San Giovanni”). Ha partecipato anche a varie fiction.