Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Gli Ultimi Giorni di Agatha Von Braun

Lo'Co Théâtre
Regia: Joaquin Nicolas Cozzetti, Francesca Lo Bue
Drammaturgia: Annalisa Ambrosio, Francesca Lo Bue
Attori: Francesca Lo Bue, Joaquin Nicolas Cozzetti
Trailer: Link
Anno: 2019

"Gli uomini sanno e si comportano come se non sapessero. Sanno e dimenticano."
Il Re Muore, Eugène Ionesco

Una casa avvolta dalla polvere porta i segni di una gloria antica. Una contessa senza età canta a una pianta appassita, mentre il suo maggiordomo muto spazza le foglie che cadono imperterrite dal soffitto. Due figure senza tempo in un luogo sospeso, dove l’eternità è un susseguirsi indistinguibile di giorni e di tazzine da tè.
Questo delicato equilibrio va in pezzi quando la contessa Agatha Van Braun scopre che il suo calendario termina l’11 novembre. Così Agatha si ritrova ad affrontare l’inconcepibile: per lei non ci saranno più un 12 novembre, una primavera, un Natale, tantomeno un compleanno. Disperazione, follia, risate, ricordi, pianificazioni assurde, ogni trovata è buona pur di cambiare la sorte: surreale e autentico al tempo stesso, Gli Ultimi Giorni di Agatha Von Braun è la parabola tragicomica di una donna di fronte alla finitezza dei propri giorni.

Il terrore della morte accomuna gli uomini di ogni tempo, cultura e società.
In scena troviamo una donna che si protegge dalla natura assurda della propria fine.
Piuttosto che accettarla ne rimuove il pensiero e si rinchiude nella propria illusione d’eternità. La morte appare come una possibilità distante che non la riguarda. Muoiono gli altri, non lei.
Il carattere nobiliare di Agatha sottolinea l’arroganza umana di fronte alla morte, la presunzione infondata di avere a disposizione un numero infinito di giorni. Essi sono, per l’appunto, a nostra disposizione; l’esistenza e il tempo sono al nostro servizio: nient’altro che un semplice maggiordomo sul quale possiamo esercitare la nostra volontà.
Tuttavia, in prossimità della morte, questa gerarchia si capovolge. In questo ribaltamento emerge con forza la natura ridicola, fragile e grottesca dell’essere umano.
Crollata ogni illusione, persa ogni speranza di poter aggirare la propria fine, Agatha non può fare altro che accettarla. I giorni che, nel loro banale e quotidiano susseguirsi, apparivano dovuti, si rivelano ora concessi. L’esistenza resta muta di fronte alla nostra disperata richiesta di aiuto e, infine, si rivela nel suo ruolo di vero padrone.



Altri crediti: Con il sostegno della Cavallerizza Irreale di Torino e Associazione Naso in Tasca di Biella

Produzione: Lo'Co Théâtre

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    Lo spettacolo può essere eseguito su un palcoscenico di dimensioni min. m 6 x 7, possibilmente corredato di fondale e quadratura nera.
    Lo spettacolo prevede elementi scenici appesi al soffitto. In assenza di americane sulle quali installarli, si potranno concordare con lo spazio eventuali soluzioni alternative.



    Impianto luci
    Versione ottimale:
    10 PC 1 kw (dotati di bandiere e porta gelatine)
    3 PC 500 W (dotati di bandiere e porta gelatine)
    4 PAR 64 cp 62 (dotati di porta gelatine)
    1 scala o piattaforma per puntamenti, con operatore.
    24 canali dimmer (2 kw l'uno).
    1 consolle luci 24/48ch (doppio banco)



    Impianto audio

    Impianto audio stereofonico di potenza adeguata allo spazio.
    1 MIXER analogico con almeno 2 canali stereo in ingresso e 2 in uscita
    2 cavi di collegamento audio per i computer e il mixer (mini jack stereo-doppio jack mono)


    Tempo montaggio

    Montaggio: 4 h (comprensive del puntamento luci)
    Smontaggio: 1 h

    E' richiesta la presenza di un macchinista per fissare gli elementi scenici sulle americane e di un tecnico del teatro per i puntamenti luce.

    Referente tecnico
    Francesca Lo Bue +39 3382265624
    Lo'Co Théâtre viene fondata da artisti diplomati all'École Internationale de Théâtre Jacques Lecoq di Parigi. Qui si formano professionalmente, acquisendo una comune sensibilità nell'approccio alla creazione teatrale e prediligendo un linguaggio artistico nel quale il lavoro corporeo, la ricerca delle forme e del movimento, assume un ruolo centrale.
    Uno dei principali interessi della compagnia è lo sviluppo di uno stile e un linguaggio personale volto alla trasposizione grottesca e assurda della realtà e delle sue contraddizioni tragiche.
    Prima di costituirsi ufficialmente nel 2018, i membri della compagnia avevano già collaborato nel 2014 ad un primo spettacolo, Guess Who?. Scritta in collaborazione con l'autrice Annalisa Ambrosio, la pièce è presentata sotto forma di corto teatrale, vincendo la III edizione del Minimo Teatro Festival di Palermo e del Festival Alla Corte dei Corti di Lodi (Premio della giuria, Premio del pubblico e Premio Miglior attore e Migliore attrice). Attualmente la compagnia è in creazione con lo spettacolo Cache-Cache (finalista del Premio Scintille 2017)