Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

MORFEO_il mio sonno è una danza

Compagnia Arearea/Marta Bevilacqua
Regia: Marta Bevilacqua
Drammaturgia:
Attori: Angelica Margherita, Andrea Rizzo
Trailer: Link
Anno: 2018

Sinossi
Morfeo è il dio della notte, del sogno e delle forme. Al posto delle ciglia ha due ali di farfalla. Si veste poco ma non ha mai il raffreddore. E’ velocissimo, sa essere qui e lì in un lampo. Agisce quando nessuno lo vede, si trasforma in persone che nemmeno conosce e ce le fa sognare. Brilla nella notte il suo mazzo di papaveri. Con quelli addormenta tutti tranne Lei.
Nel buio c’è una ragazza ad attenderlo sulla soglia del dormiveglia.
Sulla scena c’è anche una scatola nera...essa ci rivela che niente è come appare e che nella notte, nel buio più profondo, i nostri sogni hanno una materia.
Il progetto
Il progetto MITICA, nel corso del triennio 2018-2020, vede impegnata la danzatrice e coreografa della Compagnia Arearea, Marta Bevilacqua, nella scrittura di danza per le nuove generazioni.
MITICA affronta i grandi temi della classicità - il sogno, l’ingegno, la libertà d’amare - tanto cari all’artista, che per formazione e passione li ha presentati in forma coreutica in spazi urbani e teatri d’Italia e d’Europa, trasmettendo il fascino di narrazioni antiche, cariche di sacralità, nella consapevolezza che sono un veicolo di comunicazione fortissimo per riflettere sulla realtà contemporanea.
Il mito è pedagogico a tutte le età: è insieme rigoroso e tra- sgressivo, non giudica, contempla la rovina, non ostenta mo- ralismi, si fida della bellezza.

Altri crediti: Assistente alle coreografie: Valentina Saggin
Musiche: Fryderick Chopin, Coldplay, Claude Debussy Disegno Luci: Fausto Bonvini/Daniela Bestetti
Illustrazione: Nancy Rossit
Produzione: Compagnia Arearea
Con il sostegno progettuale di: teatroescuola ERT - FVG
Con il sostegno di: Mibact
Progetto finalista Collaboraction Kids 2018/2019 della Rete Anticorpi XL


Produzione: Compagnia Arearea

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Spazio scenico
    SPAZIO
    - Dimensioni minime spazio scenico m 7L x 6P x 5H. Ideale m 9L x 8P x 6H
    - Quadratura nera: fondale nero + quinte nere all’italiana
    - Tappeto danza nero
    - Sovra tappeto nero m 9L x m 8P (n. 6 rotoli da m 1,5 cad. = dotazione Compagnia) - 3 americane luci (sala, centro e fondo palco)
    - Lo spettacolo necessita di spazio scenico oscurabile.
    - Le regie audio e luci devono essere vicine e posizionate a fondo sala
    NB: Lo spettacolo utilizza argilla e polveri, per questo motivo è previsto a protezione del tappeto danza un sovra tappeto nero di dotazione della Compagnia.

    Impianto luci
    LUCI
    - 12 canali dimmer (2KW cad.) inclusa sala
    - mixer luci memorizzabile modello Spark LX (dotazione Compagnia)
    - dmx 5 pin in regia per mixer luci
    - 1 lampada da tavolo per regia
    - 10 PC 1KW completi (di cui 2 su basetta a terra)
    - 6 PAR64 1KW – cp 62 completi (di cui 2 su basetta a terra)
    - 4 barre led Prolights Lumipix16H + piantane + caveria (dotazione Compagnia)
    - 4 dirette 220V per alimentazione barre led (2 in quinta sinistra e 2 in quinta destra) - cavo segnale dmx 5 pin da dimmer a barre led in palco
    - 4 basette nere per proiettori a terra
    - sdoppi e prolunghe in quantità appropriata allo spazio, preferibilmente nere per i cablaggi a terra
    - gelatine Leefilters: 203, 200, 711, 195, 052, 245 (dotazione Compagnia)


    Impianto audio
    AUDIO
    - Impianto di amplificazione adeguato alle dimensioni della sala - 2 monitor di palco indipendenti
    - Mixer audio + cavo jack/minijack
    - laptop per playlist musiche (dotazione Compagnia)

    Tempo montaggio
    PERSONALE E PREMONTAGGIO
    - 2 aiuti su piazza (tappeto danza + quadratura nera + montaggio impianto audio e livelli + montaggio e puntamenti luci)
    - 1 tecnico e datore luci + 1 datore musiche (personale di Compagnia)
    N.B. Si richiede giorno di premontag

    Referente tecnico

    Daniela Bestetti +39 338 3484126 - d.bestetti@me.com
    Coreografa e danzatrice collabora con ricci/forte in qualità di coach di compagnia per La Ramificazione del Pidocchio (2016) e firma i movimenti scenici dell’opera Turandot che apre la stagione dello Sferisterio - Macerata Opera Festival (2017) e de La Mano Felice_Il Castello del Principe Barbablù: dittico per il Teatro Massimo di Palermo (2018) e Nabucco per il Festival Verdi del Teatro Regio di Parma (2019).
    E’ co-direttrice artistica della Compagnia Arearea realtà con cui collabora dal 1998. Si forma all’Accademia Isola Danza a Venezia diretta da Carolyn Carlson (2001). Il suo tratto coreografico si contraddistingue per la combinazione di ricerca gestuale e necessità tematiche. Le sue creazioni si nutrono di riferimenti filosofici espressi in chiave contemporanea e autorale. Tra le sue coreografie più premiate Nec Nec (Network Anticorpi Explò - Ravenna), Organon_sull'ingombranza del pensiero (Premio Equilibrio - Roma), Innesti_il corpo tecnico (Danza Estate – Bergamo), Ruedis_ruote di confine (Mittelfest – Cividale del Friuli). Duttilità e fascino per il rischio, fanno sı̀ che venga coinvolta in progetti educativi e sociali che affondano nella realtà di tutti i giorni. E’ docente di danza contemporanea in centri di alta formazione come l’Accademia d’Arte drammatica “Nico Pepe” di Udine, l’Accademia delle Diversità di Bolzano, Lo Studio di Udine. E’ docente tutor della sezione Performance nel Master in Comunicazioni e Linguaggi non Verbali – Università Cà Foscari di Venezia. Lavora con passione nella doppia dimensione del teatro e della danza urbana. Ha danzato come interprete per Adarte, Aldes, Balletto Civile, Ersilia Danza, Naturalis Labor, TPO, CSS Teatro stabile d’innovazione, Versilia Danza. Le sue creazioni di respiro internazionale sono: Dafne_per una mitologia urbana Lieux Publics (Marsiglia 2011), è invitata al progetto Writing site by site (Graz) piattaforma internazionale IN-SITU per la quale ha creato Panta Rei_per una filosofia urbana (2012), co- prodotto dalla Reggia della Venaria Reale (Torino). Il suo progetto Oltre La Luna (2012), è stato prodotto da Dance Channels piattaforma europea di sostegno a nuovi coreografi (Saragoza, Manchester, Genova). Tra le sue ultime produzioni figurano: Schnurrbart_Fritz secondo Lou, Play With Me, Le Quattro Stagioni (selezionato per Nid Platform 2017), Morfeo (Network Anticorpi XL – CollaboraAction Kids 2018. Per il triennio 2018/2020 la sua ricerca è sostenuta dal Festival per la nuova scena contemporanea HangartFest (Pesaro).