Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

A morsi

Vasco Mirandola e Mattatoio5
Regia: Vasco Mirandola
Drammaturgia: Vasco Mirandola
Attori: Attore: Vasco Mirandola Musicisti: Davide Truffo, Filippo De Liberali, Tommaso Meneghello
Trailer: Link
Anno: 2019

A MORSI Performance poetica multimediale con Vasco Mirandola e Mattatoio5
Ama la goccia che fa traboccare il vaso. È nascosto lì ogni bel cambiamento. (Gemma Gemmiti)

Aprire finestre con un urlo, dar sfogo alla rabbia, usare parole come pietre, come frecce, per rompere muri, per buttare giù pareti che dividono, per far entrare aria che ci dia respiro. Dire con parole che non offendano, non chiudano, non feriscano, non distinguano, ma comprendano. Ridare dignità a chi le pronuncia e a chi le ascolta, tentare un salvataggio Un viaggio nei testi della nuova poesia, che racconta il disagio dei nostri tempi e disegna una mappa di resistenza attiva che propone dialogo, umanità e coraggio.

Vasco Mirandola: testi, voce recitante Davide Truffo: chitarra Tommaso Meneghello: voce, basso, synth, Filippo De Liberali: synth, programming e visual

Vasco Mirandola e Mattatoio5 continuano la collaborazione iniziata con lo spettacolo multimediale Fix-me, uscito nel 2017, che affrontava il tema dell’Alzheimer. Li accumuna il gusto di una ricerca tra immagini, video, danza, musica elettronica e parole, che restituisca delle riflessioni su temi scottanti della contemporaneità.
Qui un breve video di Fix-me https://youtu.be/aNNTHrQxXzQ

A MORSI - Testi utilizzati

Alessandro Burbank - Una bestia
Gabriele Stera - Piano per la fine della luce
Francesco Targhetta – La rivolta
Francesco Targhetta – Volevo violentare una città
Luigi Nacci - Alzati e cammina
Piero Simon Ostan - La statale a maggio
Mariangela Gualtieri – Il seme della tempesta
Gianluigi Gherzi - Noi dovremmo brulicare
Louise Lecavalier - Messaggio dal Quebec  


Produzione: Autoprodotto

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

Spazio scenico
Minimo 6 x 4 mt

Materiali a carico dell’organizzatore
1 videoproiettore
1 schermo o superficie adatta alla proiezione (dimensioni minime 5x3,75 Mt)
1 cavo HDMI o VGA di lunghezza sufficiente a raggiungere il proiettore
2 tavoli per appoggio strumentazione (dimensioni minime 100x60 altezza 90 cm)
2 linee di corrente 220 volt

Impianto luci
2 tagli laterali a led colorati
2 Controluce
4 PC 500 frontali

Impianto audio
impianto PA
mixer con almeno 2 mandate AUX per ritorno monitor
2 casse monitor
2 microfoni voce
1 mic.ad archetto
1 microfono per chitarra
2 aste microfono

Tempo montaggio
1.00 ora

Referente tecnico
Filippo De Liberali
+393478314279
info@mattatoio5band.com
Vasco Mirandola e Mattatoio5 continuano la collaborazione iniziata con lo spettacolo multimediale Fix Me, uscito nel 2017, che affrontava il tema dell’Alzheimer. Li accomuna il gusto di una ricerca tra immagini, video, danza, musica elettronica e parole, che restituisca delle riflessioni su temi scottanti della contemporaneità.

Vasco Mirandola ha lavorato in televisione, teatro, cabaret, cinema (premio Oscar con Mediterraneo di Gabriele Salvatores, Il Toro e Il Prete Bello di Carlo Mazzacurati per citarne alcuni. Ha pubblicato tre libri di poesie. Ha lavorato nell’ambito del disagio in Italia e all’estero, attualmente collabora con la Compagnia Accademia arte della diversità di Bolzano. Ha diretto una compagnia di sordi. Ha collaborato con danzatori, scultori, musicisti, videomaker.
Nelle sue produzioni artistiche unisce linguaggi diversi, alimentando una visione “poetica” del teatro in tutte le sue forme. Da anni si dedica con passione a percorsi e progetti legati alle lettura.

Mattatoio5 è un progetto che unisce musica elettronica/post-rock a interventi di danza, visual e performance di figuranti. Il collettivo, nato nel 2013 da Davide e Filippo appassionati di musica e arti visive, vede l'ingresso l'anno successivo di Tommaso alla ricerca di nuove sperimentazioni vocali e la collaborazione con la danzatrice Samuela Barbieri.