Cookie
Questo sito si serve dei cookie di Google per le statistiche anonime e di quelli Youtube e Vimeo per la visualizzazione dei video. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.
Chiudendo questo box ne accetti l'utilizzo.

Piccoli Pezzi Poco Complessi

InBalia Compagnia Instabile
Regia: Marco Cacciola, Francesco Villano
Drammaturgia:
Attori: Marco Cacciola Lucia Mascino Francesco Villano
Trailer: Link
Anno: 2011

Due grandi cubi ospitano due uomini, una donna circuita attorno a loro, luci led, un set di dispositivi multimediali, un uovo simbolo di vita e perfezione, la riproduzione, la clonazione, la natura, la tecnica, la scienza: PICCOLI PEZZI poco complessi è la prima opera della compagnia InBalìa, un omaggio a Michel Houellebecq e a "Le Particelle Elementari".
Uno spettacolo per due registi, due punti di vista. Due approcci al lavoro - e al mondo - si alternano sulla scena. Creazione e paternità, umana / tecnica / artistica, sono i temi che legano, in modi diversi, i tre personaggi del testo: Bruno, Michele e Susan.
Due fratelli, un ricercatore e un disoccupato erotomane, vivono dentro rassicuranti strutture di ferro. Passano le loro giornate tra piccoli rituali domestici e ossessioni onanistiche. Ma le loro menti vagano, pensano e progettano imprese futuristiche, rivoluzionarie teorie, creazioni di opere d’arte. La loro visione del mondo può così diventare oggetto, creatura. Osservano gli uomini attraverso la voce e l’immagine che gli rimanda l’altro, si studiano, ma di fatto sono soli. Si auto alimentano. Una donna entra ed esce dalle loro tane e dalle loro vite con grande semplicità. Li testa. Lei non ha ancora un luogo, ma ha un istinto vitale e incontrollato che la spinge a cercare, a desiderare un figlio. Questi incontri, però, rimangono germi, non si sviluppano in storie, non creano reazioni che determinano conseguenze. Sono solo persone abbarbicate al tempo presente e all’idea di poter superare la morte lasciando una traccia, un segno di sé nell’arte, nella scienza, nei geni. Un figlio sarà, in questo caso, niente più che un prodotto di consumo che servirà a soddisfare l’ego e le pulsioni del suo artefice. Piccoli pezzi di umanità si incontrano, si sfiorano, si separano. Una riflessione sul desiderio della creazione e sulle frustrazioni che ne conseguono, ambientata in un mondo possibile, imploso, umano.
“Piccoli Pezzi” è una spettacolare riflessione sulla riproduzione e il terrore di scoprirsi inefficaci, sterili, poco rappresentativi di se stessi e del tempo in cui si vive.
Una drammaturgia di corpi e parole sulle possibilità riproduttive della specie umana e i suoi effetti collaterali.

Per visualizzare il video integrale devi essere registrato come operatore o teatro e aver eseguito l'accesso.

    Durata dello spettacolo: 1ora e 20
    Attori n. 3
    Spazio scenico ottimale: presa visione della pianta del teatro
    Inquadratura: presa visione in sede di sopralluogo
    Potenza richiesta: 10 Kw
    Durata del montaggio: h 8
    scala per i puntamenti luci
    Personale richiesto al Teatro: 1 aiuto elettricista, 1 aiuto macchinista, da convocare alle ore 9.00


    LISTA MATERIALE RICHIESTO:
    20 PC 1000 W
    4 PAR 36 ns 8°
    2 PAR 64 cp 60
    6 PAR 64 cp 62
    4 ETC 50°
    10 DOMINO
    2 SCARICHE ai vapori di mercurio 400W
    Tutti i proiettori si intendono completi di telai portagelatine, bandiere (nel caso dei PC), e iridi e 4 portagobos (nel caso degli ETC)

    33 canali dimmer
    1 consolle COMPULITE SPARK

    rotolo di 201
    rotolo di 119 blu
    rotolo di 139 verde
    foglio di 104

    un lettore CD
    casse e mixer audio
    microfono

    videoproiettore

    fondale pvc
    scatola nera / quintatura tedesca
    L’associazione Culturale InBalìa – Compagnia Instabile nasce nel 2010, quando Marco Cacciola, Michelangelo Dalisi e Francesco Villano, insieme a Petra Trombini (responsabile tecnico) e Debora Meggiolaro (organizzazione), decidono, dopo anni di esperienze e collaborazioni con altri registi, di costituire una “Compagnia Instabile”. Condividono poetiche e percorsi diversi, ma anche la stessa volontà autoriale, assumendosene la responsabilità in prima persona. Una forma di neo battesimo artistico quindi, che li impegnerà non solo in scena, ma alternativamente anche nella regia e nella formazione, nel solco di una ricerca continua, per mescolare i segni viventi della loro pratica teatrale. Tra i lavori della Compagnia, PER AMLETO, regia e adattamento di Michelangelo Dalisi in collaborazione con Nuovo Teatro Nuovo/Festival Teatro Italia, PICCOLI PEZZI POCO COMPLESSI di Magda Barile regia di Marco Cacciola e Francesco Villano in residenza al CRT di Milano e SONATA PER RAGAZZA SOLA di Federica Bern regia di Francesco Villano.